Ci dice il giornale ABC “Il collettivo vegano e vegetariano ha un nemico a forma di insetto nei prodotti alimentari e cosmetici.

È considerata la migliore tintura naturale sul mercato, ma ha un piccolo problema: proviene dalla cocciniglia.

Nasconde la sua presenza mutando il suo nome travestito da carminio, acido carminico o, semplicemente, sotto il criptico E-120”.

È presente in sciroppi, marmellate, dolci, gelatine, torte industriali … tutte contengono E-120.

Anche le conserve vegetali, gelati e prodotti lattiero-caseari come yogurt alla fragola o frutta rossa e formaggi freschi, nonché in prodotti a base di carne e bevande.

In questa lunga lista mancano bastoncini di granchio a base di surimi, alcune bevande energetiche, vermouth e salsicce.


È noto come carminio, acido carminico o sotto il criptico E-120.

Perché i vegetariani, i vegani e molti onnivori non possono vederlo?

Perché questo colorante è fatto con piccoli insetti: Dactylopius coccus, popolarmente noto come cocciniglia.

E anche se non si vedono direttamente quando si consuma questo colorante, ovviamente provengono dal mondo animale e sono in molti degli alimenti che consumiamo quotidianamente.

La cocciniglia è un piccolo insetto che vive come ospite del fico d’India, nutrendosi della linfa della penca; che i parassiti nei cladodi o pencas del cactus di cactus.

Il maschio non ha il bocchino ma ha un paio di ali che servono a muovere e fecondare la femmina; Vive solo tre giorni.

Gli insetti che producono questa sostanza sono molto piccoli ma molto ricchi di colore, raggiungendo le femmine adulte fino al 21% del prodotto nel loro peso secco. Raggiungono l’età adulta a 200 giorni.

Probabilmente è la tintura con migliori caratteristiche tecnologiche tra quelle naturali, ma viene utilizzata sempre meno a causa del suo prezzo elevato.

Fornisce alimenti a cui viene aggiunto un colore rosso molto piacevole, utilizzati in conserve vegetali e marmellate (fino a 100 mg / kg), gelati, carne e latticini, come yogurt e formaggi e bevande, sia alcoliche che analcoliche.

Come abbiamo detto, gli alimenti che possiedono questo colorante possono essere un problema per alcuni gruppi della popolazione umana che seguono le diete, non solo per le persone allergiche al carminio.

Può essere il caso di vegetariani, vegani che non mangiano prodotti di origine animale, seguaci di religioni con diete culinarie specifiche (come il kashrut nel giudaismo e l’halal nell’islam).

Come riferimento alla produzione delle Canarie possiamo dire che con questo colorante, le uniformi dell’esercito del Regno Unito nella guerra di Crimea erano tinte di rosso.

La coltivazione della cocciniglia nell’arcipelago è stata introdotta nel primo terzo del XIX secolo, quando, dopo una delle crisi cicliche dell’agricoltura, è stata sollevata la sostituzione delle colture di zucchero e vite, che ha coinciso con il boom dell’industria tessile in Europa che richiedeva tutti i tipi di coloranti, tra cui, in un posto di rilievo, il carminio.

È raccolto dalle pale della tunera (pianta di fico d’India).

I migliori anni di produzione sono stati dal 1845 al 1869 fino alla comparsa di coloranti sintetici.

La sua coltivazione è stata trasmessa di generazione in generazione.

Maria Elisa Ursino