More

    El Bailadero o Baladero di Los Guanches a Tenerife

    Sono molti i cronisti e gli storici che hanno parlato di questo toponimo, che indica un luogo di incontro e di celebrazione di rituali per implorare la pioggia.

    Foto di Juergen Kaemmer

    Ma è lo storico “Chasnero” Juan Béthencourt Alfonso ad approfondire l’argomento, per cui il nostro lavoro consisterà nel seguire le sue orme per localizzare la maggior parte dei luoghi di cui è stato informato dalla tradizione orale, anche se, come vedremo e perché si tratta proprio di questo: tradizione orale, gli stessi luoghi, anche se con nomi diversi, significa che commenta un gran numero di bailaderos, la maggior parte dei quali sono gli stessi.

    Come vedremo, in molti casi la tradizione ha cambiato il toponimo da “Bailadero de los Guanches” a “Bailadero de las brujas”, poiché in molti di essi si ritiene che fosse un luogo di incontro rituale per donne dedite alla celebrazione di riti di stregoneria.

    Foto di Piotr Kowalski

    Ancora oggi ci sono luoghi dove “secondo loro” si praticano queste celebrazioni “stregonesche”, come a La Cruz de Fune e nella cosiddetta “Piedra de la Horseshoe” a La Esperanza.

    Molti storici vedono il toponimo “Bailadero” come una derivazione della parola “Baladero”, un luogo dove si portava il bestiame per separare i capretti dai genitori e farli “belare” e compiere riti di supplica per la pioggia, anche se probabilmente venivano utilizzati anche per i giochi “Beñesmeres” (giochi, combattimenti e danze), motivo per cui Béthencourt Alfonso, nella sua descrizione dei luoghi, mescola Bailaderos e luchaderos o Terreros.

    Proseguiamo con la descrizione dei luoghi descritti da Béthencourt Alfonso e che abbiamo recuperato dalla toponomastica, oggi dai menceyatos:

    Menceyato de Icod

    El Bailadero nel Llano de Méndez a La Guancha – Accanto a La Guancha, in una zona ricreativa sulla vecchia strada per Icod, si trova il “Llano de Méndez”.

    Morro del Bailadero, tra Icod e Los Altos sulla strada per Las Vegas – El Barrio de la Vega, sulla strada da Amparo a La Montañeta.

    El Bailadero, tra la Cueva del Viento e il Caserío Redondo a Icod e il Bailadero de los Guanches – Sopra la Cueva del Viento si trova il Barrio de Redondo, oltre a una località chiamata “La Tabona” e “El Terrero”.


    Il Bailadero de los Guanches – tutto lascia pensare che la suddetta piazza si trovasse dove oggi chiamano “El Pino de Buen Paso”, tra il burrone di El Cuarto e Las Animas, ai piedi del Monte Castro di Icod – il suddetto Pino de Buen Paso esiste ancora, si trova di fronte alla chiesa del suddetto quartiere.

    Foto di Kuba Kaluza

    Menceyato de Daute:

    Los Bailaderos, a Teno, vicino alla frazione di La Mesita – Nella stessa frazione di Teno Alto, c’è una collina che ancora oggi si chiama Los Bailaderos.

    La Montañeta del Vallado – Crediamo che sia la stessa di quella citata sopra, dato che si trovano nello stesso luogo.

    Esiste anche il “Llano de las Brujas” vicino a La Caleta de Interián, nel comune di El Tanque.

    Il “Luchadero” o “Natero del Luchadero” era molto famoso tra i barrancos di Mazca e Los Sauce

    Menceyato de Anaga:

    El Bailadero in cima a Igueste e Taganana – Esiste ancora una località nota come El Bailadero sulla strada che da Las Mercedes porta a Taganana, esattamente alla svolta che porta alla frazione di Chamorga.

    El Bailadero vicino alla cima Amogoje, sulla vetta tra Igueste de San Andrés e Taganana – Crediamo che sia lo stesso del precedente, vista la breve distanza tra le due località.

    El Llano del Bailadero, sulla punta di Naga: si trova su una collina accanto al cimitero del quartiere Lomo Las Bodegas3.

    Menceyato de Güímar:

    Sulla collina di La Esperanza, l’Hoyón del Bailadero – probabilmente il luogo conosciuto come El Bailadero a Las Lagunetas, accanto all’area ricreativa di El Rosario.

