More

    Il gasdotto Nigeria-Marocco che passerà al largo delle Isole Canarie

    Anche la situazione geopolitica globale è qualcosa che cambierà con la fine della pandemia. Nel frattempo, il mondo è stato riorganizzato.

    La Cina è diventata il patrono dell’economia, gli Stati Uniti hanno firmato un patto militare con l’Australia e la Gran Bretagna, e le relazioni nel Maghreb sono diventate l’asse dell’approvvigionamento energetico per l’Europa meridionale e centrale.

    In questo senso, il Marocco rafforza le sue relazioni bilaterali con gli Stati Uniti e Israele e supera il rifiuto dell’Algeria di far passare il gas attraverso il territorio marocchino.

    L’energia è ancora una volta il fattore determinante per le relazioni tra i paesi e tra i blocchi.

    Il Marocco approva un gasdotto “sud-sud” con la Nigeria

    Il direttore generale della Nigerian National Petroleum Corporation, Yusuf Osman, ha recentemente annunciato che il governo federale si prepara a costruire un gasdotto che collega la Nigeria e il Marocco.


    Questa costruzione era già stata annunciata nel 2016, quando lo studio di fattibilità per la costruzione del canale è stato completato. Il gasdotto è destinato a fornire gas ad almeno 14 paesi dell’Africa occidentale e a ridurre il gas flaring in Nigeria, con l’obiettivo di diversificare le risorse energetiche del paese.

    L’oleodotto rappresenta un prodotto interno totale di 670 miliardi di dollari per un progetto che costerà 25 miliardi di dollari, secondo le stime del direttore generale del National Bureau of Hydrocarbons and Minerals, Amina Benkhadra.

    I rappresentanti dei due paesi hanno firmato un accordo iniziale che pone le basi per il futuro progetto. Il ministro degli Esteri nigeriano Geoffrey Onyeama ha annunciato la partnership con il governo marocchino in una conferenza stampa ad Abuja, la capitale.

    Il gas come strategia geopolitica

    L’influenza del Marocco su questa parte dell’Africa non è banale dopo la nuova politica di patti del regno alauita.

    In questo modo consolida il suo potere sul controllo del Sahara Occidentale, isola l’Algeria e diventa un punto di riferimento nella fornitura di gas al continente europeo, dandosi allo stesso tempo un ruolo stabilizzatore nella zona e minacciando di ridurre la forza del gas russo nel nord Europa.

    In questo senso, questo nuovo canale di distribuzione mira a competere con il gasdotto Nord Stream 2, che riesce a raddoppiare la fornitura di gas tra la Russia e la Germania, per la gioia del principale partner del Marocco in questo momento, gli Stati Uniti.

    In questo modo, gli Stati Uniti, insieme ad altri paesi europei, sostengono “queste altre vie energetiche” per frenare il dominio della Russia in questo mercato, sia a livello europeo che mondiale.

    L’agenzia americana Newslook ha confermato che il progetto nigeriano-marocchino risponderà agli interessi europei e statunitensi e beneficerà 30 milioni di abitanti africani.

    Isolare “il più possibile” il potere del gas russo

    Inoltre, l’oleodotto non genererà solo benefici economici e sociali. La creazione di questa rete è destinata a frenare il gigante russo e a limitare il suo potere e la sua influenza in un settore energetico da cui la Germania importa il 30 per cento del suo gas e petrolio.

    Ora, con l’oleodotto nigeriano come alternativa, la Russia potrebbe perdere un potere significativo in un settore oligarchico in cui, fino ad ora, è stata il chiaro leader.

    L’ex funzionario della US Central Intelligence Agency Norman Roll ritiene che il nuovo viadotto avrà un ruolo importante per gli Stati Uniti, l’Europa e l’Africa, poiché il Marocco sta emergendo come un partner economico e politico stabile che potrebbe influenzare lo status quo nella regione con un nuovo paese competitivo, questa volta da est.

    L’Algeria perderebbe influenza

    D’altra parte, Mohammed VI ha deciso di frenare i negoziati per rinnovare il gasdotto con la Spagna, che scade quest’anno.

    Questa licenza sarebbe stata stabilita con l’obiettivo di trasferire il gas algerino nella penisola iberica.

    Tuttavia, l’attuale crisi diplomatica tra Spagna e Marocco sembra mostrare le sue conseguenze a medio e lungo termine. L’accordo, che dovrebbe scadere questo novembre, non sarà rinnovato.

    Il gasdotto collegava i giacimenti di gas di Hassi R’Miel, situati nel Sahara algerino, con lo stretto di Gibilterra, attraversando il Marocco.

    Il progetto è in funzione dal 1996 e, a causa della crisi diplomatica, sembra destinato a concludersi quest’anno.

    Nel frattempo, l’Algeria ha già inaugurato un nuovo gasdotto a Beni Saf, capace di compensare le perdite che deriverebbero dalla fine del contratto marocchino-spagnolo.

    Chiaro beneficio per l’Africa occidentale

    Gli esperti continuano a concordare all’unanimità che i benefici economici, commerciali e sociali continueranno a prevalere in tutti i paesi attraverso i quali il nuovo gasdotto dovrebbe passare, cioè Benin, Togo, Ghana, Costa d’Avorio, Liberia, Sierra Leone, Guinea, Guinea-Bissau, Gambia, Senegal e Mauritania.

    In questo modo, il progetto è una dimostrazione delle forti relazioni diplomatiche del Marocco con i paesi dell’Africa occidentale.

    Da parte sua, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha accolto con favore il gasdotto marocchino-nigeriano, affermando che l’iniziativa raggiungerà “la superiorità degli investimenti reciproci e della cooperazione economica tra i paesi”, promuovendo lo sviluppo di settori economici che sarebbero strategici e prioritari.

    Gli americani sono chiari

    In un recente articolo pubblicato dalla rivista Newslooks e intitolato “Il gasdotto Nord Stream 2 e l’alleanza UE-USA”, Newslooks sostiene che il progetto del gasdotto nigeriano-marocchino servirebbe gli interessi dell’Europa e degli Stati Uniti, e beneficerebbe economicamente e politicamente gli Stati Uniti e circa 300 milioni di cittadini africani.

    La testata analizza le molte differenze geostrategiche tra Washington, Mosca e Berlino sul progetto del gasdotto Nord Stream 2, e spiega che Washington vuole a tutti i costi evitare che i paesi europei diventino dipendenti dall’energia russa a basso costo, si oppone chiaramente al progetto e ha sventolato sanzioni contro il gasdotto Nord Stream 2.

    Gli Stati Uniti e i paesi dell’Unione europea orientale sostengono che Nord Stream 2 fa parte delle mosse economiche e politiche della Russia per manipolare i paesi europei e potrebbe minare i legami transatlantici, nota il media.

    L’ex funzionario della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti, Norman Roll, ritiene che il nuovo viadotto avrà un ruolo importante per gli Stati Uniti, l’Europa e l’Africa, poiché il Marocco emerge come un partner economico e politico stabile che può sfidare e influenzare lo status quo nella regione con un nuovo paese competitivo, questa volta dell’Est.

     

    Articoli correlati