Il colosso americano non ha voluto rivelare alcuni dettagli sul film che avrà come protagonisti delle superstar.

Il Governo delle Canarie ha confermato che sarà girato da ottobre a Fuerteventura, Lanzarote e Tenerife.

La Disney girerà nei prossimi mesi alle Isole Canarie uno dei film che compongono il nuovo Universe Marvel e sarà la più grande produzione cinematografica girata in Europa nel 2019, secondo quanto annunciato dal Presidente delle Canarie, Angel Victor Torres.

Torres ha dato questo annuncio dopo aver incontrato a Las Palmas de Gran Canaria due rappresentanti della società americana, Kevin de la Noy, produttore di successi come Dark Knight e Impossible Mission, e Karl McMilan.

La delegazione Disney non ha voluto rivelare alcun dettaglio sul film, anche se il Governo delle Canarie ha confermato che sarà girato da ottobre a Fuerteventura, Lanzarote e Tenerife.

I protagonisti saranno delle superstar e le spese saranno superiori a quelle di tutte le produzioni cinematografiche girate finora sulle isole.


Ángel Víctor Torres ha ricordato che la comunità canaria offre investimenti nel settore audiovisivo e incentivi fiscali che possono arrivare fino al 40% del costo.

Ha inoltre sottolineato che si prevede che questa produzione porterà all’Arcipelago un introito di circa 13 milioni di euro.

Il Presidente delle Canarie ha sottolineato che questo tipo di iniziative contribuiscono a rafforzare l’immagine esterna delle Isole, che offrono “tutto” a questa industria, da paesaggi che permettono di filmare spazi lunari a magnifiche location urbane nonché sgravi fiscali.

Sarà la seconda produzione Disney in soli tre anni nelle Isole Canarie dove nel 2017 Han Solo ha girato la seconda parte della trilogia complementare della nuova saga di Star Wars, in cui si racconta la gioventù del famoso contrabbandiere del Millennium Falcon, Harrison Ford.

Nei giorni scorsi la Disney alla fiera Comic-Con di San Diego (USA) ha annunciato il progetto della Marvel Studios per girare, dopo che è stata conclusa la fase con Avengers, “Endgame”, il più grande film blockbuster della storia, che include le riprese di film come “The Eternals” – con Angelina Jolie, Salma Hayek, Richard Madden o Kumail Nanjiani nel cast-, “Black Widow, Thor: Love and Thunder” – con Natalie Portman come dea del tuono -, e un film su “Blade” con Mahershala Ali come star.

L’anno scorso, le Isole Canarie hanno ospitato 71 riprese di film, serie e programmi televisivi che hanno scelto le isole per il loro buon clima, la varietà dei paesaggi e gli incentivi fiscali per il settore.

In tutto hanno lasciato, in cambio, un indotto economico di oltre 60 milioni di euro.

Tra queste, grandi produzioni internazionali come “Rambo” o “Wonder Woman”; produzioni nazionali come “Durante la Tormenta” e “Paradise Hill”; o serie come “Hierro”, girata interamente sull’isola.

Le riprese audiovisive non solo hanno portato più di 60 milioni di euro nell’economia delle Canarie, ma hanno anche reso possibile l’assunzione diretta di circa 2.000 professionisti locali.

Da quando nel 2015 è stato approvato il nuovo quadro di incentivi fiscali per attirare questo tipo di progetti nelle Isole, le produzioni internazionali hanno generato un impatto di 80 milioni di euro, considerando solo i progetti a cui hanno partecipato i membri dell’Associazione dei Produttori Audiovisivi Spagnoli all’estero, Profilm.

Nel 2019, la tendenza è simile e quest’anno le Isole Canarie sono state scelte per le riprese di sei lungometraggi e cinque serie televisive, tra cui la serie “The Witcher” di Netflix e il lungometraggio “Wasp Network”, con Penelope Cruz.

Le Isole Canarie hanno già ospitato mega-produzioni come “Han Solo. Una storia di Star Wars” di Ron Howard (Disney-Lucas Films); “Alleati” di Robert Zemeckis (Paramount); “Jason Bourne” di Paul Greengrass (Universal Pictures); “Le origini di Moby Dick” di Ron Howard (Warner Bros); “Fast & Furious 6” di Justin Lin (Universal Pictures); “La furia dei Titani” di Johanathan Liesbesman e Louis Leterrier (Warner Bros); e “Exodus: Dei e Re”  di Ridley Scott (20th Century Fox).

Cristiano Collina