Dichiarata per l’UNESCOGEOPARCO e RISERVA DELLA BIOSFERA, la più occidentale delle 7 isole e dichiarata il primo MERIDIANO ZERO della storia!

È la prima isola al mondo con un progetto di autosufficienza energetica!

La maggior superficie protetta dell’arcipelago Canario con MILLE VULCANI che creano paesaggi unici!

Dal porto di Los Cristianos partiremo per il porto de la Estaca e, una volta attraccati, visiteremo:

  • EL MIRADOR DE ISORA. Questo punto ci permette di godere di una magnifica visuale della depressione di Las Playas, con le sue imponenti scogliere e la sua perfetta forma ad arco. È il prodotto di uno scivolo gravitazionale che ha formato una baia interna sui pendii che termina in una piacevole spiaggia, di fronte alla quale si trova il Roque de la Bonanza.
  • MIRADOR DEL JINAMA. Altro meraviglioso paesaggio della valle del Golfo nel punto in cui inizia la strada reale di Jinama, la principale strada di accesso pedonale alla valle. La vista ci permette di vedere il contrasto tra l’altopiano, dietro di noi e la scarpata di Laurisilva. Un lusso per i sensi!
  • PARQUE RURAL DE FRONTERA. Il più grande spazio naturale dell’isola. Questo riunisce i paesaggi più unici, dove ammireremo l’ecosistema della Laurisilva, un luogo che sembra essere incantato.
  • IGLESIA DE LA CANDELARIA. Una chiesa di tre navate costruito nel 1818, dove la caratteristica più sorprendente è il suo campanile, posto in cima alla montagna di Joapira.
  • PISCINAS NATURALES DE LA MACETA. Un angolo scolpito dalla natura che offre il miglior modo per rilassarsi e che è diventato un punto di riferimento sulla costa nord per la balneazione.
  • HOTEL PUNTA GRANDE. Situato vicino alla Riserva Integrale de los Roques de Salmor. In una delle sue falesie fu costruita un piccolo molo da dove alcuni abitanti partirono per le città europee in cerca di fortuna. Attualmente, su questo molo, troviamo l’Hotel Punta Grande, che risale al 1884 ed è menzionato nel Guinness World Record come l’hotel più piccolo del mondo!
  • EL MIRADOR DE LA PEÑA. Un belvedere con nome proprio, in questo caso, César Manrique. Una perla situata in uno dei punti più alti dell’isola e progettata dall’architetto delle Canarie per rendere omaggio alla terra e creare un’atmosfera fresca e accogliente. La vista che dà sulla valle del Golfo, mostra la Fuga della Gorreta, una falesia innalzata a mille metri sul livello del mare e dove i pastori transitavano muovendosi liberamente sulle asperità del terreno. Da qui si possono ammirare los Roques del Salmor che sembrano perle staccate da una collana che è immersa nel mare. Testimonianza geologica dello smantellamento dell’isola e un tesoro naturale come rifugio per gli uccelli marini e la lucertola gigante di El Hierro.
  • FABRICA DE QUESADILLA. Quando arriviamo al villaggio di Valverde, troveremo un dolce tipico locale. La sua preparazione artigianale è fatta con formaggio, uova, farina, zucchero, anice, cannella e limone (oltre al segreto della casa). Questo lavoro quotidiano delle figlie di Adrián Gutiérrez, sempre vicino al forno a legna, hanno reso la quesadilla talmente popolare da essere un prodotto che merita di essere assaggiato.

Ritornando al porto, passeremo davanti alla curiosa scultura dell’artista locale Rubén Armiche che rappresenta la processione della Vergine dei Re, costruita con materiali riciclati quali rifiuti urbani, elettrodomestici, parti di automobili e legno


 

 

Informazioni importanti:
Punti che visiteremo: Mirador de Isora, Mirador del Jinama, Parque Rural de Frontera, Iglesia de la Candelaria, Piscinas naturales de La Maceta, Hotel Punta Grande, Mirador de la Peña, Fabrica de quesadillas;

Prenotazione: Get Holiday: 617 84 97 70 o 922 712 315 o e-mail: [email protected]

Percorso: 120 km circa;

Orario: 7:00 – 20:00 circa;
Pranzo: incluso nel prezzo;
Durata: 12 ore circa;

Prezzo: adulti 99€ , bambini 50€ (fino ai 12 anni);

Altre escursioni interessanti: Tenerife Unesco Tour, Teide Sunset, Teide – Masca – Garachico – Icod, per favore visita il sito web