More

    Confusione tra gli hotel di Tenerife: i residenti devono presentare il certificato?

    Di fronte a un BOC che non si riferisce all’alloggio turistico sull’isola, alcuni scelgono di chiedere il documento che prova l’immunizzazione contro il coronavirus, mentre altri preferiscono mantenere l’autocertificazione.

    Lunedì scorso è entrata in vigore a Tenerife una delle misure che ha generato più polemiche durante la crisi sanitaria.

    A causa dell’aumento del numero di infezioni registrate sull’isola, gli interni di bar e ristoranti, così come i centri sportivi e culturali, dovranno richiedere ai loro clienti di presentare un certificato COVID che includa un programma completo di vaccinazione, un test negativo o un documento che certifichi che sono guariti dalla malattia negli ultimi sei mesi.

    Questo è un regolamento attuato nelle isole che sono ai livelli 3 e 4 dell’allarme coronavirus con le loro rispettive singolarità.

    Così, Tenerife è al livello massimo; Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma, al livello 3; La Gomera e Lanzarote, al livello 2; e El Hierro rimane al livello 1.

    Tuttavia, nel Bollettino Ufficiale delle Canarie (BOC) pubblicato il 26 luglio non c’è traccia di alcuna restrizione all’accoglienza turistica nell’isola più colpita.


    Di conseguenza, c’è una certa controversia tra gli hotel di Tenerife, che o decidono di attenersi all’attuale regolamento alberghiero e di ristorazione o preferiscono mantenere quello che hanno seguito fino ad ora.

    Diverse strutture ricettive hanno riconosciuto la confusione che regna quando si tratta di servire i residenti delle Canarie nei loro ricevimenti.

    È davvero necessario presentare il certificato COVID per un residente che si reca in hotel o casa vacanze?

    Secondo l’Hotel Escuela di Santa Cruz de Tenerife, “il BOC non fa alcun riferimento al nostro settore, quindi abbiamo chiamato il governo delle Canarie, che non è stato in grado di darci una risposta chiara” sul protocollo di azione per combattere la pandemia.

    In questo popolare alloggio della capitale ammettono che se i loro clienti sono residenti nelle Canarie e non hanno lasciato l’arcipelago negli ultimi 15 giorni, “devono firmare un affidavit”.

    “Se quella persona sta mentendo, e può essere provato con tecniche di rintracciamento, le autorità prenderanno provvedimenti”, aggiungono.

    Nel caso di clienti provenienti dalla terraferma, “che sono molto comuni”, o di isolani che hanno fatto un trasferimento precedente, si richiede la documentazione pertinente, come un certificato COVID o un test negativo, sia PCR o test rapido antigenico.

    Lo Spring Hotel Bitácora, situato ad Arona, ha anche assicurato che continuano a chiedere un affidavit ai canari che non hanno lasciato le isole nelle ultime due settimane.

    Per il resto dei loro ospiti, “chiediamo il certificato COVID con l’immunizzazione, test diagnostici negativi effettuati nelle ultime 72 ore o la prova che hanno superato l’infezione negli ultimi sei mesi”.

    A questo proposito, molti residenti di Tenerife hanno spiegato che è stato loro richiesto di mostrare questo documento di accreditamento con il programma completo di vaccinazione per accedere allo stabilimento turistico che avevano precedentemente contratto.

    Il Consiglio di Governo della Giunta Regionale previsto per oggi affronterà questo problema?

     

    Articoli correlati