Una nuova sentenza del Tribunal Supremo annulla la parte della direttiva del Governo di Canarias che proibiva questo tipo di affitti in zone catalogate come turistiche, confermando quanto già stabilito da anteriore sentenza del TSJC.

La direttiva del Governo di Canarias, che in applicazione della normativa statale del 2013 ha identificato questa nuova forma di affitto “extrahotelero” riferito ad alloggi privati immessi nel mercato turistico, ne aveva comunque limitato l’esercizio attraverso il “ Regolamento alloggi turistici in Canarias” approvato con il Decreto n.113/2015, prevedendo appunto l’esclusione di questa attività economica all’interno delle aree definite turistiche o in urbanizzazioni miste turistiche/residenziali, in quanto generavano concorrenza con le miriadi di Hotel, Complessi Alberghieri, Pensioni presenti sul territorio.

Successivamente ed anche per altre ragioni limitanti l’esercizio di questa attività, a sostegno delle Associazioni dei cittadini proprietari di alloggi privati che possono essere immessi sul mercato per coprire la domanda turistica, il Tribunale di Giustizia Canario (TSJC) aveva appunto questo stesso anno in marzo, dettato una Sentenza con la quale sottolineava che questo tipo di attività si può svolgere nelle aree turistiche create appunto anche per questo scopo, specificando che il Decreto che approva il Regolamento Canario, infringe il diritto costituzionale che riconosce e tutela la libertà di impresa e quello della libera concorrenza così come indicato anche dalla normativa Europea.

Pertanto questa ultima Sentenza finalmente annulla parzialmente il Regolamento alloggi turistici in Canarias, vietando di escludere l’esercizio di questa attività economica nelle aree turistiche e miste, considerando senza fondamento gli argomenti sostenuti dal Governo di Canarias e privi di copertura legale nell’ambito della normativa che regola il turismo nella Regione, anche se non ancora in forma definitiva potendo il Governo di Canarias proporre appello in Cassazione.

Si ritiene però talmente chiaro il precetto che ci si augura che il Governo di Canarias inizi a considerare le parti e quindi anche  i privati cittadini, meritevoli di quella tutela che la stessa Costituzione sancisce.

Avvocato Civita Masone