Due cuccioli di giaguaro sono nati a dicembre nell’ambito del 47° anniversario di Loro Parque.

Un altro grande successo di conservazione perché la specie è minacciata, secondo la IUCN.

Loro Parque si congratula con se stesso per la nascita di due cuccioli di giaguaro che sono nati a dicembre nell’ambito del suo 47° anniversario.

Gli esemplari di Panthera onca sono con la loro madre, Naya, che si adattano alla loro nuova casa dove possono già essere ammirati insieme.

Questo grande evento rappresenta un successo di conservazione perché la Panthera onca è una specie classificata come quasi minacciata nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Uno dei maggiori pericoli per gli esemplari di giaguaro è l’alto tasso di deforestazione in America Latina e la frammentazione dei loro habitat che li isola e li rende più vulnerabili alle persecuzioni umane.


Tutto questo fa sì che Loro Parque, come centro di conservazione della fauna selvatica, rafforza il suo impegno per la protezione della natura e delle diverse specie, rendendosi una vera e propria ambasciata per gli animali selvatici. In questo senso, la nascita di nuovi esemplari è sempre un ottimo indicatore del benessere degli animali, perché garantisce la copertura dei loro bisogni e, di conseguenza, la loro capacità di riprodursi senza difficoltà.

Per questo motivo, per ricevere la prole, l’intera squadra del Dipartimento dei mammiferi terrestri e gli esperti veterinari hanno fatto in modo che la gravidanza di Naya potesse procedere senza intoppi.

Così, il team ha preparato l’habitat in modo che la madre sia sempre a suo agio.

Per ora, come è naturale nei primi mesi, i giaguari vengono nutriti dalla madre che non esita a prendersi cura di loro in ogni momento.

Inoltre, per quanto riguarda l’aspetto fisico, i gemelli sono simili al padre, Gulliver, che ha macchie più visibili e un mantello più leggero.

Un successo di conservazione

Naya fa parte di un programma di conservazione nell’ambito del Programma europeo per le specie minacciate di estinzione (European Endangered Species Programme – EPP), al quale sono collegati gli zoo legati all’Associazione europea degli zoo e degli acquari (EAZA).

Così, nel 2019, è arrivato a Loro Parque da un istituto zoologico della Martinica, nei Caraibi, con l’obiettivo di aumentare la diversità genetica del programma.

Il giaguaro è il più grande “gatto” delle Americhe e il terzo più grande del mondo, dopo la tigre e il leone.

All’interno della sua gamma, è l’animale al vertice della catena alimentare, e può vivere in habitat diversi come la foresta pluviale amazzonica o le steppe secche della parte meridionale del Sud America.

In natura si nutre di una varietà di prede vive, dai pesci ai grandi mammiferi e persino ai caimani, specialmente nella fantastica e immensa zona del Pantanal brasiliano, la più grande zona umida del mondo, un’immensa pianura alluvionale soggetta a inondazioni periodiche, che si trova in un’area centrale del Sud America situata per gran parte in Brasile e in parte in Bolivia e in Paraguay.

Il Pantanal deriva il suo nome dalla parola portoghese ”pântano”, che significa “palude”, e si estende per circa 150.000 km quadrati.

È considerato l’ecosistema con il maggior numero di specie di flora e fauna del mondo.

Inoltre, è noto per avere le mascelle più forti del gruppo dei grandi felini.

In generale, e con l’eccezione dei periodi di allevamento e di riproduzione, è un animale solitario.

Tuttavia, sebbene a partire dagli anni ’70 si sia assistito a una drastica diminuzione della caccia commerciale dei giaguari per le loro pelli, grazie a varie campagne anti-pelliccia e al progressivo controllo e chiusura dei mercati internazionali, c’è ancora una domanda per le loro zampe, i loro denti e altri prodotti.

Pertanto, attraverso questi programmi di conservazione realizzati negli zoo, la popolazione di questi animali sta crescendo.

Allo stesso tempo, questa famiglia di giaguari rende i visitatori consapevoli delle difficoltà incontrate dai loro coetanei in natura.

Franco Leonardi