L’aumento degli arrivi turistici regionali e nazionali è stato uno dei principali incentivi per il recupero dei pernottamenti sull’isola nelle ultime otto settimane.

La Gomera ha chiuso lo scorso luglio con un’occupazione media di oltre l’80%, come ha confermato il presidente del Cabildo, Casimiro Curbelo, che ha fornito i dettagli dell’evoluzione dell’isola, che sta gradualmente recuperando la sua attività in questi mesi estivi con la riapertura delle strutture ricettive e dei servizi legati a questo settore.

L’aumento dell’arrivo del turismo regionale e nazionale è stato uno dei principali incentivi per i dati sui pernottamenti da recuperare nelle ultime otto settimane, soprattutto grazie alla scelta dell’isola per un soggiorno di vacanza più esteso rispetto agli altri anni.

“Troviamo turisti che decidono di rimanere sull’isola per più di una settimana, a differenza di altri anni con soggiorni più brevi e in date specifiche”, ha detto.

Curbelo ha anticipato la previsione dell’aumento della spesa turistica media giornaliera, situata a 120 euro, e che ora sarà più alta aumentando il periodo di soggiorno e, quindi, la spesa effettuata durante le vacanze.

“Dobbiamo agire con cautela, ma nonostante gli svantaggi che la pandemia ci lascia, abbiamo buone previsioni a breve termine, con momenti in cui raggiungeremo la piena occupazione in alcune località dell’isola”, ha detto.


Da parte sua, il Ministro del Turismo, María Isabel Méndez, ha apprezzato lo sforzo fatto dal settore per mostrare il meglio dell’isola dopo la pausa e la stretta collaborazione mantenuta con il Cabildo durante questo periodo.

Ha inoltre ricordato che, nell’ambito della strategia dell’isola, Turismo di La Gomera ha lavorato in questi mesi a diverse campagne promozionali parallele sul mercato regionale, nazionale ed europeo.

“Non abbiamo abbassato la guardia e ne sono prova le sessioni che si sono svolte durante il mese di luglio in ciascuno dei comuni in cui abbiamo esposto la pianificazione promozionale e le proposte previste per i prossimi mesi”, ha detto Méndez, che ha sottolineato la qualità e il miglioramento dell’offerta turistica; la formazione in materia di sostenibilità e competitività; la gestione dell’informazione turistica; la valorizzazione delle sue risorse e il posizionamento del marchio come focus principale del lavoro.