LA PALMA – Le regole di protezione di El Tablado hanno bloccato il progetto di questo cavo che sarebbe stata la più alta e grande teleferica d’Europa.

Il progetto della mega-tirolina (teleferica) di Garafía è caduto a causa del fatto che le regole del Paesaggio Protetto El Tablado, dove questa infrastruttura doveva essere installata, impediscono la posa aerea.

Questa iniziativa mirava ad attraversare la gola di Los Calderetones, da El Tablado all’altra collina, nella zona di Cruz del Gallo, dove si trova il belvedere di El Topito.

La zip line, pensata come attrazione per promuovere il turismo attivo a La Palma e soprattutto a Garafía, evidenziando la ricchezza naturale della zona, sarebbe stata la più alta d’Europa, raggiungendo i 425 metri nel punto più alto del suo transito e la terza più lunga del continente, con una lunghezza di 1025 metri.

Tuttavia, la regola che protegge questo spazio di incalcolabile valore naturale, ha vietato lo sviluppo di questo progetto, come confermato dal Ministro delle Politiche Territoriali, Gonzalo Pascual, e dal primo vice sindaco di Garafía, Martin Taño, che ha cercato di promuovere questo progetto come stimolo turistico per la città.

Da notare che uno dei motivi per proteggere questo sito è che ospita specie di enorme interesse come i colombi turchesi (Columba bollii) e la “rabiche” (Columba junoniae), oltre ad avere zone di riproduzione, allevamento e rifugio di uccelli migratori.


Da qui uno dei motivi dell’incompatibilità con le linee aeree.

Nel caso di quello che si sta costruendo nel vicino comune di Puntagorda, nella gola di Izcagua, è stato necessario apportare delle modifiche al tragitto in modo che non sia interessato anche dalle norme che regolano la conservazione di questo spazio naturale.