More

    Ottima annata per il vino nelle Isole Canarie

    Questo è un anno di-vino nelle isole Canarie.

    La vendemmia dei 351 viticoltori che compongono la Denominación de Origen Islas Canarias Canary Wine è culminata quest’anno con un raccolto di 1.450.000 chilogrammi di uva, rispetto ai 300.000 chilogrammi dell’anno scorso, come riportato martedì in una dichiarazione dei responsabili.

    La vendemmia è stata media nella produzione ed eccellente nella qualità, e tra le varietà bianche più introdotte, spiccano Listan Blanco, Malvasía Aromática e Marmajuelo, mentre Listan Negro e Vijariego Negro sono i rossi predominanti.

    La novità di quest’anno, il primo anno di raccolta con il nuovo disciplinare in vigore, è il riconoscimento delle menzioni di Tenerife e Fuerteventura come unità geografiche minori.

    D’ora in poi, il nome di queste isole può essere incluso nell’etichetta, purché le uve provengano dal 100% di esse e il vino sia stato anche prodotto e imbottigliato lì, spiega la nota.

    Anche i comuni sono riconosciuti come unità più piccole, purché si rispetti la condizione di origine delle uve, produzione e imbottigliamento al loro interno.


    Sia nel caso delle isole che dei comuni, questi nomi possono essere riflessi sull’etichetta nella stessa dimensione della DOP, e il Consiglio Regolatore emetterà retroetichette specifiche per ogni caso, come sarà il caso dei vini da tavola, spiega.

    Inoltre, viene accettata la menzione del Vino de Parcela, che è fatto con uve provenienti da appezzamenti inclusi in una macchia o sito rurale con caratteristiche di suolo e microclima che lo differenziano da quelli dei suoi dintorni, adattandosi alla legge 6/2019 di qualità agroalimentare del governo delle Canarie.

    Redazione

     

    Articoli correlati