More

    L’UE esorta la Spagna ad affidarsi a Frontex per proteggere le frontiere

    Bruxelles si appella alla “maggiore pressione migratoria” sulle coste spagnole, ma il Ministero dell’Interno rifiuta l’aiuto degli agenti europei.

    Ci sono stati 1.200 chilometri di muri costruiti in Europa dalla caduta del muro di Berlino; la recinzione di Ceuta è lunga appena otto chilometri.

    Ma la crisi di questa piccola e murata città autonoma può avere conseguenze sulla politica migratoria europea.

    L’UE sta sollecitando la Spagna ad affidarsi agli agenti di Frontex (l’agenzia europea delle guardie di frontiera) per rendere sicuri i confini spagnoli, nonostante la riluttanza del governo spagnolo, che si rifiuta sistematicamente di farlo.

    In una lettera inviata pochi giorni fa al ministro Fernando Grande-Marlaska, Frontex ritiene che “l’aumento della pressione migratoria sulla Spagna” dovrebbe portare Madrid a permettere l’aiuto dell’agenzia “in questa situazione difficile”.

    Gli interni hanno respinto questa opzione

    A Ceuta si stanno giocando diverse carte.

    C’è una crisi diplomatica tra il Marocco e la Spagna che si è innescata dopo l’accoglienza del leader del Fronte Polisario, Brahim Gali, ma che va più indietro, con una perdita progressiva di complicità.


    C’è qualcosa di simile ad una crisi migratoria dopo la reazione di Rabat, che non ha fatto nulla per impedire l’ingresso di circa 9.000 immigrati sul suolo spagnolo in poche ore.

    C’è una potenziale crisi sociale legata alle espulsioni espresse, alle retate per cacciare i migranti e alla situazione di centinaia di bambini che sono entrati in uno strano limbo legale.

    E c’è una dimensione politica europea di prima grandezza: Bruxelles ha serrato i ranghi con la Spagna, ha messo in guardia Rabat sugli aiuti legati alla migrazione se questo tipo di episodio si ripete.

    Ma le istituzioni europee vogliono approfittare di questo episodio per rimettere sul tavolo il patto sulla migrazione, che assegna a Frontex un ruolo fondamentale nella protezione delle frontiere europee.

    Bruxelles ha già fatto pressione dopo la crisi migratoria nelle isole Canarie, alcuni mesi fa, affinché la Spagna si affidi agli agenti di Frontex per controllare le acque in quella zona.

    La Spagna ha rifiutato.

    Questa tensione risale a molto tempo fa ed è un vero riflesso della disputa tra le forze di sicurezza nazionali e un’agenzia europea sempre più potente, ma che almeno i grandi paesi non vogliono minimamente vedere.

    Né Frontex ha perso l’occasione questa volta: il direttore esecutivo dell’agenzia, il francese Fabrice Leggeri, ha inviato una lettera al ministro degli interni spagnolo, nel mezzo della crisi di Ceuta, per offrire aiuto.

    “Frontex ha seguito e analizzato da vicino gli eventi di Ceuta”, scrive Leggeri, che subito dopo offre alla guardia costiera europea, “visto l’aumento della pressione migratoria sulla Spagna”, “questa difficile situazione”.

    Nel linguaggio legnoso della diplomazia europea, queste offerte vengono fatte quando Bruxelles considera la situazione preoccupante.

    Le istituzioni europee – e le principali cancellerie d’Europa – hanno applaudito la reazione di petto della Spagna all’entrata di migliaia di migranti a Ceuta.

    Hanno ripetutamente inviato messaggi di pressione a Rabat.

    Ma non sembrano nemmeno voler perdere l’occasione di sottolineare l’importanza di rinnovare il patto migratorio – che è stato sospeso in attesa delle elezioni tedesche.

    L’Est (Europa) che rifiuta di assumere qualsiasi tipo di solidarietà e il Sud che lo critica, ritenendo che la solidarietà sia insufficiente – e, per inciso, per evidenziare il pesante investimento che l’Europa ha fatto per rafforzare Frontex.

    L’agenzia – con sede a Varsavia – si dichiara nella lettera “pronta ad aprire un dibattito con le autorità nazionali per identificare le necessità operative e la possibilità di un sostegno supplementare”.

    La Spagna si rifiuta categoricamente di aprire questo dibattito.

    “Frontex era a malapena presente nelle isole Canarie e non è a Ceuta, ma è massicciamente nell’Egeo, con centinaia di agenti”, dicono fonti europee.

    Fonti diplomatiche di uno dei principali paesi europei, tuttavia, sottolineano che la Spagna “ha dimostrato di saper agire con rapidità e fermezza” e preferisce “risolvere la questione bilateralmente, con i propri mezzi, con una risposta pragmatica che potrebbe essere un po’ più difficile con Frontex”.

    La pressione migratoria è in aumento nel Mediterraneo occidentale, ma è molto, molto lontana dalle cifre di cinque anni fa, con la crisi dei rifugiati siriani.

    Finora quest’anno, gli ingressi sono stati inferiori a 10.000 a metà maggio, il 42% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, anche se l’episodio di Ceuta fa aumentare di molto i numeri.

    Le isole Canarie sono state finora il principale buco della costa spagnola, proprio perché il controllo del Marocco in queste acque è inferiore a quello esercitato nello Stretto e a Ceuta e Melilla.

    L’Europa balla con le crisi che si susseguono dal crollo di Lehman Brothers, ma quella migratoria ha lasciato il segno nel vecchio continente.

    Molto meno sulle coste spagnole: nemmeno dopo Ceuta le entrate si avvicinano a quelle del Mediterraneo centrale o dei Balcani, e sono in linea con i numeri dell’Egeo, nel Mediterraneo orientale.

    Le relazioni tra Frontex e la Spagna sono sempre state tese.

    All’inizio di quest’anno, l’agenzia europea ha minacciato di sospendere la sua attività nello stretto di Gibilterra e nelle isole Canarie.

    Per il 2021, Frontex ha chiesto alla Spagna un maggiore controllo sull’intelligence e l’accesso ai dati personali alle frontiere spagnole, poteri nelle indagini transfrontaliere (come le mafie del traffico internazionale di droga) o il dispiegamento sul terreno del nuovo corpo di agenti europei, personale armato della cui professionalità la polizia spagnola diffida.

    Questa proposta non è andata giù a Madrid, che è riluttante a cedere la sovranità.

    Il conflitto Frontex-Spagna “esploderà quando ci sarà una disgrazia”, ha detto un comandante delle forze di sicurezza spagnole a febbraio.

    Quel momento può essere arrivato o sta per arrivare.

    La Spagna non vede ancora la necessità di incorporare le truppe di Frontex nelle operazioni contro le mafie del traffico di esseri umani, secondo le fonti consultate.

    Gli interni dovevano rispondere nel tardo pomeriggio di venerdì. E ritiene che il quadro legislativo impedisca all’agenzia “dispiegata sul suolo di paesi terzi di esercitare un lavoro preventivo”, che è ciò di cui la Spagna ha bisogno.

    Inoltre, il ministero diretto da Grande-Marlaska aggiunge che il dispiegamento di agenti di Frontex a Ceuta “sarebbe arrivato quando la situazione si sta risolvendo”.

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati