José Juan Lorenzo Rodríguez, direttore di Turismo de Islas Canarias

José Juan Lorenzo Rodríguez, nato a Lanzarote, è un ingegnere industriale dell’Università Politecnica di Madrid, con una formazione in Turismo Inteligente y Ciencia de Datos (Colegio Universitario de Estudios Financieros, Madrid), e Digital Transformation: Platform Strategies for Success (Mit-Emeritus, Estados Unidos).

Oggi è il Direttore di Promotur Turismo Canarias, S.A.

Lo abbiamo intervistato per voi in questo periodo decisamente complicato e in sospeso per tutte le Isole.

Cosa succederà nei prossimi mesi dopo questa crisi del Covid19?

La riattivazione dell’attività turistica dipenderà direttamente da fattori che non possiamo controllare, come la situazione della pandemia in ogni paese, l’evoluzione delle infezioni nei nostri mercati di origine, il tasso di vaccinazione e le misure restrittive sulla mobilità in ogni regione.

Al di là di questi fattori, il nostro obiettivo principale è quello di tornare al turismo normale, anche se gradualmente.


È un giro sulle montagne russe, perché appena usciamo dalla terza ondata e riceviamo buone notizie, poche settimane dopo limitano di nuovo i viaggi per paura di ulteriori ricadute.

Naturalmente, l’annuncio del passaporto sanitario europeo, che noi delle Canarie appoggiamo al 100%, può essere un acceleratore di questa riattivazione.

Come si distingueranno le Isole Canarie nell’offerta turistica mondiale quando l’economia si riprenderà, cioè quando tutte le destinazioni turistiche del mondo ripartiranno e si faranno pubblicità?

Dal primo momento stiamo lavorando per il turismo che vogliamo, perché nessuno ci aspetterà.

Non abbiamo smesso di essere in contatto con i nostri turisti, con una strategia di comunicazione sempre attiva per essere sempre in cima alla mente dei viaggiatori.

Con la crisi non abbiamo smesso di promuovere la destinazione. Al contrario: abbiamo intensificato alcuni messaggi rivolti a determinati segmenti e mercati per adattare la promozione ai diversi momenti che ogni paese sta attraversando e la sua evoluzione di fronte alla pandemia.

Credo che la nostra posizione rispetto ad altre destinazioni sia più forte proprio perché siamo stati in grado di rimanere competitivi attraverso il rinnovamento e l’aggiornamento. Siamo ottimisti. 

Quali sono i punti di forza del turismo nelle Isole Canarie?

La forza del turismo delle Canarie è più che provata e anche se ci troviamo in una situazione così eccezionale, ne usciremo, senza dubbio.

Ma non vogliamo solo uscirne. Vogliamo che il primo giorno della riattivazione sia anche il primo giorno del futuro del modello turistico canario.

La storia del turismo nelle Isole Canarie la dice lunga sulla sua capacità di adattamento e di miglioramento costante.

Ci sono molte attività sulle isole che non riapriranno a causa del virus?

Sì, ci sono.

Abbiamo un vantaggio che altre destinazioni non hanno, e cioè che siamo un paradiso naturale incomparabile e la maggior parte delle attività per cui i turisti ci scelgono sono proprio quelle che si svolgono all’aria aperta.

Abbiamo chilometri e chilometri di spiagge non affollate, una rete di sentieri che permettono di perdersi e allontanarsi dai centri più popolati, una gamma di alloggi dove il turismo rurale o gli appartamenti si sono sempre distinti per la loro alta qualità.

Gli hotel hanno anche potuto adattare questi mesi alle nuove norme sanitarie per garantire la sicurezza dei clienti.

A priori, non sembra che saremo colpiti come potrebbero esserlo altre destinazioni più urbane.

I viaggiatori possono continuare a godersi le loro vacanze praticamente in tutte le attività.

Molti italiani hanno scelto le Canarie per vivere e aprire imprese, in questo periodo storico complicato, possiamo lavorare con loro per riattivare il turismo? Se sì, come e a chi dovrebbero rivolgersi gli imprenditori italiani?

L’Italia e le Isole Canarie hanno legami molto forti.

Non invano lo consideriamo un mercato chiave nella nostra strategia di diversificazione.

Se consultiamo i dati del 2019, vediamo che il fatturato annuo è stato di 449 milioni di euro all’anno, con un turista che presenta un’alta capacità di spesa con 1.015 euro per viaggio.

Si tratta di un mercato altamente ripetitivo nelle loro visite alle Isole Canarie, dato che il 51% è venuto in occasioni precedenti.

Per tutti questi motivi, è normale che gli italiani si stabiliscano nelle Isole Canarie e che aprano anche nuove imprese.

Naturalmente, è possibile lavorare con loro per la riattivazione della nostra industria principale.

