Il progetto per la ristrutturazione del chiosco nel piazzale di San Telmo è molto più vicino a diventare realtà dopo che è stato esposto pubblicamente il suo progetto ed essere stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Provincia l’8 novembre scorso.

Per un periodo di 20 giorni si possono formulare controversie e, se non esisteranno, il progetto sarà considerato definitivamente approvato, cosa che sarà nota prevedibilmente in questi giorni, nella prima settimana di dicembre.

Il progetto ammonta a 90.000 euro ed è stato realizzato dall’architetto Annika Elisabeth Schollin.

Il lavoro si inserisce nelle azioni di miglioramento dello spazio turistico insulare nell’Area di Turismo, Internazionalizzazione e Azione Esterna del Cabildo di Tenerife.

L’opera comprende non solo il chiosco stesso ma anche una zona terrazza che occuperà il solarium di San Telmo.

Uno degli obiettivi del progetto è quello di adattare l’immagine e l’estetica esterna del chiosco per dargli un design più contemporaneo, e allo stesso tempo di poter affrontare con garanzie l’assalto del mare nelle tempeste che potrebbero verificarsi.


E’ inoltre previsto l’aggiornamento di tutte le strutture, nonché il rispetto della normativa vigente.

La copertura del chiosco sarà sostituita da una nuova copertura vegetale con specie autoctone (principalmente pita o agave, bejeque e retama) con l’intenzione di migliorare l’immagine naturale, soprattutto dalla zona superiore del Paseo de San Telmo.

Inoltre, è previsto un nuovo edificio annesso da adibire a servizi igienici accessibili e adattati, progettato con pareti e tetto in cemento armato con finitura a vista, che sarà anch’esso rifinito con la copertura vegetale superiore di cui sopra.

In relazione alla terrazza annessa al chiosco stesso, sarà dotata di tende a vela amovibili, ancorate a pali di legno, che occupano una superficie di 50 m2 per tavoli e sedie.

Dal canto suo, il chiosco occuperà circa 31 m2, per cui la superficie totale sarà di circa 90 m2.

Si prevede di sollevare la pavimentazione nelle aree interessate dai lavori, sostituendola con lo stesso tipo di materiale.

In breve, tutte le buone notizie sono che è più vicino il completamento di questo progetto che ha richiesto diversi anni di elaborazione ed è ora nella sua fase finale per la sua prossima esecuzione.

Bina Bianchini