    El Bailadero (delle streghe) sulle cime sopra le case di Arguenche, a El Escobonal, Güímar: molti degli antichi bailaderos furono infine chiamati “Llano de las Brujas” o “El Bailadero de las Brujas”, in cima a El Escobonal, un luogo è ancora conosciuto come El Bailadero, tra Barranco Amorín e Barranco Frías, accanto alla montagna di Amorío.

    Il Bailadero di Las Lajas su Achergue (Aguerche?), a Escobonal de Abajo – C’è la casa di Las Lajas sulle alture di Escobonal, molto vicina al precedente bailadero sulla stessa strada.

    El Bailadero vicino alle cime di El Escobonal – Si noti come Béthencourt Alfonso confonda i nomi: Arguenche, Achergue e Aguerche, nella zona di El Escobonal, non ne ha visto nessuno e li descrive solo per sentito dire, per cui crediamo che questi ultimi tre siano gli stessi.

    Foto di Chas

    El Bailadero tra la frazione di Barranco Hondo e Candelaria.- Secondo la memoria degli abitanti del luogo, a Pasacola nell’Igueste de Candelaria c’è il “Llano de las Brujas “6 , ma più avanti cita:

    El Bailadero tra Barranco Hondo e la “caseta del caminero” a Candelaria- Della casa del “caminero” rimangono solo le fondamenta sulla cosiddetta strada vecchia presso la Cuesta de Las Tablas e riteniamo che sia la stessa.

    Menceyato de Abona:

    Llano del Bailadero, sopra la montagna Gorda, vicino alla “Calzada del Rey”, in Charco del Pino a Granadilla – all’interno dello stesso distretto, c’è il toponimo di El Bailadero, a sud-est della Montaña Chiñama.

    Lomo del Bailadero, a metà strada tra El Poris e Arico el Viejo – Il toponimo di El Bailadero si trova accanto alla cosiddetta “Casa Caminero”, sulla strada che sale da El Porís de Abona ad Arico el Nuevo.

    Llano del Bailadero, a ovest della montagna di Magua ad Arico – Crediamo che sia lo stesso di quello citato sopra, dato che si trova nello stesso luogo.

    El Bailadero o Barranquillo del Bailadero, a ovest del monte Cojeja a Granadilla – Acojeja a Granadilla e il burrone di Acojeja, probabilmente in questo luogo.

    El Terrero o Luchadero in Chimiche a Granadilla – Nella memoria degli anziani del luogo, si indica un luogo a destra della strada che va da Chimiche a Las Vegas, in una pianura conosciuta come “El Terrero”.

    El Bailadero vicino a Roquito del Puerto, a San Lorenzo – È il nome dato alla zona conosciuta come “El Roque” nella Valle di Ahijadero, in quanto è un passaggio tra Jama e la parte bassa di Los Cristianos.

    El Bailadero sopra Cambados ad Arona – Probabilmente è lo stesso per la sua vicinanza. Su una collina che domina il quartiere di El Roque, nella Montaña de Jama, si trova una pianura conosciuta come “Llano de las Brujas” (Pianura delle Streghe).

    El Bailadero in Guinea, vicino a Cabo Blanco – Nel quartiere di Buzanada, sotto la Valle di San Lorenzo, si trovano le strade Guinea e Viña Guinea, accanto alle quali si trovano le strade con i toponimi “Bailadero de abajo” e “Bailadero de arriba”.

    El Bailadero, vicino a Jorosa, verso la cima tra i barrancos di Boxo e Tajao ad Arico – un toponimo totalmente perso, nessuno ricorda un luogo con questo nome.

    Llanos del Bailadero tra Las Zocas e Chimbesque, a San Miguel – A San Miguel, a destra della strada che da Aldea Blanca porta a Las Zocas e sulle pendici del monte Chimbesque, troviamo sulle vecchie mappe una zona conosciuta come El Bailadero, toponimo ancora conservato da alcuni abitanti di questo quartiere di Las Zocas.

    Menceyato de Adeje:

    El Bailadero, alle sorgenti del Chirche in Guía de Isora – Nell’altopiano del Chirche, il toponimo El Bailadero sopravvive ancora, si trova sulla riva sinistra del barranco del Pitón o del Tágara, sopra le cosiddette Era Alta e El Chiquero.

    El Bailadero nella piana di Canca, sulla cima della Guía – potrebbe essere lo stesso di cui sopra.

