Ryanair chiuderà le basi di Tenerife, Gran Canaria, Lanzarote e Girona e licenzierà 512 persone.

Il segretario dell’organizzazione dell’USO Ryanair, Jairo Gonzalo, ha confermato che i dipendenti hanno ricevuto questa notifica dalla compagnia aerea irlandese quando il sindacato era riunito con la direzione dell’azienda.

Ryanair ha avviato un processo di licenziamento collettivo che potrebbe interessare circa 512 membri dell’equipaggio di cabina e piloti dopo aver confermato la chiusura delle basi di Gran Canaria e Tenerife sud, alle quali si sono aggiunte quelle di Lanzarote e Girona, per il prossimo 8 gennaio.

In particolare, l’adeguamento della forza lavoro interesserebbe 512 dipendenti, compreso il personale di cabina e i piloti, che sono suddivisi in 164 persone a Girona, 156 a Tenerife Sud, 110 a Gran Canaria e 82 a Lanzarote.

“Mentre ci incontravamo con la direzione della compagnia aerea per cercare di concordare i servizi minimi per i 10 giorni di sciopero chiamati a settembre, i responsabili delle risorse umane Ryanair, Crewlink e Workforce hanno inviato le email modello annunciando la chiusura delle basi”, ha spiegato Gonzalo.

Secondo USO, la direzione di Ryanair giustifica la chiusura di queste quattro basi in Spagna a causa dei ritardi dei 737 aeromobili MAX di Boeing, degli effetti di un’eventuale hard Brexit e per il calo dei profitti rispetto agli ultimi due anni.


Da parte dell’organizzazione sindacale è stato dichiarato che ciò che l’azienda sta facendo “è quello di smantellare le basi in Spagna, perché l’applicazione del diritto del lavoro spagnolo è più costosa che assumere nuovi equipaggi attraverso altre aziende dove le condizioni sono più precarie”.

In questo senso, Gonzalo si è chiesto come si possa spiegare che, lo stesso giorno in cui la compagnia aerea annuncia ai suoi lavoratori la chiusura di queste basi, vengono pubblicate offerte di lavoro per Laudamotion (compagnia acquistata da Ryanair) a Madrid e Barcellona.

“Le chiusure e i licenziamenti annunciati non sono giustificati e Ryanair dovrà fornire spiegazioni alle autorità spagnole competenti in materia di lavoro non appena torneranno dalle vacanze.

Speriamo che i nostri governatori agiscano una volta per tutte e costringano Ryanair a rispettare la legge.

I nostri politici non possono accettare che Ryanair continui a prendere in giro il nostro paese”, ha sottolineato Gonzalo.

In questo senso, ha sottolineato che il Ministero dei Lavori Pubblici dovrà decidere nuovamente sui servizi minimi da applicare nelle giornate di sciopero di 1, 2, 6, 8, 13, 15, 20, 22, 27 e 29 settembre, dopo non aver raggiunto un accordo tra i sindacati riuniti, USO e Sitcpla, e la direzione di Ryanair.

Gli scioperi contro queste chiusure e licenziamenti hanno il massiccio sostegno dei piloti della compagnia aerea irlandese.

L’Unione delle compagnie aeree spagnole (Sepla) ritiene che tali misure comporterebbero il licenziamento di oltre 100 piloti in tutta la Spagna.

Secondo la compagnia aerea, molte delle sue basi saranno ridotte o chiuse a causa del ritardo nella consegna di 30 aeromobili 737 MAX.

L’azienda assicura che nessuna rotta sarà interessata alla chiusura, in quanto saranno servite da voli di altre basi a partire da novembre, quando inizia l’orario invernale.

(Chiudere le basi significa non avere più personale permanente in questo caso nelle Isole, gli aerei “non dormiranno” alle Canarie, ma i voli saranno garantiti).

Ryanair ha chiuso il primo trimestre dell’esercizio finanziario, che si è concluso il 30 giugno, con un utile di 243 milioni di euro, il 21% in meno rispetto all’anno precedente.

Dopo aver presentato i suoi conti trimestrali, il CEO del gruppo, Michael O’Leary, ha anticipato che l’entità sarebbe stata costretta a licenziamenti, alla fine di settembre e dopo Natale, e ha stimato in 500 piloti e 400 assistenti di volo il personale in eccesso.

Bina Bianchini