Il blocco del business agricolo porta alternative perché negli alberghi e negli appartamenti non si usa la frutta fresca o prodotti come le 3.000 uova al giorno che in questo momento nessuno sa dove siano andate nell’ultimo anno.

E l’immaginazione rende necessario dare una svolta a prodotti come la papaya a favore dell’esportazione.

Come è storicamente accaduto, niente di nuovo: a medio termine il prezzo della papaya salirà alle stelle per il mercato interno.

Il consumo di prodotti canari dipenderà dalla speculazione sui prezzi e dal costo del trasporto marittimo, come già avviene per i pomodori e le banane.

Le statistiche ufficiali mostrano che il consumo sulle isole è di 3 chili per persona all’anno e sulla terraferma è di 90 grammi.

Ma verrà il giorno in cui potrà essere il contrario.


La ditta olandese Yex ha cominciato a ricevere questa papaya in marzo da Gran Canaria per commerciarla nei punti vendita.

Le papaye stanno diventando un articolo sempre più importante sugli scaffali e i consumatori stanno più che compensando la perdita di vendite al settore della ristorazione.

Per esempio, molte papaie Formosa vanno ora ai rivenditori tedeschi, mentre le papaie dorate sono più popolari tra i clienti britannici.

Le esportazioni sono guidate dalla Cooperativa Agricola del Norte di La Aldea de San Nicolas.

Su 24,5 ettari di terra in Gran Canaria producono 1.500.000 chili di papaya della varietà Intenza all’anno, che sperano di piazzare sul mercato europeo visto il crollo del turismo nelle Canarie.

Anche se il Brasile è ancora il principale paese fornitore di papaye, Yex sta cercando anche le papaye delle isole Canarie perché sono disponibili tutto l’anno e spera che tra qualche anno avrà una quota maggiore del mercato della papaya delle Canarie in Europa.

Attualmente sta anche studiando la possibilità di estendere la durata di conservazione delle papaye con l’aiuto di rivestimenti per evitare lo spreco di cibo.

Il picco di produzione è tra agosto e ottobre, ma le papaye sono disponibili tutto l’anno.

L’offerta di papaye è stabile quest’anno.

A causa delle condizioni climatiche, le papaye attualmente devono maturare un po’ più a lungo, il che si traduce in dimensioni un po’ più grandi con la papaya dorata che sarà una sfida per soddisfare la domanda.

Per i prossimi anni, l’acquirente olandese si aspetta che il mercato della papaya continui a crescere.

È un gruppo di prodotti in crescita con molto potenziale.

Per Yex, la Germania, l’Inghilterra e la Scandinavia sono i maggiori mercati di vendita in cui cercherà di piazzare la papaya delle Canarie il più possibile.

Daniele Dal Maso