Ci sono strade e vie a La Orotava, Los Realejos, Puerto de la Cruz e Santa Ursula il cui stato è deplorevole con il rischio che questo suppone per la sicurezza del traffico e dei pedoni.

L’asfaltatura, il miglioramento e il condizionamento di strade e vie è un tema in sospeso nei quattro comuni della Valle.

Los Realejos, Santa Úrsula, Puerto de la Cruz e La Orotava, hanno strade sia di proprietà comunale che insulare che sono in un deplorevole stato di conservazione con il rischio che questo comporta per il traffico stradale e pedonale.

Anche se la pandemia ha costretto a rimandare tali azioni e a dare la priorità alle questioni relative all’area sociale, la verità è che questo problema si trascina da diversi anni su alcune strade la cui mancanza di manutenzione, il movimento di veicoli pesanti e un notevole afflusso di traffico li fanno essere in condizioni terribili.

Questo è il caso, per esempio, del poligono San Jerónimo, a La Orotava, o la strada d’ingresso attraverso El Botánico (TF-312), a Puerto de la Cruz.

Quest’ultimo caso è più sorprendente perché è stato nell’aprile 2010 quando il Cabildo ha realizzato una riforma globale per 1,27 milioni che includeva il miglioramento del manto stradale, che era in pessime condizioni in quasi tutta la sua lunghezza.


Dieci anni dopo, il suo stato lascia molto a desiderare e ha costretto questa Amministrazione a redigere un progetto per il rinforzo del manto stradale dal chilometro zero al due, proprio il tratto di fronte al Giardino Botanico.

Ammonta a 460.000 euro e la sua scadenza è di tre mesi.

Anche se non è incluso nel bilancio 2021, è destinato ad essere eseguito dal resto che sarà disponibile a fine maggio, conferma il direttore delle strade dell’isola Tomás García.

L’entrata del molo, il principale parcheggio della città, è una specie di cratere.

A causa dell’entità del danno allo strato d’asfalto, due coni arancioni sono stati collocati all’inizio del mese scorso per avvertire gli ignari automobilisti del pericolo di due grandi buchi ed evitare così grandi incidenti.

Gli esempi abbondano anche in strade più centrali, come Calle Valois o Calle Belgica, accesso alla clinica San Fernando, dove salgono le ambulanze.

I residenti di questa zona chiedono da anni, senza successo, la sistemazione di quest’ultima strada.

Il governo municipale è consapevole di questa situazione e quindi l’ha inclusa nel pacchetto di lavori per riabilitare l’azienda che sarà assegnato ta giorni e che beneficerà anche la Plaza de los Reyes Católicos, un tratto di Avenida Obispo Pérez Cáceres, Avenida Hermano Fernández Perdigón, e un tratto della strada Juan de Tejera e la strada Cordobés, per un totale di 684.577 euro.

L’altro progetto di miglioramento della pavimentazione comprende le vie Pérez Zamora, José de Arroyo, Luis Lavaggi, Manuel Yanes Barreto, Valois e Leopoldo Cólogan Zulueta, così come il viale Aguilar y Quesada, con un investimento di 886.551 euro.

Oltre a queste opere, si prevede di migliorare il manto stradale di Calle Camelia a La Paz.

Nel caso del molo, è parte di un piano generale di sistemazione che è nella sua fase finale di assunzione così si prevede che in un mese si possa iniziare ad agire in quelle aree della città.

A La Orotava i due casi più sanguinanti per la quantità e la dimensione dei fori sono in Avenida Nelson Mandela (TF-211) o ingresso a El Ramal e la zona industriale San Jerónimo.

Quest’ultimo è incluso nella Strategia Insulare degli Immobili Industriali che è stata approvata dal Cabildo nel 2016 ma è ancora in attesa.

Nel primo caso, il Cabildo prevede di mettere in gara quest’anno l’asfaltatura, dal collegamento della TF-5 alla Plaza de La Paz, un’opera di circa 400.000 euro.

Il secondo, più grande, comprenderebbe l’asfaltatura della TF-21, confinante con Santa Ursula dalla Cuesta de la Villa alla caserma della Guardia Civile, e copre anche tutto il Paseo Dominguez Afonso, Plaza de La Paz, Avenida Domingo Benitez de Lugo e Sor Soledad Cobián.

Un lavoro di 1,8 milioni che comporterà la ristrutturazione di tutta la pavimentazione dall’ingresso principale del comune e con il transito di centinaia di veicoli ma anche l’accesso al parco nazionale del Teide.

Per quanto riguarda le strade comunali, dal Concistoro evidenziano il lavoro costante che viene fatto durante tutto l’anno per mantenerle in buone condizioni.

Come esempio, citano che i lavori di asfaltatura sono stati recentemente completati in Camino Polo, Camino del Torreón, Los Rechazos e San Antonio e si sta lavorando nella zona di San Agustín, dove lunedì è iniziato in Plaza de la Constitución.

A questo si aggiungeranno nei prossimi giorni, le quattro strade di La Perdoma, adiacenti al futuro auditorium, in coincidenza con il miglioramento della zona.

Nel bilancio del Consiglio Comunale del 2021 più di 700.000 euro di risorse proprie sono destinati a un piano molto potente per il miglioramento, la conservazione e la manutenzione delle strade pubbliche.

Los Realejos è stata la prima corporazione locale delle Isole Canarie che ha incorporato l’eccedenza comunale per investire in opere pubbliche in questo esercizio grazie al fatto che ha liquidato il bilancio del 2020 in tempo record.

Parte dell’investimento e in accordo con il Piano di Quartiere, andrà all’asfaltatura della via La Alhóndiga de San Agustín; la ripavimentazione e l’adeguatezza delle infrastrutture delle vie La Gorvorana, El brezal, San Cayetano, Placeres, La Romera, El Laurel e parzialmente le vie Nicaragua, Puerto de la Cruz e República dominicana, e un tratto della via Lanzarote.

Per quanto riguarda la zona tra le rotatorie di El Castillo (collegamento 37) e Altesa, il cui stato non è esattamente il più adatto, sono all’interno del progetto di rifacimento della TF-5 tra Santa Cruz e Icod de los Vinos che è stato appena sbloccato.

In quest’ultimo comune la strada che si trova nelle peggiori condizioni con grandi buche che rappresentano un serio rischio per gli automobilisti è la TF-213 (Carretera Vieja) nelle sue intersezioni con via Malpaís, l’uscita per la TF-5, e con la Rambla Doctor Pérez.

In questo caso, la Corporazione insulare continua con il progetto di convertirlo dal ristorante El Cañón alla piazza in una grande passeggiata con aree pedonali, parcheggio, nuova illuminazione, giardini e panchine.

Allo stesso tempo, si sta lavorando alla gara d’appalto per un piano pluriennale di asfalto che dovrebbe iniziare a giugno.

Sarà dotato di 500.000 euro per ciascuno dei cinque anni in cui consisterà.

Alcuni più, alcuni meno, ma nessuno dei quattro comuni sfugge a questa realtà e quindi dai comuni hanno pianificato azioni per migliorare le strade e risolvere, principalmente, l’epidemia di buche e allo stesso modo sta organizzando, il Cabildo, responsabile della rete stradale dell’isola.

Bina Bianchini