More

    Enorme delusione alle Canarie dopo la perdita della sede dell’Agenzia spaziale spagnola

    Frustrate e sconcertate. È così che si sono sentite le Isole Canarie quando questa settimana hanno scoperto che la sede dell’Agenzia Spaziale Spagnola sarebbe stata trasferita a Siviglia.

    Una tremenda delusione che Fuerteventura e Tenerife hanno masticato con una certa rassegnazione, ma che Gran Canaria si rifiuta categoricamente di digerire – probabilmente perché era il nostro cavallo vincente nella corsa nazionale.

    Il disappunto dell’isola è stato tale che il suo presidente, Antonio Morales (Nueva Canarias), ha chiesto spiegazioni al governo spagnolo per aver respinto la sua candidatura, che era “molto solida” e aveva il sostegno di “un universo di aziende, esperti e università”.

    E non accetterà un’argomentazione qualsiasi. Vuole ragioni “adeguatamente giustificate”.

    La rabbia sembra comprensibile, considerando che le Canarie sono il paradiso del mondo.

    Con l’attenzione sempre rivolta al turismo, a volte dimentichiamo che le isole ospitano la più grande collezione di strumenti e attrezzature astrofisiche dell’Unione Europea.

    Scienziati di tutto il pianeta si collegano in remoto ai telescopi dei nostri due osservatori: l’Osservatorio del Teide a Tenerife, dove si trova il telescopio solare GRECOR, il più grande d’Europa, e l’Osservatorio del Roque de Los Muchachos a La Palma, dove si trova il più grande telescopio a infrarossi del mondo, il GRANTECAN.

    Ma non è tutto. Grazie al cielo normalmente limpido, al rilievo e al basso inquinamento luminoso, le Isole Canarie sono uno dei luoghi migliori per l’osservazione delle stelle.


    Abbiamo tre riserve Starlight -La Palma, Fuerteventura e le Cumbres de Tenerife-; e quattro destinazioni turistiche Starlight -Santa Lucía de Tirajana, Fuencaliente, La Matanza de Acentejo e Gran Canaria-.

    Un punto di vista impareggiabile sullo spazio esterno che attira continuamente appassionati di astronomia e astrofotografi.

    Con tutte queste caratteristiche, era logico pensare che l’Agenzia Spaziale Spagnola arrivasse alle Canarie; per non parlare dell’opportunità che si sarebbe aperta per diversificare l’economia delle isole – sostenuta quasi esclusivamente dal turismo – dato che da qui al 2025 il governo spagnolo prevede di investire 4,5 miliardi di euro nella sede centrale per promuovere la ricerca e l’innovazione nel settore aeronautico e spaziale.

    Ma cosa è successo e perché le tre isole candidate sono state respinte?

    Negli ultimi giorni, la domanda ha colpito più di una persona.

    Lunedì 5 dicembre, il Consiglio dei Ministri ha annunciato che la città ospitante sarebbe stata Siviglia perché la sua proposta “superava in qualità” le altre 20 candidate, tra cui Fuerteventura, Tenerife e Gran Canaria.

    L’Agenzia Spagnola per l’Intelligenza Artificiale, invece, è andata a La Coruña, così le Isole Canarie sono rimaste senza una fetta della torta.

    Le reazioni non si sono fatte attendere. Uno dei primi è stato quello del presidente delle Isole Canarie, Ángel Víctor Torres, che si è rammaricato della notizia e ha confessato di sperare che il governo spagnolo avesse basato la sua scelta su “criteri oggettivi e indiscutibili”.

    Perché le Isole Canarie sono state escluse?

    Secondo l’ordinanza pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dello Stato, le candidature di Tenerife e Fuerteventura presentavano numerose “difficoltà tecniche” che “in larga misura” impedivano il funzionamento dell’agenzia.

    In particolare, la commissione incaricata di valutare i progetti sottolinea che Tenerife ha fornito una spiegazione “carente” delle caratteristiche della sede, in termini di idoneità e misure di sicurezza.

    Non specificava, ad esempio, se l’edificio fosse “separato o condiviso con altre istituzioni”, né “misure di sostegno al trasferimento del personale”.

    Le ragioni del rifiuto di Fuerteventura erano molto simili, ma l’isola orientale non ha fornito “studi di impatto, sinergie o studi sul mercato immobiliare”.

    Con questi argomenti, a Tenerife e Fuerteventura non è rimasta altra scelta che accettare la sconfitta con sportività.

