More

    I canari hanno accumulato una perdita di potere d’acquisto del 12% dal 2008

    I sindacati sono pronti a dare battaglia nei prossimi mesi nella contrattazione collettiva per ottenere aumenti salariali che permettano loro di recuperare parte di ciò che è stato perso.

    Il forte aumento dei prezzi di quest’anno toglie ancora una volta potere d’acquisto ai canari, che non hanno ancora recuperato il livello pre-crisi del 2008.

    Secondo le stime di Comisiones Obreras (CC OO) nelle isole Canarie, la perdita di potere d’acquisto delle Canarie è di circa il 12% dal 2008 e fino a ottobre di quest’anno, con un’inflazione dilagante al 5,6% in tasso annuale e che continua a ridurre il potere d’acquisto degli isolani.

    Di fronte a questa situazione, i sindacati insulari, UGT e CC OO, sono pronti nei prossimi mesi “a dare il massimo” per ottenere un aumento salariale “giusto e dignitoso” tra il 3% e il 5%.

    Il loro obiettivo è che i lavoratori delle Canarie recuperino un po’ del loro potere d’acquisto perduto, cosa che i rappresentanti dei datori di lavoro non sembrano disposti ad accettare.

    Basta dare un’occhiata alle statistiche degli accordi per vedere la realtà: l’aumento salariale concordato negli accordi nelle isole fino a ottobre è stato del 2,15%, ma se guardiamo agli accordi aziendali, che sono molto più numerosi in termini di volume, l’aumento è solo dell’1,35%.


    Inoltre, come sottolinea il segretario generale della UGT delle Canarie, Manuel Navarro, queste cifre sono fuorvianti, nel senso che includono solo i lavoratori che “hanno avuto la fortuna di negoziare un accordo” e che, nota, “sono pochi”.

    Le statistiche confermano le sue parole: fino a ottobre, 67 accordi sono stati negoziati nelle isole, interessando 11.409 imprese e 109.312 lavoratori in un tessuto produttivo composto da quasi 153.000 imprese (secondo la DIRCE del 2020) e 826.385 lavoratori dipendenti.

    L’aumento salariale concordato nei contratti collettivi nelle isole Canarie è superiore a quello registrato a livello nazionale – 2,15% rispetto all’1,55% nazionale – ma, come sottolinea Esther Martín, la ragione di questa differenza a favore delle isole è semplice.

    Le Isole Canarie sono una delle regioni con il più alto tasso di lavoratori che guadagnano il salario minimo (SMI), oltre ad avere i salari complessivi più bassi del paese.

    In questo modo, l’aumento ha un impatto maggiore in termini relativi, ma in termini assoluti, gli aumenti sono diluiti e difficilmente percepibili nelle tasche degli isolani.

    Martín descrive l’aumento salariale del 2,15% nelle isole come “insufficiente” di fronte a una perdita “bestiale” del potere d’acquisto dal 2008.

    “Dallo scoppio della crisi precedente, i salari nelle isole Canarie non solo non sono migliorati nonostante la produttività e i profitti delle imprese, ma sono stati notevolmente ridotti”, ha detto Martin, che sostiene la negoziazione e il dialogo sociale per “risolvere” questo.

    “Non può essere che la classe operaia perda sempre”, aggiunge.

    Il segretario dell’UGT delle Canarie, Manuel Navarro, avverte che “senza aumenti salariali non ci sarà ripresa sociale”.

    “Con un’inflazione al 5,6% e un aumento salariale concordato del 2,15%, c’è un impoverimento generale della classe operaia”, dice Navarro, che critica gli aspetti della riforma del lavoro, come la perdita dell’ultra-attività, che favoriscono la perdita del potere d’acquisto.

    Navarro sostiene che oggi nelle isole Canarie ci sono lavoratori che fanno gli stessi lavori e guadagnano meno che nel 2001, e indica il settore del giardinaggio come esempio.

    “Nelle isole, il contratto collettivo non viene applicato, per cui tutte le persone che lavorano in questo settore ricevono lo SMI”, dice Navarro, che sottolinea che un altro problema è che “l’accordo aziendale ha la priorità” su quello di settore, il che “peggiora le condizioni”.

    “Questo dovrebbe essere abrogato perché è una trappola.

    I contratti collettivi dovrebbero avere il primato”, dice.

    Il segretario generale della UGT, Manuel Navarro, e la segretaria di Azione Sindacale, Donne e Giovani del CC OO, Esther Martín, difendono aumenti salariali tra il 3% e il 5%, in linea con l’aumento dell’IPC, e sebbene siano disposti a negoziare per raggiungere un consenso avvertono che, se questo non sarà raggiunto, ci saranno mobilitazioni.

    “Potrebbe esserci un’opposizione da parte delle aziende ad aggiornare i salari in linea con l’IPC, dato che ci sono accordi che lo includono, e questo farà pressione sulla contrattazione collettiva.

    Ci può essere un rifiuto degli accordi da parte delle imprese e mobilitazioni da parte dei sindacati”, avverte Martín, che sottolinea che c’è un “grande senso di stanchezza” tra la classe operaia delle isole.

    Martín sostiene un consenso con i datori di lavoro per recuperare il potere d’acquisto e, allo stesso tempo, per non scoraggiare gli investimenti delle imprese.

    Navarro annuncia l’intenzione della UGT a livello confederale di organizzare raduni davanti alle sedi dei datori di lavoro in ogni territorio “per incolpare loro e non il governo” della mancanza di trattative.

    “La scusa che l’economia sta andando male ha frenato gli aumenti salariali negli ultimi anni.

    Alcuni non potranno, ma altri sì”, dice Navarro, che assicura che i lavoratori “pagano sempre, sia che i prezzi salgano o scendano”.

    Il vicepresidente della Confederazione Canaria de Empresarios (CCE) di Las Palmas, José Cristóbal García, rifiuta un aumento salariale di circa il 3%-5%, in linea con l’inflazione, poiché capisce che l’aumento dei prezzi è “transitorio” e dovuto ad aspetti ciclici come l’aumento dei prezzi dell’energia.

    García crede che l’inflazione tornerà nel primo trimestre del 2022 all’ambiente precedente.

    Mette anche in guardia dai rischi di generare un’inflazione di secondo grado.

    “Sarebbe un errore molto grave se aumentassimo i salari in linea con l’inflazione in un momento in cui il consumo non si è ripreso e nemmeno le imprese”, dice.

    Daniele Dal Maso

     

    Articoli correlati