Il Governo sceglie le Isole Canarie per lanciare un’applicazione mobile per il monitoraggio del contagio da parte di COVID-19.

Il Governo regionale spiega che il progetto “contribuirà a rendere le isole una destinazione sicura, in quanto permetterà di controllare la circolazione del virus e quindi di allentare le restrizioni alla mobilità straniera”.

Il Governo delle Isole Canarie collabora con il Ministero dell’Economia e della Trasformazione Digitale nella realizzazione del progetto pilota di un’applicazione mobile per il monitoraggio delle infezioni da coronavirus COVID-19 da realizzare nell’Arcipelago attraverso il servizio informatico del Ministero della Salute insieme al Ministero della Pubblica Amministrazione, della Giustizia e della Sicurezza, attraverso le Direzioni Generali di Modernizzazione e Qualità dei Servizi e delle Telecomunicazioni e Nuove Tecnologie.

In un comunicato, il Governo regionale spiega che le Isole Canarie, data la loro condizione geografica di arcipelago e di destinazione turistica riconosciuta in tutto il mondo, sono state il luogo scelto dall’esecutivo centrale per la realizzazione di questo progetto.

Al Congresso, la terza vicepresidente, Nadia Calviño, ha affermato che le Isole Canarie sono “ideali” per questo progetto pilota per l’importanza del turismo e perché i turisti si sentano “a proprio agio nel paese, al di là della de-escalation”.

Il Dipartimento della Salute assicura che questa applicazione “contribuirà a trasformare le Isole in una destinazione sicura, poiché permetterà il controllo dei movimenti del virus e, quindi, che le restrizioni della mobilità esterna saranno alleviate in quanto i dati epidemiologici e di controllo lo indicano”.


Si tratta di un’applicazione che registra i movimenti delle persone che hanno contratto il virus e avverte i loro contatti che potrebbero essere stati esposti a possibili infezioni, il che aiuterà a controllare la diffusione della pandemia.

Essendo un’applicazione che funzionerà in tutta l’Unione Europea e che condividerà i database europei, il tracciamento dei casi aiuterà a conoscere lo stato della pandemia in ogni regione.

Questa nuova applicazione mobile, che sta già funzionando in altri paesi come la Corea con buoni risultati e l’accettazione da parte della popolazione, avvertendo una persona di un possibile contatto con un COVID-19 positivo, faciliterà l’azione delle equipe sanitarie, che saranno in grado di prendere le opportune misure di isolamento e di diagnostica, contribuendo a ridurre l’impatto della pandemia.

Sapere come il virus si muove in una certa regione aiuta, in primo luogo, ad adottare misure per la riduzione dell’escalation e il ritorno alla normalità, ma anche a fermare rapidamente possibili focolai del virus, isolando rapidamente coloro che potrebbero essere stati infettati, dice l’esecutivo delle Canarie.

Entrambi i governi sottolineano che questo tipo di strumento sarà rispettoso dell’identità e della privacy delle persone che vengono rintracciate, garantendo sempre il rispetto della Legge Organica sulla Protezione dei Dati Personali.

Franco Leonardi