    El Llano del Bailadero, in fondo al barranco di El Inferno, a cui si riferisce il nostro autore, deve essere quello che si trova su una collina sopra il burrone, sulla sua riva destra, poiché è molto raro che una pianura si trovi in fondo a un barranco.

    El Bailadero in riva al mare sopra la Cueva Enramada ad Adeje – Accanto alla Caleta de Adeje si trova la cosiddetta Playa de la Enramada, oggi quasi scomparsa a causa della costruzione di alberghi, che poteva trovarsi dove oggi sorge l’Ermita de San Sebastián.

    Menceyato de Taoro:

    Los Bailaderos o Órganos de los Bailaderos, alle sorgenti di Aguamansa, sulla montagna Orotava – Ad Aguamansa, vicino alla “Piscifactoría”, all’interno della tenuta Los Monteverde, c’è una rupe chiamata Los Órganos e, curiosamente, sotto di essa c’è un grande albero centenario conosciuto come: “El Castaño de las siete pernadas” su una pianura, dove potrebbe essere stato questo bailadero.

    El Bailadero de Las Rosas, vicino alla montagna La Abejera – Nel comune di Santa Úrsula, nel distretto di Toscas de Ana María, nella zona conosciuta come Lomo Las Rosas, si trova il toponimo El Bailadero.

    El Bailadero a La Portalina a La Guancha – Il distretto di La Portalina si trova sulla strada che da Icod El Alto porta a La Guancha.

    Llano de El Bailadero vicino a La Paz a Puerto de La Cruz – Potrebbe trovarsi sulle scogliere di Martiánez.

    El Bailadero vicino a Las Calderetas nella montagna di El Sauzal – Oggi questa zona è conosciuta come il Llano de las brujas o La Cruz de Fune.

    El Luchadero a El Ortigal (?). Anche a La Victoria, sulla riva destra del Barranco Hondo, un barranco che divide i comuni di La Victoria e Santa Úrsula, si trova una zona conosciuta come “Los Luchaderos”.

    Ci sono altre località conosciute come El Terrero, Callao e Playa del Terrero tra il quartiere di San Vicente a El Realejo e San Juan de la Rambla.

    Menceyato de Tegueste:

    Come è logico, Tegueste aveva il suo bailadero, che si ritiene fosse situato vicino a La Degollada, tra la Mesa de Tejina e Las Piedras Gordas de La Orilla.

    Frasi storiche sui BAILADEROS

    “Le pecore e le capre, e con loro tutti gli uomini, le donne e i bambini, si riunivano in certi luoghi; e lì tutta la gente e il bestiame gridavano e belavano, intorno a un bastone conficcato nel terreno, senza mangiare, finché non pioveva”

    Abreu Galindo

    “Per il bestiame, riunivano le pecore e facevano stare le madri intorno alla lancia, belando; e con questa cerimonia gli indigeni capivano che Dio si placava o sentiva il belato delle pecore e forniva loro il cibo”

    Fray Alonso de Espinosa

    “portavano le loro pecore e capre in un certo luogo; separavano i piccoli dalle loro madri, credendo che con il belato di questi animali da una parte o dall’altra, l’ira del sovrano si sarebbe placata e i suoi bisogni sarebbero stati soddisfatti”

    E. Scory

    “Isole Canarie e El Hierro, dove si fa riferimento ad aspetti molto importanti di cui non si sa nulla su quest’isola. Solo un autore “Gaspar de Fructuoso” spiega lo sviluppo del rituale attribuito a Tenerife, introducendo alcuni elementi di differenziazione come lo svolgimento di una processione…”

    Tejera Gaspar

    “tra il 1570 e il 1590 anche se, trattandosi di un fenomeno generale, potrebbe aver raggiunto il processo di etimologia popolare in un periodo più ampio”

    J. Álvarez Delgado

    “separarono i piccoli dalle loro madri. Poi iniziò un formidabile concerto di urla. I Guanci immaginavano che il cielo sarebbe stato sensibile alle lamentele delle vittime innocenti della carestia”

    René Verneau

    Foto di Fvallapa

    Sebbene Béthencourt Alfonso non ne faccia menzione, su Chinamada esiste una località nota come El Bailadero e La Cruz del Bailadero, sulla vecchia strada che collegava Las Carboneras a Chinamada.

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati