Il numero di disoccupati a Tenerife è aumentato di 1.488 persone in un solo mese, dal 31 gennaio al 28 febbraio di quest’anno.

In quell’intervallo, sempre secondo i dati dell’Osservatorio del lavoro delle Canarie (Obecan), il numero di disoccupati è passato da 122.335 a 123.823.

Un aumento esponenziale che è del 38,02% quando si analizzano i dati tra febbraio 2020 e febbraio 2021 quando 34.115 persone in più hanno gonfiato le liste di disoccupazione.

La base dell’analisi è che, secondo i dati ISTAC, la popolazione di Tenerife era di 928.604 abitanti nel 2020.

Con il calcolo approssimativo per l’ERTE perché il governo delle Canarie non fornisce cifre per le isole, in questo momento a Tenerife circa 155.000 persone senza lavoro.

Il tasso di disoccupazione sarebbe quindi intorno al 26%, ma se si aggiungono quelli in ERTE, sarebbe intorno al 33%.


In altre parole, una persona su tre in età lavorativa che vuole avere un lavoro non ce l’ha.

A questo cocktail si aggiunge una disoccupazione giovanile che è aumentata di oltre il 70% nell’ultimo anno.

Ci sono più di 10.000 giovani sotto i 25 anni disoccupati a Tenerife, 10.114 per essere precisi, dal 28 febbraio scorso.

A questa cifra vanno aggiunti quelli sotto i 25 anni che sono in ERTE.

Per quanto riguarda la disoccupazione femminile, l’isola ha 66.812 donne disoccupate, la cifra più alta dell’ultimo decennio. E dobbiamo aggiungere le donne in ERTE.

Il professore dell’ULL Fernando Sabaté è un geografo ed ex consigliere del Cabildo.

Egli ritiene che “i dati possono essere descritti solo come drammatici”, sia dei “disoccupati (soprattutto giovani), sia di quelli che scappano grazie all’ERTE”.

Sabaté parte da “uno sviluppo reale molto carente dello stato sociale” e come conseguenza di “un grave sottosviluppo sociale”.

Crede che “il loro sviluppo progressivo creerebbe posti di lavoro per i giovani e le donne – i due gruppi più colpiti – in compiti come la fornitura di servizi a domicilio per gli anziani e le persone dipendenti, tra gli altri”.

Le isole Canarie, sottolinea Sabaté, “è una delle comunità con la più alta disoccupazione”.

Ha sempre valorizzato e, aggiunge, “ora più per essere stato messo fuori combattimento il sottosettore del turismo, da cui dipendiamo così tanto”.

In “una nuova e gravissima crisi” derivante dalla pandemia, il geografo ritiene che “siamo in una specie di guerra, il cui limite sarà segnato dall’avanzata della vaccinazione.

Fino ad allora, crede che “dobbiamo applicare misure eccezionali, che non sarebbero accettabili, né forse convenienti, in tempi di pace”.

Propone tra questi “di mantenere gli ERTE per tutto il tempo necessario”.

Il governo dovrebbe anche “contrarre il debito pubblico; aiutare le persone e le imprese nei settori più colpiti dalle restrizioni, così come applicare misure di ammortizzatori sociali come limitare gli sfratti o i tagli alle forniture di base a causa del mancato pagamento”.

La riflessione finale dell’esperto è che “se abbiamo dichiarato come aree naturali protette quasi il 50% della superficie delle Canarie e vendiamo come principale risorsa turistica insieme al clima, dovremmo promuovere che ci fossero persone impiegate, cooperative e PMI in centinaia di iniziative legate alla conservazione, gestione, diffusione e sfruttamento sostenibile di questo patrimonio naturale.

Bina Bianchini