Sarà il 6, 7 e 8 novembre, per la prima volta alla XXXV mostra dell’artigianato sarà unita anche la X edizione del Queso de Canarias e sarà sviluppata in modalità sia presenziale che online.

Sotto le mascherine c’è vita e desiderio di andare avanti in un momento difficile.

Questo è quanto vuole riflettere l’immagine del manifesto di quest’anno della XXXV edizione della Fiera dell’Artigianato di Pinolere, che non sarà dedicato a un’isola o a un mestiere particolare, ma i veri protagonisti sono gli artigiani e i casari con le mascherine trasparenti per mostrare che sotto di loro c’è la gioia.

Sotto il titolo “Pinolere: il sorriso nascosto dell’artigianato e del formaggio”, la mostra si svolgerà il 6, 7 e 8 novembre nel parco etnografico con la partecipazione di 180 artigiani provenienti da tutte le Canarie, un numero molto alto visto il numero di candidature presentate.

E per la prima volta si terrà insieme alla 10° Fiera del formaggio delle Canarie.

La fiera non si svolgerà come negli anni precedenti, non ci sarà nessun “ventorrillo”, nessuna attività e nessun laboratorio, ma piuttosto una “vetrina” per gli artigiani che potranno interagire con i compratori sia di persona che virtualmente, poiché una delle novità di quest’anno è che entrambe le modalità sono combinate.


Questi dettagli sono stati annunciati ieri dal direttore dell’Associazione Culturale Pinolere, Jesus Garcia, dal sindaco di La Orotava, Francisco Linares, e dalla consigliera per l’occupazione, lo sviluppo sociale ed economico e l’azione esterna del Cabildo di Tenerife, Carmen Luz Baso.

I tre hanno convenuto che questa è stata l’edizione più complessa e difficile da organizzare, ma hanno apprezzato l’impegno a celebrarla per sostenere il settore dell’artigianato, uno dei più colpiti dalla crisi economica conseguente alla pandemia.

“Se in tempi normali è difficile guadagnarsi da vivere con l’artigianato, lo è ancora di più nei tempi attuali”, ha detto Linares, che ha descritto lo svolgimento di questo evento come “coraggio assoluto”.

“La cosa facile sarebbe stata quella di sospenderlo”, ha sottolineato.

L’organizzazione garantisce che sarà un incontro sicuro e responsabile, poiché ha superato “tutti i filtri” ed ha un piano anticontagio.

Ci saranno quindi due orari, dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 19.00, e i biglietti dovranno essere acquistati online sul sito www.tickety.es scegliendo il turno a cui partecipare per controllare la capacità.

L’evento si terrà all’aperto in uno spazio di 10.000 metri quadrati, con controllo della capacità, distanza di sicurezza e un’unica entrata e uscita. Inoltre, sarà istituito un circuito per visitare tutti gli stand degli artigiani, l’uso di una mascherina sarà obbligatorio e in ogni spazio sarà previsto un gel idroalcolico.

Daniele Dal Maso