In Spagna esiste un numero crescente di unioni registrate (note anche come unioni di diritto comune).

Soprattutto tra coppie spagnole e straniere.

Ma conosciamo davvero le differenze tra le coppie di diritto comune, il matrimonio religioso e il matrimonio civile?

Qui di seguito esamineremo le differenze tra la formalizzazione di una coppia o di un matrimonio, i diritti, le modalità di registrazione e i requisiti necessari per essere una coppia di diritto comune riconosciuta dallo Stato.

Cos’è una coppia di fatto?

Una coppia di fatto è una coppia che vive insieme senza essere sposata.


Essi sono riconosciuti come aventi determinati effetti giuridici, a condizione che siano soddisfatti i requisiti di legge.

In Spagna, 14 delle 17 comunità autonome hanno approvato una legge sulle coppie non sposate, anche se gli obblighi e i diritti possono essere diversi a seconda del luogo di residenza.

Sebbene Castilla La Mancha, Castilla y León e La Rioja non abbiano una legge in quanto tale che regoli la registrazione delle coppie non sposate, sono regolate da un decreto.

Cos’è un matrimonio?

Il matrimonio è l’unione tra due persone di sesso diverso o uguale, contratta con i requisiti stabiliti dalla legislazione civile.

Differenze: coppia non sposata e matrimonio

La Corte Suprema e la Corte Costituzionale stabiliscono che la coppia di fatto e il matrimonio non sono unioni comparabili.

I diritti della coppia di fatto e del matrimonio sono spiegati qui di seguito:

  1. Per quanto riguarda i bambini, non c’è molta differenza, poiché i diritti dei bambini sono protetti in tutte le aree e in tutte le comunità, sia nei diritti e nei doveri di genitori che nei diritti di eredità dei bambini. Pertanto, non c’è alcuna differenza legale tra l’essere figlio di una coppia di fatto o di una coppia sposata.

Le misure legali a favore dei figli, come l’affidamento, la potestà genitoriale, gli alimenti o le visite del genitore non affidatario, quando c’è una rottura di coppia, sono le stesse sia nella separazione che nel divorzio.

L’unica cosa che cambia veramente è la procedura: in un matrimonio, la rottura è gestita da una procedura di separazione o di divorzio, mentre in un’unione civile, è una procedura orale che può essere di comune accordo.

2. Diritto alla pensione di anzianità o alla reversibilità: troviamo una certa differenza nei requisiti per l’accesso alla pensione ai vedovi o alla rendita per vedovi. In un matrimonio, il coniuge superstite ha diritto alla pensione, indipendentemente da quanto tempo è stato sposato e dal reddito del superstite.

Nel caso di una coppia di fatto, è necessario dimostrare un periodo di convivenza di cinque anni prima del decesso e due anni registrati come coppia di fatto. Inoltre, il reddito del partner vivente non può superare un limite stabilito dalle autorità di sicurezza sociale di ogni comunità autonoma.

3. Per quanto riguarda il regime economico, per default la coppia non è soggetta al sistema della comunione dei beni o della separazione dei beni, ma può accettare di registrare un documento pubblico contenente un accordo che stabilisce le modalità di regolamentazione dei rapporti economici.

Quest’ultima è detta “autonomia di volontà” che è la capacità dei soggetti di stabilire per se stessi regole di condotta nei limiti indicati dalla legge.

Lo Statuto dei Lavoratori non prevede permessi per l’ingresso in una coppia di diritto comune, a meno che non lo preveda il Contratto Collettivo di Lavoro a cui il lavoratore è assegnato. Tuttavia, secondo la Comunità Autonoma, le coppie non sposate e i coniugi possono prendere un congedo dal lavoro a causa di una grave malattia o del decesso dell’altro partner.

4. Ai fini fiscali, i membri di una coppia di diritto comune non possono essere tassati congiuntamente sulla dichiarazione dei redditi. Possono farlo solo individualmente. I coniugi hanno la possibilità di farlo congiuntamente o indipendentemente.

5. Diritto alla pensione compensativa: solo l’Aragona, le Isole Baleari, la Cantabria, la Catalogna, la Navarra e i Paesi Baschi sono regolamentati se si verifica un caso di rottura di un’unione domestica e se si deve pagare una pensione compensativa o una compensazione economica al socio più svantaggiato. Il resto delle Comunità Autonome applica il Codice Civile, per cui le coppie non sposate non hanno in genere diritto a una pensione compensativa (assegno di mantenimento)

In alcuni casi, tuttavia, è possibile rivolgersi al tribunale per far stabilire se il diritto alla pensione è applicabile o meno.

Va inoltre tenuto presente che questo tipo di compensazione può essere stata concordata al momento della registrazione come partner nazionale.