Ed è qui che entra in gioco la nuova strategia “Canarias Destino”, una strategia che stiamo già attuando e che è concepita come un lavoro di collaborazione e cooperazione tra tutti coloro che hanno qualcosa da contribuire.

In questo caso, gli italiani che ritengono di poterne far parte, potrebbero unirsi ai gruppi di lavoro che stiamo formalizzando attraverso un Hub.

In questo modo potranno condividere la loro visione delle esigenze turistiche che vogliamo. Da Promotur Turismo de Islas Canarias saremo lieti di incorporarli a questi gruppi per lavorare per la riattivazione.

Abbiamo letto dei molti progetti che sono stati lanciati e alcuni di essi sono già in funzione, può parlarci di questa digitalizzazione delle isole?

Siamo assolutamente convinti che la tecnologia sia il nostro grande alleato.

Nelle Isole abbiamo talento, professionalità, risorse e uno dei migliori prodotti turistici del mondo.

Ora tocca a noi adattare e trasformare il nostro modello di turismo utilizzando strumenti tecnologici che non solo ci permettono di creare prodotti e servizi innovativi, ma anche, e ancora più importante, di organizzare interi ecosistemi che cooperano e competono con altri ecosistemi globali.

Stiamo lavorando con entusiasmo su una piattaforma unica per risolvere molti problemi di uso scoordinato e inefficiente delle risorse.

Un esempio concreto è il mercato in cui vogliamo integrare il prodotto locale e sostenibile per estendere la ricchezza generata dall’industria turistica al resto dei settori produttivi.

Potrebbe essere una buona idea collaborare con i cittadini di paesi stranieri che vivono qui alle Canarie per realizzare campagne specifiche di promozione turistica?

Naturalmente.

In effetti, lo facciamo già. Nei nostri team di comunicazione e promozione ci sono posizioni che sono occupate da cittadini di diverse nazionalità, madrelingua con una padronanza della loro lingua madre nelle lingue straniere.

Un esempio è nella comunicazione digitale, nei team fieristici e congressuali, nei team creativi di numerose campagne pubblicitarie…

E naturalmente, abbiamo individuato molti profili che collaborano con noi per condividere le loro testimonianze perché non c’è niente di meglio che lo straniero stesso sia il presentatore, il diffusore delle meraviglie che le Isole Canarie hanno da offrire.

Ci sono molti stranieri che hanno scelto le isole per lo smart-working o per diventare “nomadi digitali”, può essere considerato una nuova forma di turismo?

Sì, infatti. Il segmento dei lavoratori a distanza è una delle grandi scommesse del Ministero del Turismo del Governo delle Isole Canarie.

Tanto che abbiamo attivato da qualche settimana la seconda ondata di un’ambiziosa campagna rivolta a loro, perché sono un gruppo che ci interessa catturare per vari motivi: la loro capacità di spesa, l’estensione di tale spesa oltre il prodotto sole e spiaggia, un soggiorno più lungo perché non vengono in vacanza, vengono per telelavorare.

Si tratta di una tendenza in aumento e le Isole Canarie sono riuscite a posizionarsi ben al di sopra del resto, e anche molto rapidamente, per essere attraenti.

La possibilità di una qualità di vita migliore che in altri luoghi, la sicurezza, la banda internet ad alta velocità, alloggi che si adattano a diversi modelli di viaggiatori con o senza famiglia, salute e sicurezza… Ci sono molti aspetti che ci differenziano e ci mettono all’avanguardia.

Ci sono eventi sportivi o culturali in programma o in cantiere per l’estate? 

Ci piacerebbe poter annunciare questo tipo di evento, ma tutto dipende dall’evoluzione delle infezioni e dal tasso di vaccinazione.

In questo aspetto, ci stiamo concentrando sul breve termine perché in questo momento non abbiamo nessun indicatore che ci garantisca che, pur essendo una destinazione sicura, possiamo realizzare azioni che implicano la partecipazione massiccia di persone.

Per il momento, al fine di riattivare le aziende che sono state fortemente colpite dalle limitazioni di mobilità e capacità di posti a sedere, abbiamo annunciato un aiuto finanziario rivolto a entità private per lo svolgimento di eventi in loco.

Da parte di Turismo de Islas Canarias vogliamo sostenerli affinché siano preparati al ritorno alla normalità.

La ringraziamo per l’attenzione e il tempo che ci ha dedicato, e le auguriamo ogni bene mentre continua il suo lavoro per rilanciare il turismo nelle isole.

Forse vuole inviare un messaggio diretto ai residenti italiani?

Il mio messaggio è che contiamo su di loro, che sono necessari, che tutti abbiamo sofferto e continuiamo a soffrire, ma che la collaborazione è la chiave per tornare sulla scena turistica con un prodotto più sostenibile, più responsabile e con un’amministrazione più efficiente.

Alessandro Gennari