Erano i primi giorni dell’aviazione commerciale transatlantica e la compagnia aerea spagnola offriva ai suoi passeggeri un menu fisso.

Molti pensano che Iberia, fondata nel 1927, sia stata la prima compagnia aerea spagnola della storia.

Invece prima di lei vennero la CETA (Compañía Española de Tráfico Aéreo) nel 1922, la CEA (Compañía Española de Aviación) nel 1923 e l’Unión Aérea Española nel 1925.

Iberia fu pioniere del volo Madrid-Barcellona con i passeggeri e inaugurò questa importante rotta commerciale, ma come tutte le compagnie sopra menzionate, nel 1929 fu assorbita dalla CLASSA (Concesionaria de Líneas Aéreas Subvencionadas S. A.), una società creata dal consiglio militare di Primo de Rivera con status di monopolio.

Nel 1931 la CLASSA fu nazionalizzata e le sue attività furono trasferite ad una nuova società pubblica nota come LAPE o Líneas Aéreas Postales Españolas, che durante la guerra civile rimase fedele al regime repubblicano e cedette parte dei suoi diciotto aerei all’esercito.

Nel frattempo, un bando nazionale ha riattivato Iberia per effettuare voli che collegavano varie città in territorio.


Franco vinse, LAPE andò in rovina e ciò che rimase della sua flotta andò alla Iberia, che nel 1939 estese le sue rotte verso l’Europa e nel 1946 divenne la prima compagnia aerea commerciale a stabilire voli tra l’Europa e il Sud America.

Da Madrid a Buenos Aires con uno scalo nel Sahara, Natal e Rio de Janeiro, un viaggio che è durato per sempre e durante il quale non solo l’aereo doveva fare rifornimento, ma anche i suoi passeggeri.

Il cibo a bordo di un aereo era molto più generoso allora di quanto non lo sia oggi, anche nei casi di turismo.

Nell’agosto del 1950, ad esempio, la colazione che i viaggiatori mangiavano dopo aver lasciato l’aeroporto di Parnamirin (Brasile) per l’Argentina comprendeva caffè, tè o latte, succo di frutta tropicale, frutta locale, biscotti, burro, marmellata e uova fritte con prosciutto.

Il menu incluso nel biglietto dipendeva dalla rotta e dall’orario del volo, ma a quei tempi ero solito mescolare ingredienti e piatti tipici spagnoli con una strizzatina d’occhio alla destinazione.

L’8 giugno 1955 il viaggio Barcellona-Francoforte fu fatto a stomaco pieno con consommé di pollame, un assortimento di salsicce (prosciutto serrano, York e salame), insalata di patate, olive ripiene, pomodoro, peperoni e insalata di uova sode più un “tenero galletto di Prat in casseruola”, torta, frutta e caffè.

In quel periodo Iberia aveva lanciato il collegamento transatlantico tra la Spagna e New York, un viaggio che prevedeva due pasti e un ottimo menù del bar a disposizione dei passeggeri che volevano prendere un vermouth (Cinzano e Martini-Rossi), un bicchiere di sherry (Fino Marismeño, Carta Real e Bobadilla), whisky (a scelta tra Vat 69, Johnnie Walker, Seagram’s e Caballo Blanco), gin (Gordon, Larios e Fockink), cognac (Cardenal Mendoza, Bobadilla Gran Reserva), cava (Codorniú, Freixenet e Castellblanch), anice, triplo secco, chartreuse o un cocktail preparato sul posto dalle hostess (Manhattan, Martini e Daiquiri).

La colazione e lo spuntino pomeridiano erano di solito molto simili, costituiti da pane, dolci, marmellata, salsiccia, panini, frutta e bevande calde.

Il pranzo e la cena comprendevano sempre una zuppa come il consommé a la madrileña, qualche insalata (Mimosa, cocktail russo o di frutti di mare), un secondo piatto come il roast-beef, pollo al dragoncello, tournedos, aspic o branzino alla parisienne, un dessert da cucina e un altro di frutta, pane, bevande e caffè.

Tutto doveva essere molto buono, perché il servizio di cucina di Iberia ha vinto una medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale d’Arte Culinaria del 1956.

E inoltre, se ti annoiavi durante la digestione, potevi prendere in prestito un mazzo di carte spagnole, un altro di poker, dadi, un set da viaggio di dama o scacchi e diverse opzioni di lettura. Quasi niente.

Quindi viaggiare era un vero piacere…

Franco Leonardi