Colocación de vinilos

Il Municipio espone una serie di vinili di grande formato in cui si ricorda che è comunque indispensabile mantenere una separazione di almeno due metri tra le persone.

Il Consiglio comunale di La Laguna ha iniziato una campagna per le strade del comune che chiede di mantenere la distanza sociale e di evitare comportamenti a rischio che possono portare a una recrudescenza delle infezioni da coronavirus.

Il sindaco di La Laguna, Luis Yeray Gutierrez, ha spiegato che “al momento abbiamo iniziato ad uscire dal confino, non possiamo permetterci di tornare indietro su quanto realizzato finora, se vogliamo iniziare al più presto la ripresa economica del nostro comune.

“Per questo – ha aggiunto – questa campagna è un appello alla responsabilità di tutti i cittadini, affinché non ci rilassiamo nelle varie fasi di de-escalation e continuiamo a mantenere la massima cautela”.

La campagna ha iniziato ad essere attuata nei vari quartieri e centro città di La Laguna, e prevede il dispiegamento di una serie di vinili di grande formato in cui si ricorda che la distanza di almeno due metri tra le persone è essenziale per evitare la diffusione di Covid-19, tra le altre misure preventive.

Con lo slogan “Mantenere la distanza di sicurezza salva vite umane”.


D’altra parte, nella riunione del Piano di emergenza comunale (PEMU), è stato notato che le restrizioni sono state allentate in alcuni punti della fase 1 del piano di de-escalation, come l’autorizzazione a svolgere attività di pesca sportiva e di caccia.

La Biblioteca Comunale di La Laguna, che fa parte dell’Assessorato alla Cultura del Comune di La Laguna, ha riaperto dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 14:00, con il servizio di prestito e restituzione.

La riapertura viene effettuata dopo aver adottato le misure stabilite per garantire la sicurezza sia del personale che degli utenti.

L’assessore della zona, Yaiza López Landi, assicura che questa decisione “è un ulteriore passo verso la normalità che tutti noi desideriamo” e ricorda ai cittadini che “devono continuare a rispettare rigorosamente, come hanno fatto finora, le misure sanitarie necessarie per riprendere l’attività in queste strutture”.

Aggiunge che “queste misure sono state attuate per garantire la sicurezza del personale della biblioteca e degli utenti e per iniziare a offrire il servizio, rendendo più facile per tutti continuare a godere del materiale bibliografico che la biblioteca mette a loro disposizione”.

A tal fine, la Biblioteca Comunale rispetta le norme specifiche per i musei e le biblioteche durante le fasi di de-escalation, nonché le raccomandazioni della Segreteria di Stato per il Turismo, in coordinamento con il Ministero della Salute e il Ministero della Cultura.

Franco Leonardi