La Spagna e la maggioranza degli Stati membri rifiutano il PCR gratuito che i viaggiatori non vaccinati contro dovranno fare questa estate per viaggiare con il certificato europeo per il resto dell’Unione europea.

“Non possiamo imporre un prezzo per i test nell’Unione Europea, è un libero mercato, ma possiamo provare a vedere se ci sono possibilità che i test siano più economici”, ha riassunto il segretario di Stato portoghese per l’UE, la presidenza di turno dell’UE, Ana Paula Zacarias.

Questo è uno degli scogli principali che complicano i negoziati tra il Consiglio e il Parlamento europeo per cercare di raggiungere un accordo in tempo per il cosiddetto “certificato verde europeo” che inizierà ad essere utilizzato alla fine di giugno, con l’obiettivo di rilanciare il turismo nonostante la pandemia.

Il certificato, che la Commissione europea sottolinea non deve essere inteso come un passaporto ma come un documento con informazioni mediche, sarà gratuito e fornirà informazioni in diverse lingue sullo stato del coronavirus del titolare prima di viaggiare: se è stato vaccinato, ha anticorpi o ha una recente PCR negativa.

I deputati vogliono che le PCR legate al certificato siano gratuite perché credono che altrimenti si discriminerebbero gli europei che potranno viaggiare con il certificato perché sono stati vaccinati, dato che la vaccinazione è gratuita per la persona interessata.

I 27 Stati membri dell’UE, tuttavia, si aggrappano al fatto che la competenza per fissare i prezzi dei medicinali è esclusivamente nazionale e rifiutano che sia fissato da un regolamento concordato all’interno dell’Unione europea.


Oltre alla questione delle competenze, una grande maggioranza di partner avrebbe “serie difficoltà” con i farmaci gratuiti a causa dell'”onere finanziario” che questa misura comporterebbe nel contesto attuale, in cui una gran parte della popolazione non è ancora immunizzata e, quindi, la maggioranza dei cittadini deve presentare un PCR negativo per viaggiare.

Il segretario di Stato spagnolo per l’UE, Juan González-Barba, ha detto alla stampa dopo aver partecipato alla riunione dell’UE-27: “Stiamo cercando di capire come raggiungere un compromesso che soddisfi il Parlamento europeo e possa adattare la posizione di tre quarti del Consiglio, non solo la Spagna”.

González-Barba non ha escluso che “con un periodo di tempo più lungo” i governi potrebbero aprirsi al viaggio libero, ma non in un periodo di tempo così breve – giugno – perché “molti PCR sarebbero ancora necessari” e gli Stati dovrebbero anche assumersi il costo dei turisti che hanno visitato il loro territorio e alla fine delle loro vacanze tornano al loro luogo di origine.

Tuttavia, il Segretario di Stato ha indicato che la Spagna è “aperta a cercare formule flessibili” per facilitare l’accordo in modo che il certificato sia in vigore a giugno, per esempio pensando di mettere un massimale ai prezzi per il PCR.

Nel frattempo, la Commissione europea ha iniziato prove tecniche questa settimana con più di una dozzina di Stati membri, tra cui la Spagna, per testare il funzionamento del sistema e la sua interoperabilità, con l’obiettivo che il suo spiegamento sia pronto quando arriverà l’accordo politico per la sua attivazione.