More

    L’origine del primo Gomero potrebbe risalire al I secolo d.C.

    Finora è stato menzionato l’anno 470, ma le date ottenute sui materiali del sito di El Lomito del Medio rivelano che l’insediamento fu di quattro secoli prima.

    Il primo insediamento dell’isola di La Gomera, presumibilmente da tribù berbere, potrebbe essere datato al primo secolo dopo la nascita di Cristo e non all’anno 470 come era stato stimato.

    Anche se questa non è ancora una data esatta, è certo che abbiamo imparato che l’origine del primo Gomero può essere collocato nel primo secolo della nostra era.

    Tutto questo grazie al lavoro scientifico, diretto da Juan Francisco Navarro Mederos, professore di Preistoria della ULL, a El Lomito del Medio, a sud del comune di San Sebastián, iniziato tra il 2009 e il 2010 con 12 indagini che hanno dato risultati sorprendenti in cinque zone molto diverse dell’isola.

    Il punto di partenza di questi interventi è stato quello di localizzare grotte la cui funzione era quella di un’abitazione con condizioni uniche per il successivo scavo estensivo, tra cui la potenza archeo sedimentaria, una significativa documentazione archeologica, l’accessibilità e una buona conservazione.

    Navarro Mederos sottolinea che i risultati ottenuti nei primi “pozzi di prova” sono stati importanti nel contesto dell’isola.

    Per esempio, è interessante la datazione dei materiali di El Lomito del Medio, che rivela una prima occupazione nel I secolo d.C.

    Inoltre, la documentazione archeologica è molto abbondante e di natura varia, per cui alcune prove non erano state identificate fino ad allora in questi contesti archeologici, rendendo consigliabile un nuovo intervento estensivo sul sito.


    La grotta si trova ad un’altitudine di 375 metri sul livello del mare e la cavità si apre in un livello di pietra grezza rosso-arancione, all’interno di un grande settore di lava ammucchiata, dove ci sono molti altri siti, altre grotte di abitazione e una grande necropoli.

    Le sue dimensioni e la sua morfologia sono molto adatte all’habitat, presentando un’uniformità che non è abbondante sull’isola.

    Altre due grotte sepolcrali sono state trovate molto vicine a questa grotta di abitazione, una relazione spaziale il cui schema è stato riconosciuto in tutta l’isola.

    Nei barrancos adiacenti, sia a nord che a sud, c’è un’abbondanza di siti archeologici.

    L’obiettivo di questa nuova ricerca è quello di aprire una linea di lavoro a medio e lungo termine, tenendo conto che uno dei maggiori ostacoli a questa disciplina su La Gomera è la scarsità di stratigrafie archeologiche, dovuta principalmente alla rioccupazione delle stesse aree nel tempo e alle ripide pendenze del substrato roccioso, rendendo questo sito una fonte di informazioni di prim’ordine.

    D’altra parte, la datazione sarà contrastata, poiché se l’antichità è confermata, potremmo parlare delle prime generazioni arrivate dal continente africano, qualcosa di inedito nell’arcipelago.

    Inoltre, il record materiale nel contesto domestico sarà ampliato dal repertorio recuperato nel 2010, tipico di uno spazio abitativo nelle isole Canarie.

    Tuttavia, è senza precedenti per La Gomera e l’intenzione è quella di espandere le informazioni con lo scavo esteso.

    Juan Carlos Hernández Marrero, archeologo del Dipartimento del Patrimonio Storico del Cabildo de La Gomera, ricorda che “è difficile capire il modo di vivere degli antichi Gomeros senza affrontare il contesto archeologico domestico.

    Sappiamo in termini generali dall’archeologia e dalle fonti scritte che gli aborigeni vivevano sia in grotte che in capanne costruite o in spazi più o meno riparati.

    Si potrebbe dire che il grado di conservazione dei due tipi di sito è molto diverso, perché le capanne sono state rase al suolo soprattutto tra il XIX e la metà del XX secolo, per creare aree da coltivare, mentre le grotte sono state principalmente interessate da un uso continuo o discontinuo nel tempo, rimanendo sigillate e nascoste dai sedimenti con cui sono state riempite”.

    La Gomera era probabilmente popolata da berberi del Ghomara – a nord del Marocco e vicino al Rif -, dell’Algeria e della Libia.

    La teoria delle origini dell’antico popolo di Gomeros si basa sui manufatti, toponimi, elementi culturali e iscrizioni trovati sull’isola.

    Secondo alcuni storici, il nome dell’isola deriva dai Ghomaras, un’antica tribù berbera.

    Iscrizioni Libico-Berbere (dall’Algeria orientale) sono state trovate anche a La Gomera e nelle altre isole occidentali.

    Fino ad oggi, la data più antica di insediamento su La Gomera era il 470 d.C.

    Michele Zanin

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati