Il presidente del CEST, Roberto Ucelay, conferma, al termine di un incontro con il vicepresidente e ministro regionale delle strade dell’isola, che l’attuale gruppo di governo sta già lavorando al progetto.

Il Cabildo di Tenerife sta studiando l’installazione di un treno suburbano tra San Isidro (Granadilla), una delle principali città dormitorio del Sud, e Los Cristianos (Arona), un progetto in fase embrionale che prevede una fermata all’aeroporto.

L’attuale gruppo di governo, che ha chiarito che il treno del Sud, tra Santa Cruz e Adeje, non è una delle sue priorità, sembra accogliere l’idea di un trasporto ferroviario limitato a un percorso di 18 chilometri, in attesa di conoscere la fattibilità tecnica, economica e finanziaria del progetto.

La proposta del treno suburbano è stata accolta con favore dagli imprenditori del Sud, anche se hanno sostenuto che, se il progetto sarà finalmente approvato, il suo costo economico dovrà essere assunto al cento per cento dallo Stato.

Ucelay si è detto molto soddisfatto per l’incontro e ha evidenziato la volontà di Arriaga e Garcia di promuovere soluzioni per porre fine agli ingorghi e ai gravi problemi di mobilità nel Sud.

Il Presidente del CEST ha proposto cinque grandi priorità per la regione: la terza corsia della TF-1, l’Anillo Insular, la seconda strada dell’Anillo Insular (Santiago del Teide-Guía de Isora e Santiago del Teide-El Tanque), la tangenziale Playa de Las Américas-Guaza-Fañabé e un progetto di copertura dell’Autopista del Sur tra l’incrocio di Playa de Las Américas e l’incrocio di Fañabé per migliorare il traffico interno con la creazione di una nuova strada.


A questo proposito, Ucelay ha sottolineato l’importanza di recuperare la connettività interna nelle zone turistiche senza accesso all’autostrada per evitare di sovraccaricarla di traffico.

Il CEST ha proposto anche maggiori incentivi per gli utenti degli autobus, con nuovi percorsi diretti nelle aree turistiche nelle ore di punta nei giorni lavorativi.

Il CEST ha ricordato che da quando ha presentato, nell’aprile 2016, un documento al Cabildo e al Governo delle Canarie con 11 misure, solo una è stata realizzata, quella di abilitare due corsie a livello della stazione di polizia di Playa de Las Americas.

Tale documento comprende ora nove proposte per possibili migliorie.

Marta Simile