Nel caso di un matrimonio, il coniuge svantaggiato può chiedere il risarcimento nel procedimento di separazione o di divorzio, mentre questo non può essere fatto nel procedimento orale, ma dovrà essere fatto in una procedura diversa, costosa e complicata.

6. Assistenza sanitaria: il partner non sposato può ricevere assistenza sanitaria a condizione che possa dimostrare che vivono insieme da un anno registrandosi.

7. In caso di morte senza testamento, il diritto successorio dipende dalla normativa di ciascuna comunità autonoma: Aragona, Baleari, Catalogna, Navarra e Paesi Baschi riconoscono il diritto successorio alle coppie non sposate, ma le altre comunità autonome applicano le norme del Codice Civile.

In quest’ultimo caso, si deve tener conto del fatto che, a meno che non venga fatto un testamento che includa il partner non sposato, quest’ultimo non avrà alcun diritto di eredità.

Anche così, i diritti ereditari degli eredi forzati devono essere sempre rispettati.

In caso di matrimonio, il coniuge vedovo ha diritto “all’usufrutto del terzo del miglioramento”,  è la cosiddetta eredità legittima.

Ci sono alcune eccezioni, come in Andalusia, che ha fissato il diritto di risiedere in casa per un anno.

La legge sull’affitto urbano prevede il diritto di surrogazione reale della coppia, a condizione che siano accreditati mediante registrazione due anni di convivenza.

Questo diritto permetterebbe al partner ancora in vita di diventare proprietario del contratto.

Come registrarsi come partner civile?

Come diventare un partner civile?

Ci sono due modi formali per costituire una relazione di diritto comune: o con un atto notarile o con l’iscrizione nel registro delle coppie di diritto comune.

La seconda opzione richiede un periodo minimo di convivenza, che varia a seconda delle normative di ciascuna Comunità Autonoma.

In alcuni luoghi, questo requisito non si applica se la coppia ha già dei figli.

Inoltre, deve essere presentato:

Documenti d’identità (DNI)

Rispettare i libri di famiglia

Compilare il modulo di registrazione

Qualche documento che dimostri la coesistenza di un anno di convivenza richiesta.

Se uno di loro è già stato sposato in precedenza, deve anche presentare la sentenza definitiva di divorzio o di annullamento del matrimonio.

Gli accordi della coppia che regolano i loro rapporti economici possono essere presentati anche volontariamente.

Le coppie eterosessuali e omosessuali possono registrarsi?

Sì, a condizione che soddisfino i requisiti generali che si vedranno di seguito.

Requisiti per diventare partner civile

Come abbiamo già detto, le coppie non sposate non sono regolate da un sistema giuridico per tutta la Spagna, anche se ci sono comunità autonome che lo regolano.

I requisiti per la registrazione come convivenza domestica sono i seguenti:

Essere maggiorenni.

Fornire la prova della convivenza, firmata da testimoni, che essi hanno vissuto insieme per uno o due anni.

Non essere sposato.

Che almeno uno dei due membri sia registrato in quella Comunità Autonoma.

Questo deve essere accreditato tramite un certificato di registrazione.

Alla procedura di registrazione devono essere presenti, oltre alla coppia, due testimoni.

D’altra parte, non possono formare coppie non sposate:

Minori.

Le persone legate da un vincolo matrimoniale e non legalmente separate.

Quelle persone che formano un’unione stabile con un’altra persona.

Parenti in linea diretta con la consanguineità o l’adozione entro il terzo grado.

La costituzione di una coppia stabile non sposata non può essere concordata su base temporanea né essere soggetta a condizioni.

Uno spagnolo può contrattare una relazione di diritto comune con una persona straniera?

Sì, ci sono sempre più casi di questo tipo in Spagna con stranieri con e senza documenti.

Al momento della stipula di questo tipo di unione, la persona straniera otterrà una tessera familiare di residente in comunità.

Questa carta è valida per cinque anni e non obbliga la persona a pagare i contributi per rimanere in Spagna.

Tuttavia, non va confusa con la nazionalizzazione, che potrebbe essere ottenuta se uno straniero sposasse un cittadino spagnolo e dopo un anno di residenza in Spagna.

Scioglimento della coppia di fatto

Ci sono cinque motivi per cui una convivenza domestica può essere sciolta:

Di comune accordo.

Deve essere notificata e registrata.

Per decisione unilaterale di uno dei membri dell’unione.

All’altro può essere notificato con uno qualsiasi dei moduli ammessi dalla legge.

In altre parole, la cancellazione della registrazione può essere effettuata da uno dei due membri e l’Encargado del Registro ne darà comunicazione all’altro.

Per la morte di uno dei membri.

Per separazione, infatti, di oltre sei mesi.

Con il matrimonio di uno dei membri.

Bina Bianchini