La crisi del turismo scatenata dalla pandemia è degenerata in un crollo la cui vera dimensione resta da vedere.

Molte aziende sono costrette a dismettere i loro stabilimenti, o parte di essi, e progetti a metà strada.

Ci sono troppi mesi senza entrate sufficienti per realizzare i piani di espansione che il virus ha troncato.

In questo scenario, non sorprende che i principali portali immobiliari abbiano già più di un centinaio di alloggi turistici in vendita nelle Isole Canarie.

Non è nemmeno possibile conoscere il numero esatto perché in non pochi casi gli hotel o gli appartamenti sono offerti in lotti.

Tuttavia, quelli che vengono identificati vengono venduti per un importo globale di quasi 300 milioni di euro.


In particolare, per ben 293,8 milioni, e questo, dobbiamo insistere, senza contare quelli che vengono trasferiti in “pacchetti” e quelli che non specificano il prezzo.

Pertanto, i beni alberghieri in vendita sulle isole superano già di gran lunga i 300 milioni di euro.

Tuttavia, il problema maggiore per il settore nell’Arcipelago non è la vendita in sé, ma il rischio sempre più certo di finire male a causa dell’asfissia di cui soffre l’attività.

I fondi di investimento sono alla ricerca di occasioni, nella misura in cui si stanno creando fondi di capitale di rischio con l’obiettivo esplicito di approfittare della situazione e di acquistare hotel alle Isole Canarie a prezzi bassi.

Uno dei casi più recenti è quello di Atalaya, un fondo di capitale di rischio che ha iniziato a operare il mese scorso e che prevede di investire in hotel per vacanze “la cui redditività è stata colpita dalla crisi del virus”.

Dietro Atalaya c’è Andbank Spain, una società del gruppo bancario e finanziario Andbank, con sede ad Andorra.

L’idea è quella di acquistare hotel a quattro stelle, di medie dimensioni – tra le 150 e le 200 camere – e “situati principalmente nelle Isole Baleari, nelle Canarie e nella Costa del Sol”, spiega l’entità.

Ma Andbank e Atalaya sono solo un esempio tra tanti.

Infatti, molti fondi di investimento hanno setacciato per mesi il settore alberghiero della regione per trovare quell’albergo, appartamento o aparthotel che, pur in difficoltà, è garanzia di profitti futuri.

Inoltre, le Isole Canarie sono uno dei mercati spagnoli che offre il maggior numero di opportunità agli investitori, se non il massimo.

Perché?

Perché il suo settore turistico è di gran lunga il più colpito nel paese, quindi le sue aziende si trovano in una situazione particolarmente difficile, e perché non c’è quasi nessuna stagionalità.

È vero che l’alta stagione è ancora inverno, ma non è meno vero che le cifre per il resto dell’anno – negli anni normali, ovviamente – sono altrettanto buone, il che non è il caso, ad esempio, delle Baleari, dove dopo l’estate, che è la loro alta stagione, molti stabilimenti abbassano le tende.

In breve, nelle Isole Canarie ci sono 365 giorni per recuperare l’investimento.

Due fattori si uniscono nella Comunità Autonoma: la situazione molto delicata di molte aziende e proprietari, che chiedono a gran voce “aiuti diretti” ai governi per consentire loro di mantenere la loro attività, e condizioni che garantiscano la redditività futura a chiunque abbia la forza di comprare in tempi così difficili.

Alcuni possono essere costretti a vendere e persino a vendere sottocosto, mentre altri, soprattutto i fondi di investimento, sono liberi da urgenze finanziarie, in modo da poter acquistare e aspettare.

Il presidente della Confederazione spagnola degli alberghi e degli alloggi turistici (Cehat), Jorge Marichal, aveva già avvertito in una lettera pubblica in aprile, appena un mese dopo il confino della nazione, di contenere l’avanzata del virus: “Gli avvoltoi ci circondano di nuovo”.

Marichal, che è anche presidente del consiglio di amministrazione dell’hotel della provincia di Santa Cruz de Tenerife (Ashotel), insiste da allora che lo stesso errore commesso durante la crisi finanziaria 2007-2014 deve essere evitato a tutti i costi.

“Abbiamo già commesso l’errore di cedere la stragrande maggioranza del patrimonio immobiliare del Paese a fondi avvoltoi a un prezzo ridicolo; se non si adottano presto misure, perderemo la proprietà di gran parte della migliore industria che questo Paese ha, che è in gran parte nelle mani delle famiglie spagnole: il turismo”.

Mesi dopo l’avvertimento del Cehat, gli imprenditori e i sindacati delle Canarie continuano a chiedere al governo di Pedro Sánchez un piano di salvataggio a favore del settore turistico regionale.

Non sorprende che le difficoltà siano peggiorate nelle ultime settimane e negli ultimi giorni.

La Germania e il Regno Unito – i due principali paesi di invio dei turisti – sconsigliano di volare sulle isole a causa della mancanza di controllo della pandemia.

I governi centrali e regionali sono impegnati in una discussione legale sui test antigenici.

Il Ministero della Salute impone i test PCR – molto più costosi degli antigeni – ai pochi visitatori stranieri che ancora arrivano, rendendo così più costose le vacanze.

Anche i peninsulari devono portare un certificato che attesti che non sono infetti se vogliono venire nelle Isole.

Questo è il cocktail che sta alla base del notevole aumento del numero di alloggi in vendita.

Bina Bianchini