More

    Puertos del Estado conosce i problemi del sistema portuale di Tenerife

    Il presidente dell’ente sottolinea la necessità di abilitare il terreno libero della zona franca, che ha solo un 30% occupato.

    Il presidente di Puertos del Estado, Francisco Toledo, ha recentemente visitato il porto di Santa Cruz de Tenerife nel quadro della cerimonia di posa della prima pietra delle opere di difesa e gestione della zona del Charcos dell’area funzionale di Valleseco.

    Una giornata che è stata completata con una visita al porto della capitale e al porto di Granadilla accompagnato dal capo dei porti di Tenerife, Carlos Gonzalez, e il direttore dell’agenzia portuale, Aitor Acha.

    Nel loro tour delle strutture, Carlos González e Aitor Acha hanno condiviso con il massimo rappresentante di Puertos del Estado i problemi del sistema portuale di Tenerife e i suoi principali obiettivi di sviluppo nei prossimi anni.

    Nel porto di Santa Cruz, Toledo ha notato la necessità di occupare il terreno libero di Zona Franca, che, autorizzato nel 2006, ha occupato solo il 30% del terreno disponibile, per il quale è necessario dare un grande impulso alle attività che possono essere costituite come un operatore doganale.

    Nella Darsena dell’Est, ha valutato la necessità che entrambi i terminal di container lavorino con l’obiettivo comune di aumentare la connettività di Tenerife con l’Africa, l’Europa e l’America, il che permetterà un aumento del trasbordo di container.


    In quest’ultima enclave, Toledo ha anche appreso della richiesta di installazione di un bacino galleggiante che permetterà a Tenerife di recuperare lo spazio perduto nella zona di riparazione navale, dove in passato questa attività è stata lasciata morire.

    Qualsiasi nave di più di 30 o 40 metri di lunghezza deve spostarsi a Las Palmas o Lanzarote per portarla fuori dall’acqua e lavorare al suo lavoro vivo.

    Durante la sua visita al porto di Tenerife ha anche visitato il terminal crociere in concessione al gruppo Carnival, dove è rimasto impressionato dalla qualità delle strutture.

    Inoltre, è stato informato della necessità di introdurre nuovi servizi, come la fornitura di acqua e Marpol (combustibile) all’ancora, che miglioreranno la gamma di servizi del porto di Tenerife, che, a sua volta, permetterà il recupero dell’attività che questo porto ha avuto in passato.

    Già nel porto di Granadilla, Toledo ha potuto controllare il buon andamento dei lavori che sono attualmente in corso ed è stato informato della domanda di concessione del bacino galleggiante di Granadilla, dove si intende installare un grande centro di riparazione navale.

    Ugo Marchiotto

     

    Articoli correlati