Con l’arrivo del bel tempo e delle alte temperature, di solito compaiono sulla spiaggia le tanto temute meduse. Questi animali marini sono creature relativamente semplici, equipaggiate per la sopravvivenza: i loro tentacoli sono dotati di un liquido pungente che usano come difesa.

È molto facile subire una puntura di medusa perché basta toccarle per subire le conseguenze che di solito sono punture acute e dolori.

Cosa fare se si viene punti da una medusa?

Le punture di medusa causano forti dolori e prurito nel punto della ferita e orticaria sulla pelle.

Il dolore dura di solito tra mezz’ora e un’ora, ma è consigliabile recarsi in un centro medico se il disagio persiste per evitare una reazione allergica al liquido tossico delle meduse.

D’altro canto, occorre prestare particolare attenzione in caso di punture su neonati, che hanno ancora un sistema immunitario immaturo, o su anziani, soprattutto se assumono farmaci.


Sia i medici che i soccorritori raccomandano che il modo migliore per trattare una puntura di medusa è quello di pulire la ferita con acqua salata o soluzione salina e applicare impacchi freddi per ridurre il dolore.

Inoltre, si consiglia di coprire la zona interessata con garza sterile e di applicare qualche antistaminico e pomata corticoide per ridurre l’infiammazione, tenendola isolata dall’acqua e dal sole per due o tre giorni.

Nessuna irrorazione di urina sulla ferita!

Versare acqua fresca nella ferita, coprirla di sabbia o spruzzarla di urina erano alcuni dei rimedi popolari per il dolore della puntura di una medusa.

Tuttavia, sia i medici che i soccorritori sconsigliano vivamente tali pratiche, poiché contribuiscono solo a diffondere il veleno e possono addirittura aggravare l’eruzione cutanea.

Se un tentacolo di medusa è rimasto impigliato nella pelle, deve essere rimosso con pinzette o guanti di lattice (un po’ di aceto aiuterà), evitando in ogni momento di toccarlo.

Di solito, le punture di medusa guariscono progressivamente e senza ulteriori complicazioni, ma occasionalmente, alcune persone possono andare in shock anafilattico causato da una reazione allergica al liquido tossico della medusa.

Michele Zanin