More

    Carenza di alcuni farmaci nelle Isole

    Carlos Díaz, tesoriere dell’organizzazione di Tenerife, confida che si trovi presto una soluzione, ma avverte che “è necessario adottare misure a lungo termine affinché non diventi un vero problema sanitario”.

    In molte farmacie gli utenti hanno notato la mancanza di alcuni farmaci, soprattutto antibiotici pediatrici, come l’amoxicillina, e prodotti per il trattamento dei sintomi del

    Farmaci generici

    l’influenza e del raffreddore, come il paracetamolo o lo sciroppo per la tosse.

    Tra le cause vi sono l’elevata domanda o i problemi di produzione, la carenza dei principi attivi da cui sono composti o di alcuni degli ingredienti utilizzati, le difficoltà commerciali o di distribuzione dovute alla delocalizzazione delle fabbriche, la sostituzione o il ritiro definitivo.

    Gli utenti si recano in pellegrinaggio da una farmacia all’altra per cercarli, alcuni li aspettano da settimane.

    L’Agenzia spagnola per i medicinali riferisce che ci sono problemi di approvvigionamento in 620 farmaci di riferimento.

    Interrogato su questa realtà sempre latente, ma che si è acuita negli ultimi mesi, Carlos Díaz González, tesoriere del Collegio dei Farmacisti di Santa Cruz de Tenerife, afferma che “è un problema che è diventato cronico”.

    Nonostante molte referenze siano esaurite, “va sottolineato che quelle importanti sono poche, nella stragrande maggioranza ci sono diverse alternative”.


    Inoltre, ha indicato che “nel bene e nel male, l’insularità significa che i distributori hanno scorte più grandi nelle Isole Canarie, perché portare i farmaci richiede più tempo e costa sempre di più”.

    Sono diversi i fattori e le cause che hanno portato alla mancanza di 600 referenze in farmacia, a partire dai problemi di produzione dei farmaci, che non soddisfano la domanda, alla carenza di alcune materie prime per la formulazione di principi attivi ed eccipienti o all’aumento dei costi di trasporto.

    Carlos Díaz insiste sul fatto che “le cause sono molteplici, ma forse il problema principale è che la produzione è stata dirottata verso Paesi in cui è molto economica (Cina, India, ecc.).

    E se in alcuni prodotti non è così importante, quando parliamo di farmaci o prodotti sanitari abbiamo un problema serio che potrebbe influire sulla salute della nostra popolazione.

    Lo abbiamo visto nella pandemia. Abbiamo esaurito i prodotti di base e, non avendo un posto dove produrli, abbiamo dovuto aspettare che altri li producessero e ce li inviassero.

    Dobbiamo cambiare la politica ed essere più razionali nel modo in cui vengono prodotti i farmaci e gli altri prodotti sanitari”.

    Diversi laboratori hanno una capacità produttiva limitata a fronte dell’elevata domanda e le aziende stanno effettuando una distribuzione controllata delle unità disponibili fino a quando non saranno in grado di aumentare la loro produzione, come dettagliato dall’Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti sanitari (AEMPS).

    Da parte sua, l’OCU ha chiesto al Ministero della Salute di mettere a punto “sanzioni più severe” per le aziende farmaceutiche che non rispettano gli impegni di fornitura dei farmaci, “garantendo la trasparenza sulle motivazioni”, nonché “promuovendo la produzione pubblica di farmaci e terapie essenziali con risorse proprie”.

    Le carenze di farmaci sono aumentate negli ultimi anni e stanno diventando sempre più ricorrenti.

    Infatti, l’ultimo episodio evidenzia la mancanza di amoxicillina pediatrica, che si è protratta per diverse settimane e ha costretto l’AEMPS a raccomandare la distribuzione frazionata del formato per adulti in caso di necessità, mentre le farmacie effettuano una “distribuzione controllata” delle unità che arrivano loro.

    Un altro fattore da tenere in considerazione è che in Spagna il prezzo di molti farmaci è regolamentato.

    Produttori e distributori ne chiedono l’innalzamento, sostenendo che sono “obsoleti” rispetto ad altri mercati liberi, mentre il Ministero sostiene la tutela del consumatore e del sistema con un listino prezzi regolamentato.

    Lo scorso ottobre, 800 formati di farmaci hanno subito una riduzione dei costi in base al nuovo ordine dei prezzi di riferimento.

    Se il prodotto è redditizio, il rischio di esaurimento delle scorte è minore; tuttavia, “il problema dei prezzi induce le aziende farmaceutiche a dirottare le scorte verso mercati più attraenti”.

    FarmaciaPertanto, “dobbiamo stare attenti alle politiche di prezzo”, ha detto Díaz.

    Questo problema ha anche una componente di moda. Ad esempio, per dimagrire si utilizzano due referenze per diabetici.

    “Sono molto richiesti e i laboratori non sono in grado di far fronte a questa elevata domanda globale. Tuttavia, “non c’è da allarmarsi perché esistono diverse alternative per i diabetici”.

    In casi come la prescrizione di sciroppi a base di amoxicillina ai bambini sotto i sei anni, ai quali non può essere data una compressa, “le prescrizioni e le farmacie la prescrivono e la danno solo ai bambini che hanno veramente bisogno di usarla nel loro trattamento” e il resto viene rimandato a compresse o altre formule.

    “Abbiamo il potere di cambiarlo se è all’interno di un gruppo omogeneo.

    I farmacisti minimizzano la mancanza di rifornimenti: “Senza dubbio dobbiamo fare attenzione e cercare soluzioni, ma non c’è da preoccuparsi o allarmarsi”.

    Tuttavia, si chiede di “adottare misure a lungo termine affinché non finisca per diventare un vero e proprio problema di salute”.

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati