I tre grandi progetti che César Manrique aveva in mente

Immagine estratta dal video di: rtvc.es/1-hora-menos
Immagine estratta dal video di:
rtvc.es/1-hora-menos

La morte improvvisa dell’artista ha interrotto tre grandi costruzioni che stava per intraprendere: un grande lago con campo da golf a La Isleta, uno spettacolare belvedere a La Caldera de Taburiente e un Auditorium in una cava di Marbella.

César Manrique se n’è andato quando la luce della sua creatività raccoglieva ancora watt nella sua testa.

Progetti unici aleggiavano intorno a lui, ma sono svaniti come materia oscura nel suo universo di colori dopo che il raggio della sua immaginazione traboccante si è spento per sempre in quel fatidico 25 settembre 1992.

Sei mesi prima aveva potuto godere di uno dei giorni più felici della sua vita, con l’inaugurazione della sua Fondazione a Lanzarote, garante dell’immortalità della sua eredità e della diffusione della sua opera artistica, del suo messaggio “vitalista” e della sua proposta ambientale.

È possibile che in quel momento gli sia passata per la testa la frase che corona la piramide degli obiettivi raggiunti nel corso della vita: ora posso morire in pace.

E il destino l’ha preso alla lettera.

Ma Manrique ha rinnovato i suoi obiettivi con la stessa facilità con cui la sua creatività ha costruito luoghi unici.

Immagine estratta dal video di:
rtvc.es/1-hora-menos

Dopo aver progettato il Parque Marítimo de Santa Cruz e il Parque del Mediterráneo di Ceuta, le ultime grandi opere che non riuscì a vedere terminate, l’artista fu sommerso di offerte.


All’età di 73 anni, pensava a tre progetti che lo entusiasmavano: un grande lago a El Confital (Las Palmas de Gran Canaria), un belvedere sulla Caldera de Taburiente, a La Palma, e un Auditorium naturale a Marbella.

Aveva molte idee, ma non abbastanza tempo.

Nella capitale di Gran Canaria è stato elaborato un progetto preliminare per strutture spettacolari che presentavano alcune analogie con il Lago Martiánez di Puerto de la Cruz, sua opera di punta, anche se con più servizi.

Il sito proposto era El Confital, una zona di La Isleta dall’aspetto molto degradato, con una proliferazione di baraccopoli sulla costa.

Il Comune commissionò il progetto nel 1991 e César iniziò a immaginare un’altra delle sue oasi in un luogo impossibile, la sua grande specialità.

La sua idea di trasformare completamente l’area consisteva in un macro-progetto che comprendeva un grande lago centrale con scivoli e sculture sul mare, un solarium a forma di anfiteatro naturale, un centro informativo costruito in pietra e vetro in cima alla collina e, sul promontorio, una torre con un ristorante girevole e un salone delle feste con vista mozzafiato.

La parte nord della struttura sarebbe riservata a un campo da golf a nove buche con la tipica architettura delle Canarie, una clubhouse e diversi campi sportivi.

Questa era la sontuosa proposta del creatore per il suo primo progetto a Gran Canaria, ma la sua improvvisa scomparsa ne ha impedito la realizzazione.

Tuttavia, il progetto preliminare che comprendeva la sua proposta completa, redatto dagli ingegneri di Tenerife Juan Alfredo Amigó e José Luis Olcina, rimase, ma ragioni tecniche e politiche finirono per farlo rimanere lettera morta.

Nei suoi ultimi giorni di vita, l’artista concepì anche un belvedere a La Cumbrecita, nel comune di El Paso, un luogo boscoso con impressionanti viste panoramiche sul Parco Nazionale della Caldera de Taburiente.

L’unicità del progetto, che è stato effettivamente disegnato, risiedeva nel fatto che il piccolo edificio attraverso il quale si accedeva a una grande balconata sospesa nel vuoto era modellato sui pini locali, in modo che i tronchi di alcuni di essi rimanessero all’interno della costruzione mentre le loro chiome si innalzavano verso il cielo sopra il tetto.

In questo modo si sarebbe evitato l’abbattimento di alberi.

Una soluzione sorprendente che ha evidenziato ancora una volta la sensibilità ambientale di Manrique.

Il terzo progetto che non ha potuto realizzare è arrivato pochi giorni prima dell’incidente mortale.

Il Municipio di Marbella, allora presieduto da Jesús Gil, gli commissionò la costruzione di un grande Auditorium in una cava a cielo aperto.

Manrique, Amigó e Olcina si sono recati a Malaga, dove, con grande sorpresa, all’aeroporto li attendeva la Rolls-Royce del sindaco, una dichiarazione d’intenti che rifletteva l’interesse dell’assessore di Marbella ad assumere i servizi dell’artista nato a Lanzarote.

Visitarono la cava di Nagüeles, con pareti rocciose alte fino a 60 metri, e César non riuscì a nascondere il suo entusiasmo per la costruzione di un’opera iconica che avrebbe avuto un forte impatto.

Ma quattro giorni dopo la morte lo attendeva a un incrocio vicino alla sua Fondazione.

Qualche giorno dopo, il Comune ha contattato il suo team di ingegneri per offrire loro la possibilità di portare avanti il progetto, ma questi hanno rifiutato per rispetto all’artista.

Quella cava che ha sedotto César è oggi lo scenario di uno degli eventi musicali più importanti del calendario estivo: il festival internazionale Starlite.

Manrique non è arrivato in tempo per le sue ultime tre creazioni a Gran Canaria, La Palma e Marbella, tre luoghi che avrebbero aperto per la prima volta le porte all’arte d’avanguardia dell’artista nato a Lanzarote.

Questa volta l’entusiasmo e lo slancio del genio non sono stati sufficienti.

Mentre la sua mente non smetteva di produrre idee innovative, dipingere colori e cercare spazi impossibili, il suo destino lo attendeva sull’asfalto dietro l’angolo.

Bina Bianchini