More

    L’OCEANO è pericoloso!

    Le Isole Canarie sono la terza comunità autonoma con il maggior numero di morti per annegamento nel 2023, secondo la Reale Federazione Spagnola di Salvataggio.

    Primo annegamento dell’anno 2024 alle Canarie: un uomo muore e un altro viene salvato per ipotermia.

    71 persone sono morte per annegamento nelle Isole Canarie nel 2023.

    Le Isole Canarie sono state la terza comunità autonoma con il maggior numero di morti per annegamento involontario in aree acquatiche nel 2023, con un totale di 71 decessi, secondo le statistiche compilate dalla Reale Federazione Spagnola di Salvataggio e Salvamento.

    In tutto il Paese, l’anno 2023 si è concluso con 422 morti per annegamento involontario in spazi acquatici, che è quasi l’8% in più rispetto al 2022 ed è il dato peggiore dal 2019.

    Inoltre, il dato dell’anno scorso è il quarto peggior record nella serie storica, cioè negli ultimi nove anni, da quando questo rapporto ha iniziato a essere compilato nel 2015.

    Questo nonostante il mese di dicembre abbia registrato un netto calo, con 17 decessi rispetto ai 29 dello stesso mese dell’anno precedente.

    Per la seconda volta dal 2015, l’Andalusia è ancora una volta la comunità autonoma con il maggior numero di annegamenti, con 68, lo stesso di allora.

    Dopo l’Andalusia (Abitanti: 8 538 376 (2023)) vengono la Catalogna (Abitanti: 7 543 825 (2018)), con 66 morti,  le Isole Canarie (Abitanti: 2 127 685 (2020)) con 71 morti,  Valencia (Abitanti: 809.501 (2023)) e la Galizia (Abitanti: 2.703.290 (2017)), entrambe con 46, le Isole Baleari (Abitanti: 1.107.220 (2016)) con 32, le Asturie (Abitanti: 1.018.706 (2020)) con 17, la Castiglia e León (Abitanti: 2.399.548 (2019)) con 16, Murcia (Abitanti: 462.979 (2022) con 16, i Paesi Baschi (Abitanti: 2.189.534 (2018)) con 15, la Castiglia-La Mancia (Abitanti: 2.041.631 con 10, l’Aragona (Abitanti: 1.328.753 (2020)) con 9, Madrid (Abitanti: 3.280.782 (2022)) con 7, l’Estremadura (Abitanti: 1.079.224 (2017)) con 5 e la Navarra (Abitanti: 640.790 (2014)) con 4, oltre a Ceuta (Abitanti: 85.144 (2018)) con 3, mentre a Melilla non sono stati registrati annegamenti.


    L’anno scorso la spiaggia è stata teatro del maggior numero di morti per annegamento, 231 del totale (54,7%), seguita dai fiumi, con 63 (14,9%) e dalle piscine 47 (11,1%), mentre 81 si sono verificati in altri spazi acquatici.

    Un totale di 103 dei 422 decessi si è verificato in siti monitorati, rispetto ai 148 in aree non monitorate e ai 171 in luoghi in cui non è stato richiesto alcun servizio.

    Il profilo delle persone annegate nel 2023 era maschile (80,3%), di età superiore ai 45 anni (76,5%), di nazionalità spagnola (72,5%), che ha perso la vita su una spiaggia (54,7%) o in un’area non sorvegliata (75,6%), tra le 10:00 e le 14:00 (31%).

    Il 57% dei decessi si è verificato in estate.

    Franco Leonardi

     

     

    Articoli correlati