    In realtà, nessuno dei due sembrava sorpreso dalla decisione.

    Il presidente del Cabildo di Tenerife, Pedro Martín, ha rilasciato una breve dichiarazione, preferendo vedere il bicchiere mezzo pieno.

    “Continueremo a lottare per ottenere la sede dell’Istituto Vulcanologico Spagnolo, e cercheremo di farlo anche con l’Agenzia Europea del Turismo e con qualsiasi altra agenzia”, ha detto, aggiungendo che “Tenerife ha condizioni magnifiche”.

    L’opposizione, invece, non è stata così indulgente. I nazionalisti di Tenerife hanno dato la colpa del fallimento a Pedro Martín (PSOE), accusato “ancora una volta” di “mancanza di leadership”.

    “Tenerife è ancora una volta in ritardo. Siamo di fronte a un’altra cattiva notizia, perché stiamo perdendo una grande opportunità di investire nell’innovazione e di diversificare la nostra economia”, ha dichiarato Rosa Dávila, candidata del CC al Cabildo di Tenerife, che ha sottolineato come sia Siviglia che La Coruña abbiano governi socialisti.

    Per quanto riguarda Fuerteventura, anche il gruppo di governo (formato da CC, PP e AMF) ha espresso il proprio disagio.

    In un articolo pubblicato su TIEMPO DE CANARIAS, Mario Cabrera, segretario generale dell’Asamblea Majorera CC, ha rimproverato il governo di Ángel Víctor Torres per il suo “ombelico capitalista”: “L’ombra della borghesia di Santa Cruz e delle Isole Canarie sta ancora cercando di coprire il resto delle Isole Canarie”, ha affermato.

    Secondo il suo testo, il governo regionale non ha nemmeno “valutato la candidatura delle Isole Canarie; non l’ha nemmeno letta, l’ha respinta e boicottata”.

    Assicura che la candidatura è stata “ben presentata” e “ben fatta”.

    Gran Canaria grida allo scandalo

    Mentre Tenerife e Fuerteventura hanno già accettato la sconfitta, Gran Canaria è rimasta a grattarsi la testa.

    L’isola sta ancora riflettendo sulla notizia e il Cabildo grida allo scandalo.

    Non lo accetta, non lo condivide e vuole conoscere nel dettaglio gli argomenti che hanno fatto pendere la bilancia a favore di Siviglia.

    Ciò che è certo è che l’ordinanza pubblicata nel BOE riconosce che tra i 21 candidati, Gran Canaria era uno dei migliori.

    Evidenzia, ad esempio, i suoi collegamenti aerei con i terminal internazionali e i suoi voli verso destinazioni di interesse (come Bruxelles o Parigi).

    Il documento sottolinea inoltre “l’elaborato rapporto sull’impatto e sul mercato immobiliare” del progetto dell’isola e l’assistenza al personale per il trasferimento.

    Il ma a Gran Canaria non è arrivato perché la sede non poteva essere immediatamente disponibile e anche se sono state proposte diverse alternative, queste sono “distribuite su due edifici” e sono temporanee.

    La risoluzione sottolinea inoltre che l’isola non chiarisce il suo contributo “alle spese e alle attrezzature” e sottolinea che la sede definitiva comporterebbe “costi di adattamento significativi”.

    D’altra parte, Siviglia ed Elche hanno soddisfatto “con eccellenza” i requisiti richiesti e hanno permesso all’agenzia di essere impiegata immediatamente.

    Il Cabildo de Gran Canaria, Antonio Morales, ha insistito sul fatto che la proposta “era molto solida” e si basava su “una traiettoria storica che riconosce i nostri legami con le spedizioni spaziali fin dai loro inizi, e con un universo di aziende, università, esperienza e personale qualificato”.

    Inoltre, la candidatura ha sottolineato la “necessità imperativa” di diversificare l’economia dell’isola, “dominata dal settore turistico”.

    È possibile che l’amministrazione centrale stia pensando ad altre agenzie per le Canarie.

    Dopo l’eruzione di La Palma, le isole ospiteranno il Centro spagnolo di vulcanologia e sembra certo che anche l’Agenzia europea del turismo avrà sede nell’arcipelago.

    Tuttavia, la perdita dell’Agenzia spaziale spagnola è stata un boccone amaro da ingoiare per molti, perché è difficile capire che le Isole, con il loro cielo, le loro strutture e il loro potenziale, che nessuna regione europea può eguagliare, non sono l’epicentro della ricerca spaziale e aeronautica del Paese.

     

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati