More

    Approvata la regolamentazione della cannabis terapeutica in Spagna

    La sottocommissione del Congresso dei Deputati spagnolo ha approvato la regolamentazione sulla cannabis per scopi terapeutici.

    Una delle novità più importanti delle conclusioni della sottocommissione è che apre la porta alla dispensazione di cannabis medica nelle farmacie comunali.

    Il testo finale stabilisce che la distribuzione avverrà con formule magistrali con estratti o preparazioni standardizzate di cannabis, che dovranno essere erogate “dalla rete delle farmacie del sistema sanitario, privilegiando le farmacie ospedaliere ed esplorando l’alternativa delle farmacie di comunità in grado di soddisfare i requisiti”.

    “La disponibilità di estratti o preparati di cannabis standardizzati, come quelli disponibili in altri Paesi europei, potrebbe consentire di rispondere a queste esigenze”.

    L’esistenza di preparati standardizzati, con una composizione definita, è un vantaggio in termini di dosaggio, stabilità e manipolazione”, sostiene il sottocomitato.

    Inoltre, apre nuovamente la porta all’uso di sommità fiorite (fiori di cannabis) o “preparati di altro tipo disponibili nei Paesi dell’Unione Europea”, ma sempre nell’ambito di “progetti sperimentali”.

    Per quanto riguarda le patologie per le quali ritengono che la cannabis terapeutica debba essere indicata, esse includono il dolore oncologico e l’endometriosi.

    L’elenco comprende “spasticità nei pazienti con sclerosi multipla, alcune forme di epilessia, nausea e vomito derivanti dalla chemioterapia, endometriosi, dolore oncologico e dolore cronico non oncologico (compreso il dolore neuropatico)”.


    La commissione sottolinea inoltre che potrebbe essere estesa ad altre indicazioni terapeutiche “quando gli studi forniranno prove consistenti”.

    Le prove scientifiche disponibili sono limitate in relazione agli usi terapeutici della cannabis e dei suoi prodotti, e si limitano ad alcune diagnosi.

    La ricerca farà luce su molti aspetti in futuro.

    La prescrizione deve essere effettuata “esclusivamente” da professionisti della salute “in un contesto privo di potenziali conflitti di interesse, come quello offerto dai servizi sanitari”, più precisamente da medici specialisti.

    A tal fine, chiedono di promuovere la formazione sull’uso terapeutico della cannabis tra i professionisti del settore medico.

    Il sottocomitato ha anche raccomandato l’implementazione di un registro centralizzato dei pazienti a cui vengono prescritte e dispensate formule magistrali contenenti estratti o preparazioni standardizzate di cannabis, basato sui registri di ciascun Servizio Sanitario Autonomo.

    Questi registri possono essere la base per valutare i risultati ottenuti con il trattamento in diversi profili di pazienti, e quindi migliorare progressivamente la conoscenza del farmaco e, in ultima analisi, portare benefici ai pazienti, ha giustificato il sottocomitato.

    Nonostante il sostegno della maggioranza alla sua regolamentazione in alcune patologie, la commissione ha incluso nelle sue conclusioni una serie di punti per garantire che l’uso della cannabis medica non implichi “una maggiore disponibilità e consumo di cannabis al di fuori del contesto clinico”.

    “È assolutamente necessario evitare che l’uso terapeutico di estratti o preparazioni standardizzate di cannabis per alcuni pazienti con indicazioni specifiche venga confuso con una generica invocazione dell’uso generale di cannabis da parte della popolazione”, spiegano.

    Infine, il comitato ha raccomandato di valutare regolarmente l’uso terapeutico della cannabis e i dati sul consumo nella popolazione.

    Ad esempio, il Comitato per la salute e i consumatori del Congresso dovrebbe tenere una sessione annuale incentrata su questo tema nei prossimi dieci anni per valutare la situazione e la sua evoluzione.

    Entro 6 mesi dall’approvazione di questo rapporto da parte della Commissione Salute e Consumo del Congresso, l’Agenzia Spagnola per i Medicinali e i Prodotti Sanitari (AEMPS) includerà queste raccomandazioni in modo che “si inseriscano nei regolamenti e siano attuabili, consentendo la disponibilità di estratti o preparati standardizzati di cannabis sul mercato farmaceutico”.

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati