Il Ministero del Turismo, dell’Industria e del Commercio del Governo delle Isole Canarie ha chiesto al Governo dello Stato di modificare l’ordinanza statale per la chiusura delle strutture ricettive al fine di esentare le Isole Canarie in determinate circostanze, come ad esempio il mantenimento di alcune strutture aperte per rispondere ai turisti che potrebbero rimanere nelle isole a causa dell’impossibilità di ritornare nei loro paesi di origine.

A tal fine, il Ministero regionale propone anche come opzione a Madrid di autorizzare il Governo delle Canarie a stabilire le corrispondenti eccezioni in ogni isola.

Il Consiglio regionale, che fa capo a Yaiza Castilla, ha fatto una stima del numero di turisti che possono rimanere sulle isole alla fine della giornata, stabilita in meno di 10.000 persone, una cifra che, come riconosce l’assessore regionale, “non è accurata al 100%, in quanto è probabile che ci siano turisti che sono stati lasciati fuori dalle fonti di misurazione abituali”.

Il Ministero stima che nei 3 giorni rimanenti per la chiusura degli alberghi dovrebbe gestire la partenza della maggior parte delle meno di 10.000 persone

In questo senso, Castilla ha trasferito al governo di Pedro Sánchez una chiara premessa, ovvero che “le Isole Canarie hanno un numero di turisti di gran lunga superiore a quello di qualsiasi altra comunità autonoma“.

Da qui”, ha aggiunto, “l’imperativa necessità di eccezioni alla chiusura assoluta degli alloggi in ciascuna delle isole.  Il Ministero ha stimato solo 4 giorni fa che sulle isole c’erano circa 90.000 turisti, che sono partiti gradualmente, attraverso voli internazionali operati da tour operator con clienti con pacchetti turistici.


La difficoltà principale è stata con i turisti con solo volo, o senza biglietto di ritorno confermato, un gruppo che è il più difficile da trovare volo di ritorno, oltre ad alcuni paesi non consentono voli di ritorno.

Pertanto, nelle sue richieste a Madrid, il Ministro del Turismo ha anche proposto di intensificare i contatti per il rimpatrio della maggior parte dei visitatori.

Secondo le informazioni ottenute da Turismo de Canarias, i principali tour operator hanno già portato via i loro clienti questo fine settimana, come nel caso di Jet2, TUI, Easyjet, e ci sono compagnie aeree che hanno smesso di volare senza prendere clienti sulle isole, come nel caso di Ryanair.

Attraverso i consolati e le ambasciate, tuttavia, e in coordinamento con il Turismo delle Canarie e i consigli insulari, si sta svolgendo un arduo compito per localizzare i rispettivi connazionali su diversi voli.

È il caso dei francesi, con un volo Transavia per oggi, dei tedeschi con due operazioni per oggi con Condor, e degli italiani con Neos.

Anche gli olandesi e i belgi hanno avuto una partenza programmata oggi.

Yaiza Castilla riconosce che, poiché ci sono meno turisti, sarà più difficile adattare i passeggeri provenienti dalle isole ai paesi di destinazione.

Questa situazione genererà un volume di turisti, difficilmente quantificabile, che saranno “intrappolati nelle Isole Canarie” e che dovranno essere dotati di una soluzione di alloggio per poter rispettare le misure dello stato di allarme.

Turisti con diversità funzionale e mobilità ridotta che non sono in grado di organizzare il loro ritorno.  

Tali misure potrebbero consistere nella firma di accordi con i gestori delle strutture turistiche interessate o attraverso le loro organizzazioni commerciali più rappresentative.

Tutto questo, adottando le misure di sicurezza sanitaria e di soddisfazione dei bisogni primari.

dalla Redazione