More

    La straordinaria intelligenza del polpo, un animale che sembra di un altro pianeta

    I polpi sono cefalopodi, una classe di animali marini che fanno parte dei molluschi.

    Dotati di otto braccia coperte di ventose e di un corpo muscoloso senza ossa né conchiglie, sono endemici dei nostri oceani.

    Circa 200 specie sono distribuite in tutte le acque marine del mondo.

    Anche se il nostro ultimo antenato comune con loro risale a 500 milioni di anni fa, quando li studiamo, mostrano alcune inquietanti somiglianze con noi.

    Dietro i loro occhi fissi, il loro cervello funziona in modo sorprendentemente simile al nostro, e la loro curiosità e il loro desiderio di esplorare ci ricordano la nostra sete di conoscenza.

    Lo studio di queste somiglianze, che chiamiamo convergenze evolutive, ci permette di capire meglio come l’ambiente e l’evoluzione plasmano organi e comportamenti in modi simili.


    Su quest’ultimo punto, il comportamento dei polpi sembra indicare un’intelligenza impressionante.

    In etologia, la scienza che studia il comportamento, si studia questa intelligenza, che chiamano cognizione.

    Le abilità cognitive possono essere definite come i processi attraverso i quali le informazioni dall’ambiente sono percepite, elaborate, trasformate, conservate e poi utilizzate per prendere decisioni e agire.

    Da una prospettiva comportamentale, la flessibilità con cui gli individui si adattano e regolano il loro comportamento a situazioni nuove e mutevoli è una buona misura delle loro capacità cognitive.

    Numerosi studi sui polpi mostrano che hanno una grande flessibilità nel loro comportamento, sia nel loro ambiente naturale che in un acquario di laboratorio.

    Prendiamo prima l’esempio dei meccanismi di difesa nei polpi.

    Di fronte ai loro molteplici predatori, i polpi sono un asso nella mimetizzazione.

    Possono imitare il loro ambiente cambiando il colore e la consistenza della loro pelle istantaneamente e in una varietà di modi, grazie a cellule pigmentate chiamate cromatofori e muscoli multipli che coprono la loro epidermide.

    In assenza di un guscio, i polpi sono molto vulnerabili.

    Ecco perché cercano di nascondersi, preferibilmente in un rifugio a forma di cavità sotto una roccia: i polpi organizzano e mantengono il loro rifugio rimuovendo sabbia e aggiungendo pietre e conchiglie per chiudere meglio l’ingresso.

    Altri preferiscono coprirsi con fango o conchiglie per nascondersi, e alcuni portano persino il loro rifugio tra le braccia, un comportamento che è considerato l’uso di uno strumento.

    Un esempio è il polpo di cocco, che è stato osservato portare un mezzo guscio di noce di cocco per nascondersi al minimo pericolo.

    I polpi sono anche formidabili predatori.

    I loro meccanismi di attacco sono adattati alla grande varietà di prede che consumano: tutti i tipi di molluschi e crostacei, ma anche pesci e persino altri cefalopodi.

    Possono usare la loro visione e mimetizzazione per cacciare, o le loro braccia per esplorare, toccare e assaggiare l’ambiente e afferrare qualsiasi cibo a portata di mano.

    Possono avere interazioni interspecifiche per cacciare e cooperare con certi pesci, specialmente le cernie, per trovare prede nascoste.

    Imparano a diffidare dei granchi che portano anemoni e li attaccano con cautela senza essere punti.

    Quando consumano crostacei e molluschi, i polpi possono forzare l’apertura della conchiglia, possibilmente facendo scivolare un piccolo sasso per bloccare la chiusura, o iniettando una tossina paralizzante che permetterà alla conchiglia di aprirsi facilmente.

    La tossina viene inoculata in un muscolo molto preciso dopo la perforazione del guscio e il polpo deve imparare e ricordare dove perforare ogni guscio.

    Questi animali sono complessi da studiare, soprattutto a causa della loro grande forza, in quanto possono facilmente distruggere i dispositivi di ricerca: attenzione alle telecamere subacquee, sono in grado di aprire le custodie impermeabili per danneggiarle!

    Inoltre, non hanno ossa e possono facilmente fuggire attraverso anche il più piccolo buco.

    Infinitamente curiosi, si aggrappano alle mani e alle reti durante la manutenzione del vostro acquario.

    Eccellono nell’apprendimento discriminatorio: quando gli vengono presentati due oggetti, imparano ad attaccarne uno in cambio di una ricompensa, in base alle sue caratteristiche, come il colore, la forma, la consistenza o il sapore.

    Possono conservare questo apprendimento per diversi mesi e sono anche in grado di generalizzare, un compito complesso che richiede di espandere spontaneamente la regola appresa a nuovi oggetti in base alle loro somiglianze (dimensioni, colore, rugosità) con quelli precedentemente incontrati.

    Mostrano una discriminazione condizionale, cioè possono modificare la loro scelta a seconda del contesto: per esempio, possono imparare ad attaccare un oggetto solo in presenza di bolle nel loro ambiente e a trattenersi in loro assenza.

    Infine, i polpi possono imparare guardando i loro compagni.

    Questo è sorprendente, perché sono animali descritti come prevalentemente solitari (anche se occasionalmente sono state osservate comunità).

    Il fatto che siano al centro della nostra attenzione non significa che siano i più intelligenti dei nostri mari!

    Nel cortile della scuola dei cefalopodi, il polpo sarebbe l’alunno cattivo.

    La seppia sarebbe la prima della classe.

    Questi cugini del polpo sono sorprendentemente trascurati dal grande pubblico, eppure sono al centro di molte ricerche nei laboratori di etologia di tutto il mondo: sono meno versatili dei polpi, ma hanno una capacità di apprendimento incomparabile.

    Possono imparare regole complesse in pochissimo tempo e, una volta imparate, applicarle alla perfezione.

    Infine, i cefalopodi ci mostrano che non c’è bisogno di cercare forme di vita intelligenti su altri pianeti, c’è ancora molto da scoprire nei nostri mari!

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati