More

    Pericolo: gli escrementi di coniglio potrebbero spazzare via le ginestre del Teide

    La ginestra del Teide, una specie endemica, è in declino a causa del cambiamento climatico e dell’azione dei conigli, un animale introdotto in questo spazio naturale fin dalla Conquista.

    L’accumulo di escrementi di coniglio nei terreni del Parco Nazionale del Teide colpisce i batteri noti come rizobio, che forniscono azoto alla ginestra, riducendo la disponibilità di questo nutriente essenziale per le piante e potenzialmente indebolendo la crescita della ginestra.

    Questa è la conclusione di uno studio su come l’alterazione delle popolazioni di rizobio nel suolo causata dalle latrine di coniglio può influenzare la fissazione dell’azoto nell’ecosistema del Parco Nazionale del Teide, a cui ha partecipato Laura Pulido, ricercatrice del Dipartimento di Biochimica, Microbiologia, Biologia Cellulare e Genetica della Facoltà di Farmacia dell’Università di La Laguna.

    Per i ricercatori, ripopolare il Parco Nazionale del Teide con piantine di ginestra precedentemente inoculate con queste rizobie sarebbe una strategia molto vantaggiosa.

    La ginestra è una leguminosa, come i ceci e la soia, ma non è commestibile per l’uomo, anche se “è molto appetitosa per gli erbivori”, e stabilisce una relazione benefica con questi batteri del suolo, i rizobio, che le forniscono l’azoto che non può trovare nel suolo ma che può catturare dall’atmosfera attraverso questa simbiosi.

    È il legume dominante nel Parco Nazionale del Teide e il gruppo di ricerca si è chiesto come gli escrementi di coniglio, che, come ogni escremento, contengono ammonio e urea, stavano influenzando la fissazione dell’azoto nel suolo.


    In effetti, il parco nazionale ha recintato delle zone di esclusione per impedire ai conigli di entrare, e i ricercatori hanno scoperto che il contenuto di azoto e la quantità di rizobie era diversa, leggermente più alta, nelle zone a cui i conigli non possono accedere.

    “La microbiologia è raramente presa in considerazione negli studi sugli ecosistemi vegetali, quando in realtà la relazione tra le piante e i batteri del suolo, il microbiota, è una parte essenziale, soprattutto i rizobidi, in questi suoli vulcanici dove il contenuto di azoto è povero”, spiega il ricercatore.

    Inoltre, la ginestra si sta adattando male ai periodi più lunghi di siccità e gli esemplari giovani non prosperano quando vengono attaccati dai conigli.

     

    Articoli correlati