More

    La scabbia sta tornando in Spagna?

    Anche se può sembrare una malattia di altri tempi, la scabbia è una malattia che è vista essere in aumento nel nostro paese.

    Questa è la conclusione di una ricerca dell’Instituto de Salud Carlos III (ISCIII) pubblicata sulla rivista PLOS ONE.

    Secondo lo studio, in Spagna dal 2014 c’è una possibile tendenza all’aumento dei ricoveri ospedalieri per scabbia, e le principali fonti di trasmissione sono ambienti sanitari e sociali.

    Il motivo?

    Gli autori della ricerca indicano “i tagli ai servizi sanitari e sociali, così come il peggioramento delle condizioni di vita come conseguenza della crisi economica del 2008, tra le altre ragioni”.

    La scabbia è l’infestazione cutanea da parte dell’acaro Sarcoptes scabiei.


    La scabbia provoca delle lesioni intensamente pruriginose con papule eritematose e cunicoli negli spazi interdigitali, ai polsi, alla vita e ai genitali.

    La diagnosi si basa sull’esame obiettivo e sulla scarificazione.

    Il trattamento consiste nell’uso di scabicidi topici o talvolta di ivermectina orale.

    La scabbia viene facilmente trasmessa da persona a persona tramite il contatto fisico; probabilmente la trasmissione avviene anche tramite gli animali e i fomiti (vestiti sporchi, asciugamani, lenzuola, fazzoletti e medicazioni).

    Il fattore di rischio principale è rappresentato dalle condizioni di affollamento (come nelle scuole, nei centri di accoglienza, nelle caserme, e in alcune strutture private); manca una correlazione evidente con le scarse condizioni igieniche.

    La Fundación Piel Sana indica che il sintomo iniziale e più comune della scabbia è il prurito, che è impossibile da controllare e che peggiora di notte.

    Oltre al prurito insopportabile, appaiono anche piccole eruzioni cutanee rosse, come se fossero brufoli o piccoli morsi.

    Con il progredire della malattia, possono comparire croste o desquamazioni.

    La localizzazione di queste eruzioni può dare un chiaro indizio che si tratta di un attacco di scabbia.

    Questi acari tendono anche “a nascondersi nella o sulla pelle sotto anelli, bracciali o cinturini”, spiegano i dermatologi della Fundación Piel Sana.

    Secondo lo studio dell’Instituto de Salud Carlos III, la scabbia si presenta frequentemente sotto forma di focolai nelle istituzioni sanitarie o militari.

    In altre parole, l’infezione è più frequente nei luoghi dove le persone vivono insieme e dove i letti vengono riutilizzati.

    Gli anziani sono stati il gruppo più colpito tra i pazienti ricoverati e segnalati nei focolai di scabbia.

    Inoltre, i bambini e i giovani adulti sono stati i più colpiti secondo i database delle cure primarie.

    La maggior parte dei focolai si è verificata in case di cura; tuttavia, le strutture con il maggior numero di casi per focolaio sono state le caserme militari, i centri di assistenza sanitaria e le case di riposo.

    Questo fa sì che il gruppo degli operatori socio-sanitari sia uno dei più colpiti da questa ectoparassitosi.

    Il modo più semplice e veloce per sbarazzarsi di questo fastidioso acaro è la permetrina, “un piretroide sintetico (insetticida), che assomiglia al piretroide naturale presente in alcuni fiori della famiglia del crisantemo, viene incorporato in una crema per il trattamento dalla testa ai piedi applicata al momento di coricarsi e lavata via la mattina seguente”, secondo la Fundación Piel Sana.

    Il prodotto più utilizzato per via topica è il Benzoato di Benzile al 30% che va applicato per quattro sere consecutive. 

    Si può utilizzare anche la Permetrina in crema al 5/10 %.

    Per via orale si prescrive l’Invermectina.

    Gli specialisti in dermatologia indicano che questa crema deve essere applicata sulla pelle fresca e asciutta e deve coprire completamente il corpo.

    I dermatologi vogliono mettere in chiaro un punto fondamentale: “anche se si può essere imbarazzati a pensare di avere dei parassiti, la scabbia non riflette i vostri standard di pulizia”.

    L’attuale aumento della resistenza al trattamento rappresenta un’ulteriore sfida nella gestione e nel controllo di questa malattia, concludono.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati