La regolamentazione comunale e la mancanza di spazio porta i camper in conflitto con diversi comuni del sud.

“Abbiamo un problema molto grave di molestie, perdita di diritti e di libertà da parte di alcuni comuni, che hanno approfittato della pandemia per vietare il parcheggio dei nostri veicoli, cosa che è completamente illegale perché va contro la legge della sicurezza stradale”, ha denunciato l’Associazione Ecologica dei Motorhomes Club Costa Adeje (ACAT).

Il suo presidente, Juan Martin, chiede “la fine della persecuzione” con il turismo itinerante locale, dice, rivitalizza le piccole e medie imprese nelle città che visita.

“Abbiamo un esempio in tutta Europa, con l’aumento delle aree destinate ai camper, perché sanno che generiamo ricchezza ovunque andiamo.

Ci piace mangiare nei ristoranti della zona, bere il nostro caffè al bar, fare shopping nei supermercati…”, dice.

Martin, che chiarisce che i camperisti sono nomadi, richiede il parcheggio gratuito in qualsiasi comune, perché “il parcheggio non è campeggio”, ma richiede spazi adeguati alle esigenze di questo gruppo, cioè aree di servizio o punti ecologici “dove si può parcheggiare e passare la notte senza paura di essere segnalati”, che vanno ben oltre il tipico campo aperto, dove si possono svuotare le acque grigie (lavandino e doccia) e nere (WC) e ricaricare l’acqua pulita.


“Non stiamo cercando insediamenti o chiedendo campeggi sulla spiaggia”, dice, “chiediamo solo un po’ di volontà politica.

I campeggi Nauta (Arona), Montaña Roja (Granadilla de Abona) e Tajao (Arico) sono tre delle zone più visitate del Sud, dove questo gruppo trova i servizi adatti alle sue esigenze.

Martin apprezza il fatto che alcuni comuni abbiano aree di parcheggio nei loro comuni per 72 ore, ma “dove svuotiamo l’acqua”, chiede.

Il motorhome club Costa Adeje chiede anche la rimozione della segnaletica non approvata sulle strade pubbliche, in quanto ritenuta contraria alla legge.

Il reclamo si riferisce agli indicatori (che fissano le dimensioni dei veicoli), alle pietre e ai blocchi di cemento che “discriminano” le manovre delle roulotte/camper.

“I cartelli che non rispettano la normativa vigente devono essere rimossi, perché potrebbero commettere un reato di illecito, poiché si tratta di una procedura sanzionatoria non legale”, avverte Juan Martín.

Per quanto riguarda le misure preventive per la pandemia di coronavirus, il rappresentante dei camper di Costa Adeje difende questa attività come “sicura” in quanto si tratta di unità familiari che si “autofinanziano” nel veicolo.

La rivendicazione dell’associazione viene dopo che il Comune di Adeje ha vietato fino alla fine dell’estate il parcheggio su tutte le strade, i lotti privati e gli appezzamenti, sia pubblici che privati, del comune.

Un provvedimento, firmato dal sindaco, José Miguel Rodríguez Fraga, che chiarisce che è stato adottato per facilitare la rotazione e la distribuzione dei parcheggi pubblici nelle zone più frequentate d’estate, quelle più vicine alle spiagge, ma soprattutto, per motivi di salute dovuti alla situazione generata dal coronavirus.

Il consiglio adejero specifica che il divieto riguarda fino a una dozzina di località, concretamente Playa de Las Américas, Urbanización San Eugenio, Torviscas, Playa de Fañabé, El Duque, La Herradura (comprese La Enramada e San Sebastián), Playa Paraíso, El Beril, Callao Salvaje e il Puertito de Adeje.

Nel resto del comune, il parcheggio di roulotte, camper e veicoli simili è limitato a un massimo di 72 ore.

Gli agenti della polizia locale di Adeje e del personale della Protezione Civile controllano il rispetto dei regolamenti comunali e sanzionano chi li viola.

Fonti comunali hanno confermato che nelle ultime settimane alcuni residenti e albergatori hanno lamentato alcuni focolai di sporcizia in luoghi che sono stati occupati da questi veicoli, generalmente in zone vicine alle zone costiere, anche se riconoscono che la maggior parte di solito sono attenti all’ambiente naturale.

Ad Arona, il Comune sta lavorando per limitare la sosta dei camper applicando la legislazione vigente, che prevede il diritto di questo tipo di veicoli a parcheggiare per 72 ore, dopo le quali devono spostarsi.

Lo ha spiegato l’assessore alla sicurezza, Francisco Marichal, che ha riferito di diverse azioni intraprese dal Consiglio per limitare questa pratica al di fuori degli spazi stabiliti a tale scopo, in particolare nella zona di via Arenas Blancas, a Playa de Las Americas, dove è stata cambiata la direzione del parcheggio, come a Las Galletas o a Palm-Mar, zone dove i camper sono praticamente scomparsi.

“Tuttavia, la soluzione migliore per questa pratica è la collaborazione con le associazioni di utenti e l’utilizzo prioritario di aree appositamente progettate per ospitare e fornire servizi a questo tipo di veicoli”, ha detto il sindaco.

Quest’estate il Comune di Granadilla de Abona ha allestito uno spazio per il parcheggio autorizzato dei camper a El Médano fino alla fine di settembre.

Il parcheggio si trova nella zona di El Cabezo, sul sito popolarmente conosciuto come La Inglesa, ed ha una capacità di 50 veicoli, che possono parcheggiare per un massimo di 72 ore.

Il consigliere comunale dei Trasporti, Fredi Oramas, ha spiegato che in questo modo si regola il parcheggio di questi veicoli, decongestionando le strade finora utilizzate, garantendo così una maggiore sicurezza e una migliore immagine di questa zona della costa del comune.

Il Municipio ha dotato il sito di contenitori per i rifiuti.

Michele Zanin