Il Governo delle Isole Canarie chiederà allo Stato Centrale di includere i treni di Gran Canaria e Tenerife nei suoi progetti di investimento.

Il Ministro dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e degli Alloggi del Governo delle Isole Canarie, Sebastián Franquis, ha concordato con i consigli comunali di Tenerife e Gran Canaria di chiedere all’Esecutivo centrale di includere i progetti ferroviari di entrambe le isole nel piano di riforme e investimenti che la Spagna presenterà al Piano di Ripresa dell’UE per riparare i danni economici e sociali dovuti alla pandemia e dotato di 750.000 milioni di euro da investire tra il 2021 e il 2027.

In questo modo, essi mirano a proiettarsi sia come motori per la creazione di posti di lavoro, sia per favorire la transizione ecologica attraverso la mobilità sostenibile.

I due progetti rappresentano un investimento di oltre 3.850 milioni di euro, secondo Franquis dopo un incontro con i vicepresidenti e i responsabili dei trasporti del Consiglio di Tenerife, Enrique Arriaga, e del Consiglio di Gran Canaria, Miguel Ángel Pérez, rispettivamente.

L’obiettivo, ha spiegato, è quello di coordinare e concordare una strategia comune tra le due amministrazioni per sviluppare i progetti e ottenere finanziamenti per proposte di trasporto guidato che “cerchino di decongestionare i principali accessi alle due capitali delle Canarie e alle loro aree turistiche, solitamente sature e che sposterebbero 115.000 passeggeri al giorno”, come ha informato l’esecutivo regionale in un comunicato stampa.

In questo senso, sia Franquis che i vicepresidenti dell’isola hanno convenuto che entrambi i progetti ferroviari sono “molto avanzati”, quindi capiscono che questo è “il momento di andare oltre e chiedere finanziamenti per iniziare a sviluppare i piani nelle due isole con l’appalto dei lavori”.


Franquis ha spiegato che il Piano di ripresa approvato dall’UE, oltre a servire a recuperare i danni immediati causati dalla pandemia, incorpora anche piani per il finanziamento di progetti di transizione ecologica e digitale nei diversi territori europei, in modo che “i progetti di trasporto guidato nelle Isole Canarie si inseriscano in questo contesto”.

Ha aggiunto che il Piano di rilancio per l’Europa “ha un impatto particolare” sui progetti che hanno a che fare con il trasporto guidato, con la mobilità sostenibile e che “sono molto avanzati, e quasi pronti per essere appaltati”, per questo ha ritenuto che le proposte di treni di Gran Canaria e Tenerife “soddisfano tutte le condizioni necessarie per presentare loro delle garanzie e che possono essere finanziati nei prossimi anni”.

Nel caso di Gran Canaria, è stato pianificato un treno con un percorso di circa 50 chilometri, parzialmente interrato e con 10 fermate, che mira a fare il tragitto tra Las Palmas de Gran Canaria e Maspalomas in circa 30 minuti, considerando che la domanda stimata nel primo anno è di 48.100 persone al giorno e l’investimento di 1.650 milioni di euro.

Il progetto per l’isola di Tenerife comprende il prolungamento della linea 1 del tram metropolitano fino all’aeroporto a nord e, d’altra parte, la ferrovia a sud dell’isola.

Questo è stato progettato con sette fermate e un percorso di circa 80 chilometri, che collegherà Santa Cruz de Tenerife e Adeje in circa 45 minuti, con una frequenza di 15 minuti.

La domanda stimata è di 67.000 persone al giorno e l’investimento è di 2.200 milioni di euro.

Per il Governo delle Canarie e i Comuni, la ferrovia “deve essere una delle colonne portanti” delle politiche della strategia dell’arcipelago per la mobilità sostenibile, poiché il trasporto guidato si presenta come una valida alternativa a lungo termine per “superare il collasso della rete stradale dell’isola e fornire all’arcipelago una mobilità sostenibile, universale, sana, competitiva, ecologica e sicura, con un impatto minimo sul territorio”.

“Questi due progetti di trasporto guidato a Gran Canaria e Tenerife faranno parte del Piano di Riattivazione della Comunità Autonoma delle Isole Canarie”, ha aggiunto.

La Spagna riceverà 140.000 milioni di euro dal piano di ripresa dell’UE, di cui 72.000 milioni di euro saranno aiuti diretti non rimborsabili.

L’investimento dovrebbe servire, ha detto, a stimolare la ripresa dell’economia spagnola, oltre che a favorire la trasformazione del modello produttivo in modo che si muova verso la transizione ecologica, la digitalizzazione, la mobilità sostenibile e lo sviluppo dell’economia assistenziale.

Con questi requisiti, il governo spagnolo deve richiedere l’accesso ai fondi europei presentando piani di investimento e di riforma, tra i quali saranno valutati positivamente i programmi relativi alla digitalizzazione, alla transizione ecologica e alla mobilità sostenibile.

Per tutti questi motivi, il Governo delle Isole Canarie e i Consigli insulari di Tenerife e Gran Canaria hanno concordato la creazione di una commissione di coordinamento e monitoraggio per realizzare i lavori che culmineranno nell’ottenimento di fondi comunitari per la costruzione di entrambe le infrastrutture, che richiederebbero un investimento di circa 3.850 milioni di euro, di cui poco più di 1.650 milioni corrisponderebbero alla ferrovia di Gran Canaria e 2.200 milioni a quella di Tenerife.

Questa commissione si riunirà nuovamente a settembre per portare a termine entrambi i progetti e presentarli allo Stato entro il 30 ottobre, al fine di incorporarli nel suddetto Piano che sarà successivamente presentato all’UE.

La strategia di finanziamento per entrambi i progetti di trasporto guidato nelle Isole Canarie è stata studiata in conformità con le disposizioni del Piano di ripresa per l’Europa e del quadro finanziario pluriennale 2021-2027, in modo tale che le fonti di finanziamento e i loro strumenti di attuazione si basino per il 70% sui fondi del Piano del Meccanismo per collegare l’Europa e per il restante 30% sui fondi del FESR.

L’articolo 14 del regolamento sul meccanismo per collegare l’Europa stabilisce che le infrastrutture ferroviarie interoperabili nelle regioni ultraperiferiche dell’UE possono essere finanziate.

Franco Leonardi