More

    A VOLTE RITORNANO: i black block in concerto sabato a Trieste

    Cosa ricordate dei fatti di Genova del 2001? 

    Sicuramente il ricordo più vivo non è che lo scopo del movimento pacifico e culturale dei no global era impedire che la logica delle multinazionali inquinasse le regole della democrazia per trasformare cittadini liberi in topini  sacrificabili a piacimento.

    Ricordate invece con chiarezza gli uomini neri incappucciati che camminavano in formazione “QUASI” fossero forze addestrate militarmente.

    Arrivarono indisturbati, agirono indisturbati, si ritirarono indisturbati e DOPO  arrivarono i poliziotti a bastonare donne, studenti, impiegati, che esprimevano un’opinione scomoda per banchieri e industriali, che il mondo non doveva sentire.

    E così è stato.

    Crearono il gemellaggio nella mente delle persone, NO GLOBAL-BLACK BLOCK, sufficiente a togliere ogni magnetismo positivo al movimento culturale contro la globalizzazione e spostare la responsabilità della violenza dall’aggressore all’aggredito.


    Lo stesso oggi avviene con il binomio obbligo/ libertà, l’ossimoro è il punto forte delle Dittature nascenti.

    Bene, sta per succedere di nuovo.

    I cittadini pacifici, in gran parte vaccinati, che a Trieste invocano il rispetto della Costituzione hanno solo due scelte:

    A) staranno a casa per libera scelta e sgombereranno la piazza senza far sudare la polizia

    B) permetteranno agli uomini neri senza volto di giustificare un intervento violento della polizia

    L’immagine degli idranti e i manganelli contro cittadini inermi a mani alzate deve sparire dall’immaginario collettivo sostituito da una nuova narrazione.

    Se non restano a casa li pesteranno, li arresteranno, li zittiranno…

    Ma deve essere colpa loro.

    Sarebbe geniale se fosse la strategia di un generale in guerra, invece è rivoltante, perché è funzionale a una guerra asimmetrica delle banche di Mario Draghi contro una carta costituzionale fra le più ben scritte del mondo. 

    Non cedete al lock down cognitivo.

    Non vedete solo ciò che mostreranno.

    Le diatribe fra fascisti e comunisti sono stronzate funzionali a dividerci e distrarci dall’avanzata dei colletti bianchi che applicano i metodi della Cina di Mao per consolidare il potere dei Consigli d’amministrazione delle banche e farci rinunciare per stanchezza alla possibilità e poi al diritto di tornare a essere felici.

    Claudia Maria Sini

     

    Articoli correlati