In questo periodo sia per la stagione ma anche per i mesi di chiusura delle Isole è molto più facile trovare i ricci sulle strade di collina e montagna.

Se ne trovate uno e non sapete esattamente cosa fare vi spiegheremo punto per punto come agire a seconda dei casi, con tutti i dati e i consigli utili per aiutare il piccolo in caso di bisogno.

A seconda che si tratti di un esemplare autoctono o domestico, si dovrà agire in un modo o nell’altro, poiché i primi sono protetti e non possono essere tenuti in cattività, mentre i secondi sono animali che non sopravviverebbero in natura e sono anche considerati una specie invasiva.

Per distinguerli qui vi diamo con una piccola guida, con le caratteristiche che li caratterizzano.

Il riccio europeo (nativo) ha il viso e il ventre beige o marrone, più o meno chiari.


Le orecchie sono arrotondate e piccole, anche se sembrano abbastanza vicine alla testa.

Abita in tutta la penisola spagnola, ma non le isole.

Da adulti pesano tra i 600 e i 1500gr.

Il riccio moresco (nativo) ha la faccia e i peli del ventre bianchi.

Le orecchie sono prominenti.

Il muso è appuntito, con una sorta di pinne nelle narici.

Abita le isole e la costa mediterranea, più o meno da Tarragona a Murcia, compresa Lleida.

Gli adulti pesano da 500 a 700gr.

Il riccio africano (domestico) può essere facilmente confuso con il riccio moresco.

Si distingue per il peso, poiché quelli domestici non superano i 500gr, e per la forma del naso, che in quelli domestici non presenta quelle caratteristiche alette.

Ma soprattutto tenete presente che le possibilità di trovare un riccio domestico in natura sono molto basse, perché a parte il fatto che sarebbe estremamente difficile per lui sopravvivere nel nostro habitat, sono illegali da anni e quindi non ce ne sono molti che possono sfuggire o essere abbandonati.

Soprattutto, non lasciatevi trasportare dal personaggio, perché è molto comune che i ricci europei e moreschi siano amichevoli e sfrontati, senza farsi spaventare dalla vostra presenza.

In ogni caso questo è il punto più importante, poiché un’errata identificazione significa una grande differenza nel destino dell’animale, quindi analizzatelo molto bene.

Se siete stati in grado di identificarlo come un esemplare autoctono, cioè moresco, allora è importante determinare lo stato di salute in cui si trova o se soddisfa alcuni dei requisiti in cui riteniamo che abbia bisogno di aiuto veterinario.

È un cucciolo piccolo, grande come un uovo, e non c’è traccia della madre per ore.

È molto sottile o malnutrito, quando invece di guardarsi intorno sembra ovale o sembra avere un girovita.

Ha ferite, tracce di sangue o zoppica a causa di una frattura.

Ha parassiti, piccole pulci in movimento o zecche uncinate.

Ha zone calve, senza spighe e peli.

In tutti questi casi, ha bisogno di aiuto veterinario.

Ma non è necessario portarlo dal veterinario a proprie spese, perché praticamente in tutto il paese ci sono centri di recupero della fauna selvatica sparsi in tutte le province dove si prendono cura degli animali che hanno bisogno di attenzione.

Quindi potete cercare quello che corrisponde alla vostra provincia nella seguente lista:

Vi diranno se vengono a prenderlo, se dovete portarlo a loro o se potete lasciarlo in una clinica veterinaria vicina che collabora con loro in modo che possano prenderlo dopo aver ricevuto le prime attenzioni.

Chiamare l’unità Seprona della Guardia Civil, al numero 062.

Se l’avete incontrato la sera in campagna e non soddisfa nessuno dei punti della lista di cui sopra, allora la prima cosa che dovreste sapere è che non avreste dovuto prenderlo.

È comune che le persone, spinte da un malinteso istinto protettivo, vogliano cercare di aiutare gli animali che non hanno davvero bisogno di noi, apparentemente, persi o non protetti.

Tenete presente che questi animali sono notturni, vivono nella foresta e nei campi ed è normale trovarli in mezzo al nulla.

Anche se li trovate in mezzo a una strada, non dovete far altro che fermarvi (purché non mettiate in pericolo la vostra sicurezza e quella degli altri) e toglierli dalla strada in modo che possano continuare il loro viaggio ovunque vogliano andare.

Altre volte, invece, sono loro che si intrufolano nei giardini privati, negli appezzamenti urbani…

In ogni caso, se l’animale è sano, l’importante è riportarlo al più presto nel suo habitat.

Se l’avete preso senza volerlo, l’ideale è riportarla nello stesso posto in cui l’avete trovato, e se è una zona pericolosa, cercatene un’altra più sicura.

Dovrebbe essere una zona lontana da case e strade, con accesso ad acqua sicura, come un fiume o stagno.

L’ideale sarebbe che ci fosse una vegetazione bassa di arbusti, in modo che possano nascondersi bene.

Questo dovrebbe essere fatto di sera e di notte, poiché sono notturni e avranno il tempo di trovare un riparo senza essere esposti durante il giorno.

Se si vuole lasciare un po’ di cibo dove lo si lascia, basta una manciata o due, in modo da avere cibo per il giorno (anche se attira anche altri animali, possibili predatori, quindi non molto).

Potrebbe dover passare una notte o due con voi, fino a quando non potrete andare a liberarlo o fino a quando non verrà prelevato per andare al centro faunistico.

Quindi è importante che sappiate come tenerlo mentre è a casa, in modo che sia sicuro per lui e per voi.

Potete metterlo in una scatola di plastica tupperware o in una scatola di cartone, ma tenete presente che se lo mettete in una scatola di cartone e si bagna (la pipì, ecc.) può finire per fare un buco e scappare.

Dovete anche tener conto che sono ottimi arrampicatori, quindi deve essere abbastanza alto o avere un coperchio, ma ricordatevi di fare dei buchi in modo che non soffochi.

Se possibile, mettetelo in un’altra piccola scatola o in qualche piccolo panno in modo che si nasconda come se fosse il suo nido e sia così protetto dalla luce.

Lasciatelo in una zona di casa o di giardino tranquilla.

Lasciategli una ciotola pesante d’acqua, ma non abbastanza grande per farlo entrare e bagnarlo.

Per mangiare, si può mettere cibo per cani o gatti, prosciutto, o pollo cotto senza sale o olio.

Se è un cucciolo e ha problemi a masticare, immergere il mangime in acqua in modo che sia pastoso come un purè.

Non dare latte, pane, semi, noci, frutta o verdura.

Se si tratta di un animale domestico, potete scegliere una delle seguenti opzioni:

1. Ufficialmente e legalmente, dovete consegnarlo alle autorità competenti, cioè al centro faunistico della vostra provincia o comunità, per l’eutanasia.

Poiché sono catalogati come specie aliena invasiva, questo è ciò che la legge impone.

Pensiamo che sia ingiusto e immorale, non siamo a favore, ma è nostro dovere denunciarlo.

2. Se avete un minimo di empatia e non volete che il piccolo animale faccia la stessa fine, potete tenerlo se pensate di essere in grado di dargli le cure necessarie.

Bina Bianchini