Semaforo verde per l’ordinanza municipale Circulación y Movilidad emanata dall’Ayuntamiento di Santa Cruz di Tenerife e che di fatto, tra le altre cose, vieta l’attività dei cosiddetti gorillas o parcheggiatori abusivi.

Con l’approvazione del testo e la sua pubblicazione affinché la cittadinanza ne prenda atto o ne obietti eventuali punti, inizia così l’iter di promozione di un procedimento amministrativo che doterà la capitale di Tenerife di una nuova ordinanza, in sostituzione di quella attualmente in vigore ed emanata nel 1985.

Zaida González, assessore alla Mobilità, ha presentato recentemente il testo integrale dell’ordinanza che ha già ricevuto il supporto di una maggioranza qualificata e che non ha ottenuto alcun voto contrario; due gli obiettivi della nuova disposizione, ovvero trasformare Santa Cruz in un città più vivibile e dove veicoli e cittadini possano convivere serenamente, e razionalizzare usi e pratiche relative alla mobilità, a cominciare dal divieto delle attività dei gorillas.

La González ha precisato che ormai gli oltre 200.000 abitanti di Santa Cruz devono divenire attori protagonisti del cambiamento e del miglioramento della mobilità cittadina, assumendosi responsabilità in azioni quali il parcheggiare, il mantenere la sostenibilità dell’ambiente mediante un minor utilizzo dei propri veicoli a favore di quelli pubblici, rispettando i percorsi pedonali o per i ciclisti senza invadere le corsie per le auto, e di segnalare eventuali attività abusive di parcheggiatori che, con la nuova ordinanza, dovranno, se colti in flagranza, corrispondere quanto estorto illegalmente in quel frangente, quale anticipo della multa da pagare che verrà successivamente comminata.

Cittadini e gorillas avvertiti, dunque, e impegno, da parte delle autorità, di investire ulteriormente per il miglioramento dei parcheggi e della circolazione dei veicoli per persone con mobilità ridotta.

Redazione