L’estate ha creato quasi 50 mila nuovi contratti nelle Isole Canarie, 6.000 solo nelle vendite

L’Arcipelago è la seconda Comunità Autonoma del paese in cui l’occupazione cresce meno.

La campagna estiva di quest’anno ha generato un totale di circa 47.700 nuovi contratti, il 2% in più, secondo le previsioni di Adecco, che puntano alla creazione di 1.443.575 posti di lavoro in tutta la Spagna, il 7,3% in più rispetto allo scorso anno.

Di questi, 190.000 posti di lavoro sono collegati alla campagna vendite, il 6,8% in più rispetto all’anno precedente.

Le Isole Canarie sono cinque punti al di sotto della media nazionale, diventando la seconda regione autonoma in cui l’occupazione è in minor crescita.

Per provincia, Tenerife guiderà le assunzioni delle Canarie, occupando il 13° posto su 50, con 26.400 posti di lavoro.


Las Palmas è al 19° posto, con 20.800 nuovi contratti.

In termini di vendite, Tenerife genera 3.400 nuove opportunità di lavoro e Las Palmas 2.600 posti di lavoro.

In generale, il settore turistico, alberghiero e della ristorazione sono i più attivi e i profili più richiesti sono cuochi, camerieri, allestitori, venditori, impiegati, promotori, camerieri di magazzino, distributori e tele-operatori.

Le cinque comunità autonome che generano più posti di lavoro durante la campagna estiva sono la Catalogna (285.040 nuovi contratti, 7,8% in più), la Comunità di Madrid (223.830, 10,5% in più), Valencia (152.800, 5,1% in più), Murcia (152.300, 2% in più) e Andalusia (133.310, 11,8% in più).

Questi rappresentano i due terzi del numero totale di contratti che saranno stipulati durante questo periodo.

Seguono la Galizia (74.000 posti di lavoro), Castilla y León (72.800), Paesi Baschi (70.200), Aragona (60.000) e Castilla-La Mancha (56.900).

Secondo la relazione, le Asturie, le Isole Baleari, La Rioja ed Estremadura saranno le regioni con il minor numero di contratti quest’estate.

Tuttavia, la regione in cui l’occupazione è cresciuta maggiormente durante l’estate rispetto al 2018 è la Galizia, con un aumento del 14,2%. Seguono l’Andalusia (+11,8%), Madrid (+10,5%), la Cantabria (+10%) e le Isole Baleari (+9%).

Per provincia, Madrid è in testa alle previsioni di assunzioni per la campagna estiva, con 223.800 nuovi posti di lavoro, insieme a Barcellona (219.900), Murcia (152.300) e Valencia (113.700).

I maggiori aumenti sono stati a Siviglia (+18%), Pontevedra (+15%) e A Coruña (+15).

Per quanto riguarda le previsioni occupazionali per la campagna vendite, Adecco stima che durante l’estate si siano generati circa 190.000 posti di lavoro su un totale di 1,4 milioni con un fatturato che sarà del 6,8% in più dello scorso anno.

Si distinguono anche le stesse regioni e le stesse province.

A livello regionale, la Catalogna è in testa alle assunzioni con 37.600 posti di lavoro.

Tuttavia, Madrid è in testa alle assunzioni per provincia con 30.200 nuovi contratti, seguita da vicino da Barcellona (29.300).

Seguono Murcia (19.400) e Valencia (15.000).

Tenendo conto della crescita rispetto all’anno precedente sia nella campagna estiva che in quella dei saldi, le province che si distinguono sono Pontevedra, Siviglia, A Coruña e Almeria, con un miglioramento previsto del 15% ciascuna.

Per quanto riguarda i settori, la relazione rileva che il turismo e l’ospitalità saranno i principali beneficiari della campagna estiva.

Secondo il rapporto le aziende hanno buone previsioni per quest’estate, il che si traduce in una grande richiesta di professionisti e un aumento delle assunzioni anche nel settore aeroportuale.

Claudia Di Tomassi