More

    Isolamento

    L’isolamento è vitale.

    Le epidemie che hanno colpito le Canarie sono state molte e tutte sono state risolte allo stesso modo: cordone sanitario.

    Nel 1582 la peste bubbonica causò più di 5.000 morti su una popolazione di appena 20.000 abitanti.

    Chi ha rotto il cordone sanitario ha ricevuto 200 frustate.

    Nel 1601, la peste mortale fu colpita dalla disobbedienza agli ordini del Cabildo, una delle due navi ancorate nella baia di Garachico, secondo cui nessuno doveva scendere a terra, infettando l’intera popolazione.

    Coloro che non hanno rispettato l’isolamento, sono stati messi al patibolo.

    A Tenerife, nel 1810, la febbre gialla o “vomito nero” uccise il 20% della popolazione.

    Nel 1851 il colera ha lasciato migliaia di morti a Gran Canaria.

    Il dottor Agustín Pisaca, che consideriamo un “tacorontero”, è stato di grande importanza nel controllo delle epidemie.


    Nel 1893 si isolò dalla popolazione, limitandosi ai malati di colera, riducendo la mortalità dal 17 al 3 per cento.

    L’anno successivo avrebbe fatto lo stesso con i pazienti affetti da vaiolo.

    Sarebbe anche a capo dell’epidemia di difterite, nelle zone di Anaga, Taganana e Benijo.

    Al suo ritorno dall’isolamento – nonostante le precauzioni e le sue conoscenze – è stato abbracciato dalle figlie, che ha contagiato con il vaiolo, e ben presto le due ragazze sono morte.

    Nonostante il dramma familiare, all’inizio del XX secolo, all’inizio del secolo, ha dedicato tutti i suoi sforzi alla lotta contro le epidemie di malaria e vaiolo.

    Nel 1906, nella peggiore delle pestilenze, la peste bubbonica, il dottor Pisaca lasciò di nuovo la sua famiglia, chiudendosi nell’ospedale che aveva organizzato nel lazzaretto, riuscendo a ridurre il tasso di mortalità dal 37 al 9 per cento.

    A Tacoronte ha adattato l’edificio di Alhóndiga per l’isolamento dei malati.

    Riuscì anche a far costruire un vero e proprio cimitero in questo comune, poiché la necropoli era un luogo marcio per i corpi mal sepolti.

    Molte cose si potrebbero dire di questo esemplare medico morto a Tacoronte il 21 agosto 1935.

    Tuttavia, la cosa più importante in questa storia è capire l’importanza di stare nelle nostre case, e la necessità che tutto il personale sanitario, tra gli altri gruppi, riceva ogni sera l’applauso di tutti gli spagnoli.

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati