More

    I proprietari di Plaza de Toros chiedono al Cabildo di Tenerife il permesso di aprirla

    I proprietari dell’abbandonata Plaza de Toros di Santa Cruz, la famiglia Hafner, hanno chiesto al Cabildo di Tenerife il permesso di intervenire nell’arena, aprendola alla città e trasformandola in uno spazio con negozi e ristoranti.

    In concreto, hanno presentato alla Corporazione dell’Isola un progetto di costruzione che prevede la demolizione di una parte della Plaza de Toros con l’obiettivo di integrarla nella Rambla.

    La costruzione di un parcheggio sotterraneo di quattro piani.

    L’installazione di una “galleria commerciale” all’interno del complesso, e la costruzione di edifici residenziali nel retro di questo emblematico edificio.

    Questo è stato annunciato dall’assessore all’urbanistica nel Consiglio comunale, Carlos Tarife, che riferisce che negli ultimi mesi si è incontrato più volte con i proprietari di Plaza de Toros e hanno fatto diverse visite al sito, con l’obiettivo di trovare finalmente una soluzione a questa proprietà.

    È la prima volta che i proprietari della Plaza de Toros presentano un progetto al Cabildo per l’approvazione.


    Spiega Tarife che i proprietari della Plaza de Toros, costruita nel 1893 e abbandonata da più di 20 anni, hanno due proposte architettoniche per intervenire nel complesso.

    Una di queste consiste nel lasciare l’edificio così com’è e stabilire una “galleria commerciale” al suo interno, includendo anche la costruzione di case nella parte posteriore, “fuori dall’arena”.

    La seconda è quella che hanno presentato al Cabildo “e quella che difendiamo dal Consiglio Comunale perché è la più vantaggiosa per Santa Cruz, perché la Plaza de Toros, eliminando parte del muro, verrebbe aperta alla città, che recupererebbe la larghezza della Rambla.

    Permetterebbe un marciapiede in condizioni, perché in quella zona è molto stretta.

    Si eliminerebbe il traffico nella curva esistente in quel tratto di strada, e ci sarebbe una bella vista dalla Rambla all’interno dell’antico complesso.

    Inoltre, oltre alle case che verrebbero costruite sul retro, verrebbe creato anche un parcheggio di quattro piani, sottolinea il consigliere.

    Il progetto proposto alla Corporazione insulare apre la Plaza de Toros nella zona della Rambla e la parte inferiore della strada Comandante Sanchez Pinto.

    “Per la Direzione Municipale di Urbanistica, questa proposta è molto più interessante per la capitale perché risolve i problemi urbani della Rambla, ma andremo di pari passo con il Cabildo, i tecnici del Patrimonio Storico, con quello che è deciso.

    Se il Cabildo dà il via libera, lo faremo anche noi. Se lo rifiuta, i proprietari proporranno il primo progetto”, dice Tarife.

    D’altra parte, il sindaco ricorda che il Cabildo di Tenerife ha riaperto il dossier per espandere il BIC (Bien de Interés Cultural) a Los Hoteles Pino de Oro, che includerebbe nel campo di applicazione della protezione, la Plaza de Toros.

    “Il primo è stato annullato dalla giustizia e questo secondo dossier è stato avviato senza avvisarci.

    I nostri tecnici e giuristi stabiliscono che anche in questo caso è stato fatto male, ma non vogliamo iniziare una guerra con questo.

    Pertanto, proponiamo al Cabildo di creare un tavolo tecnico per concordare questa materia”.

    Franco Leonardi

    (N.d.R: speriamo che non ci vogliano altri venti anni!)

     

    Articoli correlati