I sindacati denunciano la “mancanza di trasparenza” dell’azienda irlandese nel processo che si concluderà con “trasferimenti forzati” da Gran Canaria e Lanzarote verso altre basi europee.

L’improvviso annuncio di Ryanair di prendere due aerei e i rispettivi equipaggi dalle basi che mantiene a Gran Canaria e Lanzarote alla fine di marzo ha di nuovo scatenato gli allarmi tra i sindacati, meno di un mese dopo la firma dell’accordo che ha posto fine allo sciopero del personale di cabina (TCP).

Il 30 gennaio la compagnia aerea ha annunciato l’intenzione di ridurre da quattro a tre aeromobili basati su ciascuna di queste due isole, il che potrebbe interessare circa 50 lavoratori, tra 20 e 25 per ciascuna delle due basi.

Sitcopla e USO hanno chiesto una riunione di mediazione con il Tribunale del lavoro delle Canarie, a seguito della causa congiunta intentata da entrambi i sindacati contro Ryanair per quello che considerano il tentativo di “trasferire forzatamente parte del personale in altre basi, senza nemmeno specificare se saranno in Spagna o in altri paesi.

I sindacati ritengono che Ryanair “è tornata alla sua vecchia maniera, non rispettando le scadenze e le procedure della legislazione spagnola sul lavoro per effettuare questi tagli nelle isole.

Jairo Gonzalo, segretario dell’organizzazione di USO-Ryanair, ha detto attraverso una dichiarazione che “diversi dirigenti della società sono stati alle basi di Gran Canaria e Lanzarote per segnalare che, per motivi commerciali, stanno andando a ridurre un aereo in ogni base, e anche il personale corrispondente, senza specificare di quante persone si parla.


E che tutti dovevano inviare prima del 5 febbraio una lista con le loro tre preferenze di destinazione, senza specificare se in Spagna o nel resto d’Europa”, ha detto.

I sindacati dicono che, “la compagnia aerea non ha giustificato con una relazione economica le ragioni del taglio né hanno sviluppato un elenco degli interessati, così come le opzioni per il trasferimento dei lavoratori”, ha spiegato il portavoce di Sitcpla alla base di Las Palmas, Luciana Sidi.

“Hanno chiesto a tutti allo stesso modo le preferenze, indipendentemente dall’anzianità o dalla situazione familiare, o se c’è personale disposto a trasferirsi volontariamente”, ha aggiunto Sidi.

Il delegato sindacale di Las Palmas ritiene che questo “oscurantista modo di esercitare pressioni sui lavoratori” induce i sindacati a pensare che l’azienda intende “punire” coloro che sono stati più attivi durante gli scioperi e le trattative per rivendicare i loro legittimi diritti.

Sidi ritiene che “Ryanair dimentica di essere già sotto il diritto spagnolo grazie all’accordo firmato da Sitcpla e USO”.

“Stiamo andando a chiedere la nullità del trasferimento forzato nella mediazione e, se l’azienda non risponde, la causa continuerà il suo corso presso la Corte Superiore di Giustizia delle Isole Canarie”, ha detto Sidi.

F.L.

(NdR speriamo che RyanAir non si stufi di queste “battaglie sindacali”)