More

    L’aria intorno al vulcano La Palma subisce il più grande deterioramento dall’eruzione

    La qualità dell’aria intorno al vulcano, cioè nei comuni di El Paso e Los Llanos, è stata ieri la peggiore dall’inizio dell’eruzione il 19 settembre.

    Le due stazioni supplementari installate dal governo delle Canarie nell’ovest di La Palma dopo l’eruzione hanno registrato concentrazioni di biossido di zolfo (SO2) fino a 667 microgrammi per metro cubo per un’ora nella stazione portatile di El Paso (tra le 6:00 e le 7:00 di ieri mattina) e fino a 364 microgrammi per metro cubo nell’unità mobile installata a Los Llanos de Aridane (tra le 8:00 e le 9:00 del mattino). 

    Questi aumenti sono stati notevoli per quasi otto ore ieri mattina, così che, nel conteggio giornaliero, hanno raddoppiato – e anche triplicato – i limiti giornalieri imposti dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

    Nelle sue nuove linee guida sulla qualità dell’aria esterna, aggiornate quest’anno, l’OMS afferma che le concentrazioni di anidride solforosa non dovrebbero superare i 40 microgrammi per metro cubo in 24 ore per non causare danni alla salute.

    Secondo i dati forniti dalla Rete di qualità dell’aria del governo delle Canarie, la media giornaliera a Los Llanos de Aridane ha raggiunto 88,5 microgrammi per metro cubo – il doppio della raccomandazione dell’OMS – mentre a El Paso le cifre giornaliere raccomandate erano quasi quadruplicate.

    In questa stazione, 145,60 microgrammi per metro cubo di concentrazione di SO2 sono stati misurati quotidianamente. 


    Uno dei colpevoli diretti di questo deterioramento della qualità dell’aria nelle zone circostanti il vulcano è stato il tempo stesso.

    Le condizioni meteorologiche sono state sfavorevoli per due motivi: gli alisei hanno smesso di soffiare e soffia una leggera brezza dal mare che impedisce al pennacchio di lasciare il suolo.

    “C’è un alto livello di stabilità negli strati inferiori dell’atmosfera, con un’inversione termica di 6 o 7 gradi a un’altitudine compresa tra 600 e 700 metri”, spiega David Suárez, delegato provinciale dell’Agenzia meteorologica statale (AEMET) delle Canarie, che sottolinea che questo fenomeno sta agendo come una “copertura” della nube vulcanica, bloccando la dispersione di gas e inquinanti. In altre parole, concentrandoli tutti in un punto specifico. 

    L’altro fattore determinante per la stagnazione del pennacchio di fumo a ovest di La Palma è stata la brezza marina.

    Nel corso della mattinata, poiché la terra si riscalda molto più facilmente della superficie del mare, avviene una reazione fisica per cui il vento passa dall’oceano alla terra.

    “Queste brezze, che sono molto leggere, hanno anche influenzato la bassa dispersione di questi gas, soprattutto a El Paso e Los Llanos de Aridane”, dice Suárez. 

    Il rallentamento degli alisei e l’azione della brezza marina ristagnano il pennacchio vulcanico in questo punto.

    Questo episodio, che gli scienziati non escludono che possa ripetersi e colpire altre parti dell’isola, ha anche aumentato il numero di particelle più grandi di 10 micrometri di diametro.

    In entrambe le stazioni i livelli giornalieri di questo tipo di particelle, che possono essere inalate e causare gravi conseguenze per la salute della popolazione, erano una media di 62 microgrammi per metro cubo al giorno, quando il limite raccomandato di 24 ore è di 45 microgrammi per metro cubo.

    Nelle isole Canarie, i valori medi giornalieri normali sono di circa 20 microgrammi per metro cubo, in gran parte dovuti alle concentrazioni di sale marino che si trovano normalmente nell’aria delle isole.

    Nel caso di La Palma e sotto l’influenza del vulcano, una frazione, che gli scienziati stimano essere quasi la metà, corrisponde alle ceneri vulcaniche più piccole. 

    Il governo delle Isole Canarie ha due stazioni per misurare la qualità dell’aria nella zona.

    L’anidride solforosa è un gas che, a contatto con l’aria, si trasforma in acido solforico.

    Quando questo composto chimico viene inalato, provoca irritazione delle vie respiratorie, del naso e della bocca.

    Per questo motivo, gli esperti raccomandano l’uso estremo di una maschera -preferibilmente FFP2, ma se possibile anche FFP3-.

    Insistono anche sul fatto che i più colpiti da queste alte concentrazioni di particelle inquinanti sono i bambini più piccoli e gli anziani con patologie multiple. 

    Il volume medio delle particelle di 10 micrometri era, ieri, di 62 microgrammi per metro cubo. La raccomandazione dell’OMS è di 45 e, nelle isole Canarie, di solito sono 20.

    I valori massimi di concentrazione di anidride solforosa sono stati registrati a Los Llanos, dove le reti di qualità dell’aria hanno registrato 145 microgrammi per metro cubo al giorno.

    L’inalazione di biossido di zolfo, convertito in acido solforico al contatto con l’aria, aumenta il rischio di soffrire un evento asmatico del 10,9%, essendo più alto nei bambini.

     

    Articoli correlati