More

    Il governo rimanda l’ingresso della “tax free” digitale

    Dopo oltre due anni di battaglie, il Ministero del Tesoro aveva fissato il 30 giugno come data definitiva per il debutto dell’applicazione digitale per la tax-free, ma non ci sarà.

    Il settore vi faceva affidamento per incrementare le vendite in un momento difficile a causa dell’inflazione.

    Il governo delle Isole Canarie si era impegnato con il settore commerciale a dotarsi di un sistema “tax free” digitale, agile ed efficiente entro il 30 giugno di quest’anno.

    Dopo oltre due anni di “battaglia” da parte dei commercianti delle isole per chiedere l’attuazione di questo sistema, divenuto rilevante dopo la Brexit (il Regno Unito è diventato un Paese terzo e i britannici possono beneficiare del rimborso IGIC) e diversi ritardi sulla data stabilita, il 30 giugno era la data definitiva.

    I turisti britannici sono tornati con forza nelle isole – sono in testa agli arrivi e alla ripresa – e il rimborso dell’IGIC è un incentivo a maggiori consumi e spese nelle Canarie, come sta accadendo nel resto delle destinazioni turistiche nazionali e internazionali.

    Tuttavia, il sistema “tax free” nelle isole non c’è e non è previsto, come ha chiarito la direttrice dell’Agenzia fiscale delle Canarie, Raquel Peligero, in un recente incontro con i rappresentanti delle piccole imprese delle camere di commercio di Gran Canaria e Tenerife e della CCE.

    Come spiega Eugenio Sánchez, presidente della commissione di commercio interno della Camera di Commercio di Gran Canaria e rappresentante della CCE, Peligero ha detto loro che la “mancanza di personale” dell’agenzia ha impedito “ancora una volta” l’attuazione del tax free nelle Isole Canarie.

    Nel resto del territorio nazionale funziona perfettamente grazie al sistema di convalida digitale DIVA dell’Agenzia delle Entrate (AEAT) – considerato il migliore in Europa – e i turisti britannici ne fanno un uso elevato.


    “Il governo delle Canarie ci sta facendo perdere competitività rispetto ad altre destinazioni”, afferma Sánchez, che non capisce l’inazione del Tesoro su questo tema.

    “Crediamo che non ci sia una volontà”, dice.

    Nelle isole esiste il quadro legislativo per lo sviluppo del “tax free”, poiché nel 2018 il governo del CC ha approvato il decreto 111/2018, del 30 luglio, che approva il rimborso dell’IGIC per via digitale.

    Quindi, se il governo volesse, potrebbe estrapolare il sistema DIVA dell’AEAT alle Isole Canarie e implementarlo al volo, secondo gli imprenditori.

    Tuttavia, come spiega Sánchez, il governo ha scelto di progettare il proprio sistema e non può farlo ora perché non ha personale. “La cosa peggiore è che non c’è una nuova data”, si lamenta.

    La responsabile del commercio interno della Camera di Commercio di Gran Canaria, Victoria González, sottolinea che la “tax free” è una “questione strategica” per il settore commerciale e un valore che differenzia la destinazione.

    “Il turismo tira, come dimostrano i dati, e con la ‘tax free’ le cifre aumenterebbero ancora”.

    Secondo lei, il governo delle Isole Canarie sminuisce il valore di questo sistema a causa della bassa tassazione delle isole.

    Tuttavia, diversi studi suggeriscono che il risparmio medio per i turisti nelle Isole Canarie sarebbe di quasi il 10%.

    “Quello che risparmiano di solito lo spendono di nuovo nella destinazione, nel commercio, nei ristoranti… e questo lo stiamo perdendo”.

    In questo senso, Victoria González sottolinea che “per quanto poco sia” è a vantaggio delle Isole Canarie.

    Marta Simile

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati